ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
43 sec

Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale

La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
2 min

‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa

Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Locarnese
1 ora

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
2 ore

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
2 ore

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
4 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
6 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
6 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
02.04.2021 - 16:10
Aggiornamento: 16:40

Cisterna di Sorengo, di nuovo fallita la società proprietaria

Il comparto potrebbe finire all'asta? Il Comune è in attesa di due ricorsi della Sa davanti al governo. La sindaca, Antonella Meuli:dossier in sospeso

di Guido Grilli
cisterna-di-sorengo-di-nuovo-fallita-la-societa-proprietaria
TI-PRESS
Odissea infinita

E due. È fallita per la seconda volta la società Piancha de Citerna Sa, proprietaria a Sorengo del vasto comparto dove sorgeva la piscina, la quale aveva, d’intesa con l’Esecutivo, posto le premesse per farsi carico di un investimento milionario per la realizzazione di un Centro di creatività e cultura con atelier a disposizione di compagnie artistiche, teatrali, musicali, registi, coreografi e in parte fruibile al pubblico. Un progetto ambizioso tuttavia decaduto per decisione del Consiglio comunale, che, accettando la linea del Municipio, aveva revocato la Variante pianificatoria votata nel 2018 dal Legislativo sui cui poggiavano le premesse per il progetto culturale. Il Consiglio comunale, sempre su indicazione dell'Esecutivo, aveva inoltre dato un monito alla società per quanto attiene alle garanzie finanziarie del progetto, garanzie non fornite dai promotori. Ma la partita non è ancora chiusa. La Piancha de Citerna Sa ha infatti interposto due ricorsi sulle due decisioni del Consiglio comunale, entrambi tuttora pendenti davanti al Consiglio di Stato.

Legislativo informato

Intanto, martedì scorso, nell'ultima seduta della legislatura la sindaca di Sorengo, Antonella Meuli, ha informato il Consiglio comunale sul secondo fallimento della società promotrice del progetto. Da noi interpellata, la sindaca fa sapere che in questo momento è difficile conoscere come proseguirà questa vicenda, della quale si parla da anni: il dossier è sospeso, in attesa delle evasioni dei ricorsi. La Piancha de Citerna lo scorso 24 febbraio è finita in liquidazione: la società è sciolta in seguito a fallimento pronunciato dalla Pretura del Distretto di Lugano - si legge sul Foglio ufficiale. Dopo il primo fallimento, la società era riuscita a risorgere dalle proprie ceneri, come la fenice, ottenendo di essere reintegrata nella libera disposizione del proprio patrimonio. Potrebbe dunque risollevarsi nuovamente? Difficile a dirsi. Resta il fatto, che se ciò non fosse il caso, l'Ufficio fallimenti potrebbe ipoteticamente mettere all'asta l'ampio terreno. Insomma, affaire à suivre. E, soprattutto, l'annosa matassa sarà ancora tema della prossima Legislatura. Martedì il Consiglio comunale ha pure definito il moltiplicatore d'imposta, fissandolo al 60%, tra i più bassi del Cantone. Il Legislativo ha inoltre detto sì al credito di 1,2 milioni per una nuova organizzazione della gestione dei rifiuti; mentre ha detto no alla convenzione-contratto di affitto decennale per un piano di parcheggi sotterranei lungo la via Ponte Tresa (nuova costruzione Franklin University Switzerland). 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved