ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
21 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
22 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
2 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
2 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
3 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
3 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
4 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
4 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
4 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
4 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
laR
 
31.03.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:55

Lido di Bissone, presunte sovrafatturazioni in Pretura

Una perizia 'super partes' rileva lavori 'non eseguiti a regola d'arte' per il rifacimento della pavimentazione. A una svolta la causa civile

lido-di-bissone-presunte-sovrafatturazioni-in-pretura

Lavori eseguiti "non ad opera d'arte" e, soprattutto, sovrafatturati per un importo a cinque zeri, quantificabile in oltre 300 mila franchi. A 10 anni dal risanamento del Lido di Bissone, lo scottante dossier - da sempre tema di battaglie e accesi dibattiti della politica locale - giunge a una nuova, ma non ancora definitiva, verità. L'ultima parola spetterà infatti al Pretore del distretto di Lugano, Franca Galfetti Soldini, che presumibilmente entro giugno, pronuncerà l'attesa sentenza sulla causa promossa dal Municipio di Bissone nei confronti del consorzio Acquaplan Sa, al quale, dopo un concorso pubblico, l'allora maggioranza della compagine municipale, guidata dall'ex sindaco Ludwig Grosa di Nuova Bissone, nel 2011 aveva deciso di affidare i lavori del Lido comunale. 

La causa civile è stata voluta dal Consiglio comunale per fare chiarezza sulla bontà dei lavori e sui costi fatturati dal Consorzio al Comune, ritenuti da molti eccessivi e ingiustificati. Causa civile che - dopo il parere già espresso da due periti convocati dalle rispettive parti e il chiaro intento di fare luce sulla natura dei lavori di ristrutturazione della struttura balneare - vede ora approdare le considerazioni della perizia 'super partes' ordinata dalla Pretura. Ebbene, rispondendo punto per punto alle domande e dopo i sopralluoghi avvenuti tra gennaio e febbraio, il nuovo perito incaricato mette in luce numerose inadempienze alle quali sarebbe incorso il consorzio designato per l'opera appaltata dal Comune e per la quale il Consiglio comunale aveva stanziato un credito di 1 milione e 980 mila franchi. La più clamorosa inadempienza segnalata nella nuova perizia riguarda il rifacimento della pavimentazione attorno alle tre piscine - grande, piccola e quella riservata ai bambini - in Tartan (miscela di caucciù e di resine sintetiche, nella quale sono compressi trucioli di gomma) - che il perito incaricato definisce "non eseguita a regola d'arte". L'opera fornita da Acquaplan, non solo secondo il perito non corrisponderebbe a quanto offerto - sarebbe cioè stata posata una pavimentazione monostrato, mentre l'offerta ne prevedeva una a due strati - ma soprattutto, prima della posa del nuovo manto non sarebbe stato eseguito adeguatamente il lavoro di preparazione del sottofondo. Di qui deriverebbe una sostanziale e non trascurabile divergenza di fatturazione, nonché un presunto danno nei confronti dell'ente pubblico per alcune decine di migliaia di franchi. 

Se questa e altre incongruenze, tra lavori eseguiti, costi reali e fatturazione al Comune, saranno confermate dalla Pretura, le crepe attualmente visibili in alcune parti della pavimentazione del Lido di Bissone potrebbero essere ricondotte non solo dunque all'usura del tempo - dieci anni sono ormai trascorsi dal risanamento della struttura balneare - ma anche alla mancanza, appunto, di un adeguato lavoro di preparazione del sottofondo e di una scelta costruttiva ritenuta rischiosa dal perito, il quale ha oltretutto constatato uno spessore chiaramente irregolare della pavimentazione. Il contratto tra il Municipio (il committente dell'opera) e Acquaplan Sa, per questo specifico capitolo, non sarebbe insomma stato rispettato. 
All'esame del perito vi sono inoltre diverse voci di spesa accollate al Comune di Bissone ritenute ingiustificate, poiché non corrispondenti alla prestazione pattuita. Inoltre, alcuni onorari richiesti dal consorzio al Comune non risulterebbero sufficientemente documentati e pertanto immotivati. Tutti aspetti che dovranno essere attentamente valutati dal Pretore del distretto di Lugano, l'avvocatessa Franca Galfetti Soldini, cui spetterà il compito di accogliere o respingere la causa promossa dal Municipio nei confronti del consorzio che ha eseguito i lavori di risanamento al Lido comunale.

Il risanamento del Lido di Bissone solleva inevitabilmente anche questioni politiche. Al momento dell'emissione della fattura da parte di Acquaplan Sa, l'allora maggioranza municipale guidata dall'ex sindaco Ludwig Grosa, aveva proceduto al pagamento in pochi giorni. La minoranza municipale aveva invece richiesto - ma invano - di eseguire puntuali verifiche sui lavori eseguiti e consegnati, incluso il collaudo dell'opera oggetto dell'importante 'restyling', che a tutt'oggi accuserebbe una mancanza di trasparenza sulla gestione dell'appalto. L'opera di risanamento della struttura balneare, fra l'altro, inizialmente avrebbe dovuto prevedere la sostituzione della vasca della piscina (investimento che avrebbe potuto contare sugli aiuti dello Sport Toto) nonché beneficiare di altri sussidi, come era stato paventato nel messaggio municipale. Ma, strada facendo, l'ente pubblico vi ha inspiegabilmente rinunciato. E ora sul dossier della discordia si attende il verdetto della Pretura. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved