allievi-al-mizar-e-al-villaggio-degli-studi-a-viganello
Sfumata l'ipotesi di polo bio-medicale, arrivano la Scuola media (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
1 ora

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
11 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
12 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
12 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
12 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
13 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
13 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
13 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
13 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
14 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
15 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
15 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
01.04.2021 - 16:09
Aggiornamento: 24.06.2021 - 14:14

Allievi al Mizar e al villaggio degli studi a Viganello

Ammonta a 47,56 milioni di franchi il credito che il governo cantonale chiederà per la riorganizzazione scolastica di tutto il Luganese

Serviranno ben 47,56 milioni di franchi per allestire le sedi transitorie degli istituti scolastici di Lugano centro, necessarie per realizzare gli scenari logistici futuri dell’edilizia scolastica del distretto. Come noto, gli studenti del Liceo Lugano 1 e della Scuola media di Lugano centro che condividono gli spazi dello storico Palazzo degli studi lungo viale Carlo Cattaneo, dovranno spostarsi. Il trasferimento sarà però temporaneo affinché si possa consentire il rinnovo del comparto scolastico che si trova in centro città dove ci sono anche il Palazzetto delle scienze (con al suo interno anche una palestra e una piscina), la Biblioteca cantonale e l'edificio Cino Chiesa (che ospita una palestra e la ristorazione scolastica). Più precisamente, al Gran Consiglio verranno richiesti 7,26 milioni di franchi per l’adattamento degli spazi interno dello stabile Mizar a Molino Nuovo (dove avrebbe dovuto concretizzarsi il progetto di polo bio-medicale), altri 35 milioni di franchi per la progettazione e la realizzazione del villaggio a Viganello e 5,3 milioni di franchi per adattare e ampliare le strutture prefabbricate già esistenti all’interno del comparto del Palazzo degli Studi.

Liceo 1 e 2 da ristrutturare

La ristrutturazione del Palazzo degli studi che aprì i battenti il 2 novembre 1852 (dopo alcuni interventi esterni già realizzati e altri di lifting all'interno) e il continuo aumento degli studenti liceali è una necessità annosa. Una necessità che ha imposto un ripensamento della situazione logistica dell’intero comparto scolastico del Luganese che ha posto le basi per una riflessione più ampia sulla possibilità di creare un terzo polo liceale ad Agno, in modo da distribuire il numero di studenti del Luganese su tre sedi. La quadratura del cerchio è stata inoltre complicata da un'ulteriore esigenza: la necessaria ristrutturazione della sede del Liceo di Lugano 2 in territorio di Savosa. Per la realizzazione di questo scenario logistico futuro si è quindi imposta la pianificazione, entro il 2023, di sedi transitorie capaci di rispondere alle necessità dei tre progetti (restauro del Palazzo degli studi, nuovo Liceo di Agno, ristrutturazione Liceo di Lugano 2), in cui collocare i numerosi studenti nel lasso di tempo in cui vengono portati a termine i lavori.

La Media 1 a Molino Nuovo

Da queste premesse, passiamo alle proposte formulate nel messaggio governativo: il Consiglio di Stato propone quindi di collocare gli studenti della Scuola media di Lugano centro, per circa dieci anni, nello stabile Mizar di proprietà della SwissLife, ubicato a Molino Nuovo, adattando gli spazi in locazione già esistenti e utilizzando, per le attività di educazione fisica, gli spazi sportivi nell'area di Lugano centro e la palestra delle scuole comunali di via Lambertenghi. Per questa ragione, il Consiglio di Stato chiede l’autorizzazione a sottoscrivere il contratto di locazione per la sede transitoria della scuola media per un affitto annuo di 806'180 franchi. Per quanto riguarda i liceali, si pensa invece alla realizzazione di un complesso scolastico in elementi modulari prefabbricati a Viganello. In questi spazi saranno collocati inizialmente circa 750 studenti del Liceo Lugano 1 e, successivamente, altrettanti del Liceo Lugano 2. L’utilizzo del complesso è previsto per una durata di circa 10-12 anni e prevede anche d'impiegare in modo sinergico gli spazi nei dintorni del Campus Usi-Supsi, della scuola media di Viganello, degli impianti di Cornaredo o delle scuole comunali di Via Lambertenghi. Pertanto, si propone la convenzione per l’uso del terreno destinato alla realizzazione della sede transitoria del liceo a Viganello per un costo annuo di 20'000 franchi.

Altri padiglioni davanti al Palazzo degli studi

Non solo. Il governo cantonale propone di completare l’attuale villaggio transitorio nel comparto scolastico di Lugano-Centro con altri padiglioni che accoglieranno aule, spazi amministrativi e la biblioteca. Questi spazi saranno destinati, per circa tre anni, ad altri 550 studenti del Liceo di Lugano 1, che usufruiranno oltre che di queste strutture prefabbricate (nuove e già esistenti) anche degli spazi didattici e sportivi del Palazzetto delle scienze e dello stabile Cino Chiesa. Le sedi transitorie saranno attive fino alla consegna delle sedi definitive del Liceo Lugano 1 (i lavori al Palazzo degli studi dovrebbero essere ultimati nel 2026), del nuovo Liceo di Agno (interventi finiti da programma nel 2028), della Scuola media di Lugano centro (verso il 2033) e del Liceo Lugano 2 a Savosa sempre verso lo stesso anno, il 2033.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
47 milioni agno liceo 1 liceo 2 lugano mizar ristrutturazione savosa viganello
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved