15.04.2021 - 16:06
Aggiornamento: 17:17

Scuola montana di Nante, la Città vuole investire 3 milioni

Richiesta di credito al Consiglio comunale per lavori di manutenzione straordinaria dell'edificio sorto negli anni '60

di Guido Grilli
scuola-montana-di-nante-la-citta-vuole-investire-3-milioni
TI-PRESS
Uno scorcio panoramico di Nante

Il Municipio ha licenziato oggi all’attenzione del Consiglio Comunale un credito di 3 milioni di franchi per i lavori di manutenzione straordinaria della Scuola montana di Nante. Obiettivo: risanare l’edificio e assicurare la continuità delle attività scolastiche fuori sede per gli allievi delle scuole elementari di Lugano. La Casa di Nante risale all’inizio degli anni ’60 e si trova nel comune di Airolo, all’entrata del villaggio di Nante. La Casa è stata acquistata dalla Città nel 1967, e nel dicembre dello stesso anno ha avuto luogo per la prima volta il corso scolastico di sci per le scuole elementari di Lugano. Nel 1991, a conclusione di alcuni lavori di ristrutturazione e ampliamento della struttura, è stata inaugurata la sede rinnovata della Scuola montana di Lugano. Qui i bambini di quarta e quinta elementare hanno l’opportunità di trascorrervi rispettivamente due e una settimana e cimentarsi in attività sportive e didattiche legate in particolare alla conoscenza del territorio.

Andrebbe rinnovata l'impiantistica e le attrezzature vetuste

Le opere di ristrutturazione generale all’interno e all’esterno dell’edificio riguardano in particolare il risanamento energetico dello stabile (illuminazione con tecnologia LED, centrale termica, gestione del calore, ecc.), il rinnovo dell’impiantistica (canalizzazioni, impianto elettrico), del mobilio e delle attrezzature vetuste. Con i soldi - se il Legislativo lo vorrà - è previsto anche il rifacimento del piazzale esterno e della strada di accesso dei fornitori con un nuovo manto stradale per consentire il transito dei bus e degli spazzaneve. Per una piccola parte dell'ingente investimento (285 mila franchi), il Municipio conta di poter richiedere gli incentivi cantonali (FER, Fondo per le energie rinnovabili). 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved