municipale-di-periferia-un-lavoro-quasi-come-un-altro
Infografia laRegione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
54 min

Traffico di cocaina: scattano le manette per otto persone

Lo comunicano il Ministero pubblico e la Polizia cantonale. Arrestati cinque albanesi, un’italiana e due svizzeri
Luganese
1 ora

Quell’appartamento a Lugano divenuto crocevia dello spaccio

Tre anni di carcere in parte sospesi alle Criminali a un cittadino albanese recidivo che ha ammesso un traffico di 300 grammi di cocaina
Locarnese
1 ora

La Vos da Locarno torna a cantare

Concerto a Muralto: coro ospite sarà il Gruppo Vocale Cantadonna
Locarnese
2 ore

Avegno, concerto natalizio

Corali, organo e clarinetto. Poi vin brûlé e panettone
Locarnese
2 ore

Orizzonti filosofici a Riazzino, conferenza annullata

Non si terrà l’incontro con Sebastiano Maffettone
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, il mercatino di Natale mette la mascherina

L’appuntamento con inizio l’8 dicembre è confermato. Le bancarelle animeranno il centro per sette giorni.
Ticino
2 ore

Nel weekend in Ticino registrati 404 nuovi casi e 3 decessi

I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77, fra questi 11 si trovano in cure intense. Nelle case anziani i nuovi contagi sono 3
Bellinzonese
3 ore

È morto l’architetto Aurelio Galfetti

Co-fondatore dell’Accademia di architettura di Mendrisio, si è spento a Bellinzona all’età di 85 anni
Ticino
3 ore

Cellulare al volante, pericolo costante

Lanciata la campagna di Strade sicure, con lo scopo di sensibilizzare i conducenti sui pericoli derivanti dall’utilizzo del telefonino alla guida
Ticino
6 ore

Psicologi, richiesta una proroga per il cambio di prassi

Nel 2018 la Commissione federale ha apportato delle modifiche senza comunicarle
Mendrisiotto
8 ore

Strategia energetica 2050, Mendrisio e Novazzano della partita

I due Comuni tra i vincitori del bando di concorso indetto dall’Ufficio federale dell’energia. Parola ai sindaci, che illustrano progetti mirati
Ticino
8 ore

‘I piani regolatori sono spesso eccessivi’

L’architetto: ‘Per riattivare gli edifici è necessaria la collaborazione fra professionisti’
Bellinzonese
8 ore

Gli impresari si schierano con i cavisti contro la legge

La Ssic giudica la proposta messa in consultazione dal Dt troppo complicata, esigente e vincolante
Luganese
17 ore

Mercatino di Santa Lucia a Massagno

Al via la 37esima edizione sabato 11 dicembre. Coinvolte numerose associazioni locali
Luganese
 
13.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13:22

Municipale di periferia, un 'lavoro' (quasi) come un altro

Le paghe tra i comuni luganesi di media grandezza variano notevolmente Capriasca e Collina d'Oro sono buoni 'datori'

Tempo una settimana, e si saprà. Qualcuno dirà addio ai 'sogni di gloria' politica mentre qualcun altro riuscirà a conquistare l'ambita poltrona in Municipio o in Consiglio comunale. Che porta prestigio, di solito, il piacere di rendersi utile alla comunità, la passione per la cosa pubblica, magari anche qualche vantaggio. Ma è un affare pure... concretamente? Quanto guadagnano gli eletti nei Comuni? Quelli di media grandezza, perché nella città di Lugano ormai siamo molto vicini al professionismo, almeno per quanto riguarda il Municipio, anche se questo statuto se non viene ufficializzato. Mentre nelle località più piccole il concetto di 'milizia' è sottolineato da magri rimborsi spese.

 Anche tra i comuni di media grandezza, va detto, ci sono differenze rilevanti. Sembra di vedere una tendenza al'aumento delle retribuzioni. A Massagno, per esempio, è stata presentata dal capogruppo leghista Philippe Bouvet, una mozione che intende praticamente triplicare le 'paghe' di sindaco e municipali (tra i quali ci potrebbe essere lo stesso mozionante). Il paese della collina comunque non è messo così male in un confronto con altri comuni di grandezza paragonabile, diciamo fra i 4mila abitanti circa e i 6'700 di Capriasca. Che è, come si vede nella tabella, pure il Comune più generoso con i suoi amministratori, insieme a Collina d'Oro. Capriasca tra l'altro nel suo regolamento comunale (lì si trovano le disposizioni riguardanti gli emolumenti) prevede più o meno esplicitamente una forma di semi-professionismo, nel senso che le retribuzioni sono calcolate sulla base di un salario annuale di 90mila franchi: il sindaco 'lavora' al 40%, il vicesindaco al 30% e il municipale al 25%. Forse non è un caso che Sia Capriasca che Collina d'Oro siano comuni di recente formazione, nati da grosse aggregazioni, e rappresentanti precise regioni geografiche. All'altro capo della ipotetica classifica, Caslano, località di più morigerati costumi almeno in questo campo con 'appena' 10mila franchi annui per il sindaco e 6mila per un municipale. A questi 'fissi' si aggiungono, bisogna dire, 'diarie' ad esempio tra i 50 e i 100 franchi per seduta municipale, che alla fine dell'anno possono significare qualche ulteriore biglietto da mille. Le retribuzioni per i consiglieri comunali oscillano invece fra i 50 e i 100 franchi a seduta del Legislativo, cifre simili o analoghe vengono pagate per le sedute delle commissioni, un extra per i presidenti.

Soldi meritati?

Le somme in gioco per gli eletti in Municipio sembrano invitanti, ma quanto tempo porta via una attività del genere? Quanto incide sulla vita privata, sull'attività professionale? Giriamo la domanda a due sindache di questi comuni di media grandezza, che per motivi diversi hanno deciso di non ripresentarsi alle imminenti elezioni. Come Anna Celio, uscente a Monteceneri. "Quando alzammo le retribuzioni, triplicandole, ci fu chi voleva lanciare un referendum... Io comunque ho sempre lavorato, quando entrai ero impiegata in una ditta di alimentari. Resto dell'idea che debba essere una attività di milizia, si puo discutere sul fatto di aumentare i compensi però non trovo giusto che uno possa rinunciare a lavorare. Chiaro, le realtà cittadine sono un'altra cosa. Per chi lo fa di mestiere, la rielezione diventa importantissima, e questo può essere un problema. Poi bisogna dire è un impegno, ci vuole la passione giusta Qualcuno nel mio municipio dice il compenso è troppo basso, ma non bisogna perdere il contatto col mondo del lavoro e la vita quotidiana".  Sabrina Romelli, uscente a Collina d'Oro. "Collina d'oro essendo un comune relativamente benestante ha già delle indennità un pochino più alte degli altri comuni. È pure vero che ci vuole sempre più tempo sia per fare il sindaco che il municipale. E non esistono quasi più quei liberi professionisti che possono permettersi di lavorare al 60% e mantenere la famiglia. Personalmente do una mano a mio marito ma un 50 o 60% di tempo lo dedico al Municipio. Credo che in generale ci vorrebbe un adeguamento in tutto il Ticino, non è un messaggio facile da far passare, anche se c'è chi riconosce il lavoro che viene fatto. Anch'io credo che sia importante che resti un'attività di milizia".

Lugano, un altro pianeta

Abbiamo lasciato da parte ila Città di Lugano, che in termini di abitanti è circa 10 volte più popolosa del maggiore dei comuni trattati, e gioca in un altro campionato, per così dire. Il regolamento comunale recita che "Il grado di occupazione del Sindaco è del 60%; quello dei Municipali è del 50%", retribuiti secondo lo stipendio massimo della 25sima classe della scala salariale dei dipendenti.  Che ammonta a 214'484,95 franchi annui, il che salvo errore significano 128'690,97 franchi per il sindaco Marco Borradori e 107'242,47 per i municipali, al netto delle altre indennità con rimborsi spese che variano tra i 5 e i 15 mila franchi del sindaco. E i consiglieri comunali? A loro vanno 140 franchi per seduta del Cc o della commissione di cui fanno parte.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved