cisterna-di-sorengo-di-nuovo-fallita-la-societa-proprietaria
TI-PRESS
Odissea infinita
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
5 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
6 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
6 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
6 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
6 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
6 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
6 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
02.04.2021 - 16:10
Aggiornamento : 16:40

Cisterna di Sorengo, di nuovo fallita la società proprietaria

Il comparto potrebbe finire all'asta? Il Comune è in attesa di due ricorsi della Sa davanti al governo. La sindaca, Antonella Meuli:dossier in sospeso

E due. È fallita per la seconda volta la società Piancha de Citerna Sa, proprietaria a Sorengo del vasto comparto dove sorgeva la piscina, la quale aveva, d’intesa con l’Esecutivo, posto le premesse per farsi carico di un investimento milionario per la realizzazione di un Centro di creatività e cultura con atelier a disposizione di compagnie artistiche, teatrali, musicali, registi, coreografi e in parte fruibile al pubblico. Un progetto ambizioso tuttavia decaduto per decisione del Consiglio comunale, che, accettando la linea del Municipio, aveva revocato la Variante pianificatoria votata nel 2018 dal Legislativo sui cui poggiavano le premesse per il progetto culturale. Il Consiglio comunale, sempre su indicazione dell'Esecutivo, aveva inoltre dato un monito alla società per quanto attiene alle garanzie finanziarie del progetto, garanzie non fornite dai promotori. Ma la partita non è ancora chiusa. La Piancha de Citerna Sa ha infatti interposto due ricorsi sulle due decisioni del Consiglio comunale, entrambi tuttora pendenti davanti al Consiglio di Stato.

Legislativo informato

Intanto, martedì scorso, nell'ultima seduta della legislatura la sindaca di Sorengo, Antonella Meuli, ha informato il Consiglio comunale sul secondo fallimento della società promotrice del progetto. Da noi interpellata, la sindaca fa sapere che in questo momento è difficile conoscere come proseguirà questa vicenda, della quale si parla da anni: il dossier è sospeso, in attesa delle evasioni dei ricorsi. La Piancha de Citerna lo scorso 24 febbraio è finita in liquidazione: la società è sciolta in seguito a fallimento pronunciato dalla Pretura del Distretto di Lugano - si legge sul Foglio ufficiale. Dopo il primo fallimento, la società era riuscita a risorgere dalle proprie ceneri, come la fenice, ottenendo di essere reintegrata nella libera disposizione del proprio patrimonio. Potrebbe dunque risollevarsi nuovamente? Difficile a dirsi. Resta il fatto, che se ciò non fosse il caso, l'Ufficio fallimenti potrebbe ipoteticamente mettere all'asta l'ampio terreno. Insomma, affaire à suivre. E, soprattutto, l'annosa matassa sarà ancora tema della prossima Legislatura. Martedì il Consiglio comunale ha pure definito il moltiplicatore d'imposta, fissandolo al 60%, tra i più bassi del Cantone. Il Legislativo ha inoltre detto sì al credito di 1,2 milioni per una nuova organizzazione della gestione dei rifiuti; mentre ha detto no alla convenzione-contratto di affitto decennale per un piano di parcheggi sotterranei lungo la via Ponte Tresa (nuova costruzione Franklin University Switzerland). 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cisterna sorengo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved