lugano-lo-sfitto-residenziale-preoccupa-la-citta
Appartamenti sfitti in aumento sono fonte di preoccupazione (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 min

Cavigliano, pagnotte nel forno ma non solo

In giornata oltre alla cottura dell’alimento vi sarà il mercatino con prodotti gastronomici e artigianali, la musica e lo spettacolo di un illusionista
Luganese
4 ore

Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app

Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
4 ore

‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’

Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
14 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
14 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
14 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
14 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
15 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
15 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
Locarnese
15 ore

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no
Ticino
16 ore

Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio

Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Mendrisiotto
16 ore

Coldrerio, le regole per parcheggiare al Parco San Rocco

L’autorimessa sarà accessibile da settembre. Il Municipio adatta l’ordinanza sulla gestione dei posteggi pubblici
Locarnese
16 ore

Vira Gambarogno, festa annullata

A causa delle previsioni meteo avverse
Luganese
17 ore

Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare

Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
17 ore

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
17 ore

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
Locarnese
18 ore

Losone, la Lega: ‘Il sindaco dimissiona?’. Catarin: ‘Macché...’

Un’interpellanza ipotizza tensioni in Municipio. Secca la smentita: ‘Clima sereno e costruttivo’
GALLERY
Mendrisiotto
18 ore

Mendrisio e ‘l’energia positiva’ della Festa della Musica

Gli organizzatori tracciano il bilancio della nona edizione svoltasi nel fine settimana nel cuore del Borgo. L’appuntamento è per il giugno 2023
Bellinzonese
20 ore

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
23 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
12.04.2021 - 16:47
Aggiornamento: 18:21

Lugano, lo sfitto residenziale preoccupa la Città

L'analisi del Servizio urbano di statistica stima un valore di vuoto residuo dell'8%. Le domande di costruzione continuano ad aumentare.

‘Affittasi appartamenti’: una scritta che appare un po’ dappertutto negli ultimi tempi a Lugano. Basta un giro in centro città e nei popolosi quartieri residenziali di Molino Nuovo, Viganello e Pregassona per rendersene conto. La percezione induce a pensare che abitazioni (e soprattutto spazi commerciali) vuoti siano decisamente in aumento. Eppure, anche in questo periodo ‘pandemico’, le gru e i cantieri non mancano. A quella che appare come una contraddizione, di fronte allo spettro di una bolla immobiliare (che peraltro aleggia sulla città da alcuni anni) e all’interrogazione presentata da Sara Beretta Piccoli e Giovanni Albertini (Movimento Ticino e Lavoro), ha cercato di rispondere l’analisi commissionata dal Municipio di Lugano al Servizio di statistica urbana. Un’analisi che offre un altro punto di vista rispetto all’approfondimento odierno (cfr. pagine 2 e 3) e cerca d’illustrare nel dettaglio, sulla base dei dati amministrativi della Città, la relazione tra forte dinamica migratoria, la necessita di vuoto temporaneo e l’evoluzione del vuoto nel tempo.

Il vuoto, una questione di migrazione

Prima di cominciare, una puntualizzazione: il Servizio statistica urbana ha analizzato i dati disponibili per valutare il grado di occupazione nel tempo delle unità abitative e illustrare con maggior chiarezza le dinamiche relative all’alloggio a Lugano. Anzitutto, per far fronte ai massicci movimenti migratori (arrivi, partenze, movimenti interni), che coinvolgono ogni anno circa 7’250 nuclei famigliari, “il tasso di vuoto disponibile a livello di mercato deve essere almeno tra il 5% e 10% della disponibilità totale di unità abitative”, sottolinea il Municipio. Tale stima si allinea al valore del vuoto temporaneo calcolato che risulta del 2,2% a cui va aggiunta una parte di vuoto permanente stimabile tra il 2,3% e 4,9% (unità vuote a lungo termine ma sul mercato). Le unità abitative vuote sono suddivise per il 40% in unità di 1-2 locali, per il 50% in unità di 3-4 locali e per il 10% in unità di grandi dimensioni. La maggior densità di sfitto risulta nei quartieri centrali dove di norma gli affitti sono già mediamente più alti, piuttosto che nelle zone periferiche e con un alto tasso di nuove costruzioni.

Dov’è l’affitto meno caro del reame?

Nel dettaglio, l’analisi dei servizi parla dell’82% delle unità abitative che è soggetta a un grado di occupazione alta nel tempo (66%-100%) e di circa l’8% a una occupazione media (33%-66%). Una bassa percentuale di occupazione nel tempo invece tocca circa il 2,2% delle unità e potrebbe essere una prima indicazione di vuoto. Le rimanenti unità (circa l’8% del totale, 7,5% senza residenze secondarie) risultano pertanto permanentemente vuote, solitamente case mono e plurifamiliari e appartamenti di proprietà, non necessariamente disponibili sul mercato dell’affitto o vendita. L’analisi può solo stimare i valori di vuoto residui. Il Municipio non nasconde la propria preoccupazione in merito all’aumento della percentuale di alloggi sfitti: “Un fenomeno che ha diverse cause, tra le quali i tassi d’interesse favorevoli e la propensione dei grandi investitori istituzionali a investire in modo massiccio sul mercato residenziale. Questi attori, così come numerosi altri investitori, hanno poche altre alternative all’investimento immobiliare. È innegabile che un tasso di alloggi sfitti eccessivo costituisca un problema serio, segnatamente in un contesto nel quale il mercato continua a produrre offerta di alloggi nuovi, con buone caratteristiche e a prezzi anche ragionevoli, in concorrenza diretta con il parco immobiliare residenziale esistente, a Lugano spesso obsoleto e quindi meno attrattivo in termini di qualità-costo”. I quartieri con il prezzo d’affitto al metro quadro più elevato sono Centro, Cassarate, Castagnola, Loreto e Davesco-Soragno; a seguire troviamo i quartieri residenziali centrali (Molino Nuovo, Viganello, ...), mentre quelli con un prezzo inferiore sono quelli nella periferia nord e sud della città.

Il margine di manovra comunale è poco

Dal canto suo, la Città cosa può fare? Il margine di manovra è quasi nullo. Può decidere sui suoi beni, sugli altri vige la regola del mercato: “Senza la pretesa di poter influenzare il mercato, sarebbe però possibile attivare dei tavoli di discussione con gli investitori immobiliari, sulla scorta delle iniziative di dialogo che la Città sta promuovendo in altri ambiti e su singoli comparti”, scrive il Municipio nella risposta all’interrogazione. Una risposta in cui viene evocato anche il rischio di bolla immobiliare: “Il Municipio segue l’evoluzione del mercato e opera nei limiti delle proprie competenze e concrete possibilità. È innegabile che vi sia attualmente un certo rischio di bolla immobiliare, anche a Lugano. Il “Real estate bubble index” di Ubs, che si basa su analisi svolte trimestralmente, indica un concreto rischio di bolla nei comparti della Svizzera centrale (agglomerati di Zurigo, Zugo e Lucerna), nel Cantone di Basilea Città, nel comprensorio orientale dell’arco lemanico (Losanna, Vevey) e, appunto, nell’agglomerato di Lugano”. Non solo. “Ad analoghe conclusioni giunge Credit Suisse, che rileva nelle proprie valutazioni periodiche (10 ottobre 2020), come l’attività di costruzione di appartamenti in affitto resti elevata nonostante la crisi causata dal coronavirus”. Altro segnale sono le domande di costruzione nel segmento degli appartamenti in affitto, in aumento: “In questo caso, tuttavia, gli effetti negativi si sono protratti un po’ più a lungo, con un andamento che è rimasto negativo anche nel 2° trimestre 2020. Da maggio 2020, il numero delle domande di costruzione è però già di nuovo superiore alla media. Questo fa sì che l’attrattività degli investimenti in appartamenti in affitto rimanga inalterata, nonostante l’elevato tasso di superfici sfitte”. L’esecutivo precisa tuttavia che “la situazione sul mercato delle abitazioni in proprietà è completamente diversa: il numero dei permessi di costruzione ha toccato un nuovo minimo. Ma dal momento che la domanda rimane elevata, in questo segmento i prezzi continuano a salire”.

Lugano possiede 26 gli stabili comunali

La Città possiede un portafoglio immobiliare residenziale composto da 26 stabili (in totale circa 320 appartamenti, l’1,3% degli alloggi in locazione a Lugano). Sono stabili sempre occupati con pochi appartamenti, in prevalenza di medie dimensioni (3,5 locali), pochi gli appartamenti piccoli (inferiori o uguali ai 1,5 locali) o grandi (maggiori o uguali ai 5,5 locali), e 24 edifici su 26 sono stati realizzati prima del 1980. La Città promuove pure l’accesso ad alloggi a pigione moderata, per favorire le persone con un reddito medio-basso. Sono in corso studi di fattibilità a Pregassona (ex Spohr), all’ex Ptt a Viganello, in via al Chioso, e via Torricelli, via Trevano, con le case del ’48. Nel frattempo, lo ricordiamo, è stato assegnato alla Cooperativa di abitazione Vivere Lambertenghi il fondo comunale in via Lambertenghi. Il Municipio sta valutando sinergie con il Centro di competenza cantonale dell’alloggio (alla Supsi) e collaborazioni con lo studio sull’alloggio a pigione sostenibile, commissionato dalla Divisione dell’azione sociale e delle famiglie.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano sfitto residenziale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved