pensione-spolpata-i-docenti-di-lugano-1-insorgono
Ti-press
Luganese
28.03.2021 - 14:340

Pensione spolpata: i docenti di Lugano 1 insorgono

Il previsto taglio delle rendite allarma: appelli a Cassa pensione, Governo e Parlamento

a cura de laRegione

Il Collegio dei docenti del Liceo di Lugano 1, facendo proprie le rivendicazioni già espresse dal collegio del Liceo di Bellinzona riunitosi lo scorso 11 marzo manifesta la propria preoccupazione riguardo la decisione della Cassa Pensione del Cantone Ticino di procedere a importanti modifiche di alcuni articoli del Regolamento di previdenza. Gli stessi sono stati comunicati agli affiliati il 1 gennaio 2021 e sono stati giustificati con l’insufficiente grado di copertura della cassa, che non riesce a seguire il cammino di risanamento immaginato nel 2013 (obiettivo 85% nel 2051). "Purtroppo - scrivono i docenti luganesi - non si è trattato di correttivi formali di scarsa incidenza: essi determineranno infatti un’importante riduzione delle pensioni vedovili in aspettativa che, a dipendenza dell’età degli assicurati, siano essi già in pensione o attivi al beneficio delle garanzie previste dalla riforma del 2013, implicheranno una riduzione dal 10 al 25%. Non solo. Oltre a questa penalizzante decisione, a breve termine è prevista una riduzione importante del tasso di conversione, che passerà, a 65 anni, dal 6,17% al 5% circa. Per tutti coloro che non hanno alcuna garanzia, cioè la stragrande maggioranza degli assicurati e delle assicurate, Ciò comporterà un’ulteriore, pesantissima diminuzione delle rendite, stimabile a oltre il 20%".

Il Collegio dei docenti invita il Consiglio di amministrazione e gli organi direttivi della Cassa a riflettere, coinvolgendo gli assicurati; il Gran Consiglio ad accelerare l’iter legislativo del messaggio 7784 del 15 gennaio 2020 e ad approvarlo senza modifiche; e il Consiglio di Stato a dare mandato ai suoi rappresentanti in seno al CdA dell'istituto previdenziale di collaborare con i rappresentanti del personale dello stesso gremio per mettere a punto un piano di risanamento che non vada a danneggiare ulteriormente le rendite future degli affiliati attivi o il loro salario attuale tramite l’aumento delle trattenute..

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved