abuso-in-strada-a-paradiso-di-una-donna-affetta-da-debilita
TI-PRESS
L'aula penale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 min

Colpo di scena a Val Mara: lo sfidante sindaco si dimette

Daniele Maffei, tra i motori del progetto di aggregazione, lascia il Municipio dopo essere stato superato in votazione e al ballottaggio
Bellinzonese
12 min

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand dei Saleggi

Giovedì 19 maggio dalle 17 alle 19
Mendrisiotto
25 min

Aggregazioni, Gobbi dai Comuni del Mendrisiotto

Tra i temi il progetto di fusione del Basso Mendrisiotto che entrerà nel vivo a inizio giugno
Bellinzonese
28 min

Festa di primavera con la Civica filarmonica di Giubiasco

Appuntamento al Mercato coperto per domenica 22 maggio
Bellinzonese
35 min

Festa del mulino a Calonico

Appuntamento per sabato 28 maggio con dimostrazione, grigliata, musica e mercatino
Bellinzonese
50 min

Biasca, firmacopie con Gianluca Grossi

Sabato dalle 14 alle 17 con discussione del nuovo libro ‘La libertà è una parola. Sul giornalismo apocalittico’
Bellinzonese
51 min

Morti a Sementina: ‘vicinanza’ ma non scuse dal Municipio

Il capodicastero Giorgio Soldini ribadisce il sostegno ai vertici che andranno a processo nei prossimi mesi
Ticino
1 ora

TiSin, i leghisti Aldi e Bignasca lasciano il ‘sindacato’

Capogruppo e vicecapogruppo in Gran Consiglio della Lega si dimettono e ritirano la firma dall‘associazione. Ceruso: ’No comment, daremo comunicazioni’
Locarnese
1 ora

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio.
Ticino
1 ora

Nelle case anziani nessun contagio di coronavirus da ieri

Nelle ultime 24 ore registrati in Ticino 113 casi e zero decessi. Negli ospedali si contano 69 pazienti Covid, di cui tre nei reparti di terapia intensiva
Luganese
1 ora

Franklin College, laurea ad honorem e altre lauree

Cerimonia di consegna per 61 studenti al Palazzo dei Congressi di Lugano
26.03.2021 - 12:38
Aggiornamento : 16:21

Abusò in strada a Paradiso di una donna affetta da debilità

Condannato per coazione sessuale a 16 mesi sospesi e all'espulsione dalla Svizzera cittadino bosniaco di 69 anni

Tra loro c'era un solido legame di amicizia affettivo e familiare che durava da vent'anni. Eppure, un giorno dello scorso novembre quella fiducia è stata tradita: lui, 69 anni, cittadino bosniaco, ha abusato di una connazionale 32enne affetta da debilità mentale di tipo medio grave e incapace di determinarsi sessualmente. L'anziano, sulla via pubblica a Paradiso, ha sfruttato l'effetto sorpresa e il fatto che la donna fosse sola per trascinarla in un luogo più discosto, per poi toccarla nelle parti intime sopra i vestiti e baciarla sulla bocca contro la sua volontà. 

Sedici mesi di detenzione sospesi con la condizionale per due anni e 5 anni di espulsione dalla Svizzera è la pena inflitta dalla Corte delle assise correzionali di Lugano nei confronti dell'imputato, reo confesso. La giudice, Francesca Verda Chiocchetti, ha riconosciuto colpevole l'uomo di coazione sessuale: «Vi è stato un modo costrittivo». La Corte non ha inoltre avvertito un pieno pentimento da parte dell'imputato, che «ha sfruttato la vittima come un oggetto». L'imputato dovrà versare 1000 franchi alla vittima per torto morale.  

In mattinata, durante l'interrogatorio, la giudice ha chiesto al 69enne, in stato di detenzione preventiva da quattro mesi, se avesse capito dei problemi mentali della donna. «Avevo capito che aveva difficoltà, ma con me parlava». Ma aveva capito che aveva un ritardo mentale? «Vedevo che non era troppo a posto, ma non era al cento per cento ritardata. A lei piaceva la donna? «Potrei essere suo padre, è l'ultima cosa....».  Cionondimeno ne ha approfittato. «Non so spiegarmi cosa mi è successo quel giorno. Non c'era premeditazione, è avvenuto così, sulla strada. Ho parlato con il padre e con la donna, per scusarmi. Sua madre invece non ha accettato di parlare».

'La vittima ha un'età cognitiva di soli 4-5 anni'

Durante l'inchiesta, l'imputato ha cercato di screditare la vittima, asserendo che amava parlare di sesso e guardare film pornografici. Una tesi respinta dalla procuratrice pubblica, Margherita Lanzillo. Il magistrato ha evidenziato: «La donna ha un'età cognitiva di soli 4-5 anni. Ciononostante ha raccontato in modo coerente quanto ha subìto». Rivolgendosi all'imputato, la pp ha esclamato: «Mi piacerebbe che lei andasse ad approfondire i motivi che l'hanno spinta a compiere questi atti. Spero che chiederà aiuto, perché potrebbero ripetersi». Il magistrato ha richiesto una condanna di 16 mesi sospesi e l'espulsione dalla Svizzera per 5 anni per il reato di coazione sessuale, in subordine di atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere.

L'avvocato Marco Masoni, in rappresentanza dell'accusatrice privata, ha evidenziato dal canto suo: «l'imputato ha agito con bassezza, sfruttando la conoscenza di anni e sfruttando la sua età cognitiva prescolare. In pochi minuti ha tradito la fiducia della vittima e dei suoi genitori, amici di lunga data, solo per soddisfare i suoi impulsi sessuali. La donna soffre di gravi incapacità mentali».  Ancora il legale: «Dalle dichiarazioni rilasciate oggi in aula, l'imputato non sembra aver capito la gravità dei suoi atti». 

In difesa dell'imputato, l'avvocatessa Fabiola Malnati, si è battuta per la seconda e meno grave ipotesi accusatoria prospettata dalla procuratrice pubblica: atti sessuali e non coazione sessuale, «poiché non vi è stato un atto grave di violenza. La vittima non ha allontanato il pericolo principalmente per un suo limite cognitivo e non per un atto coercitivo particolarmente violento da parte dell'imputato». L'imputato, al termine del processo, ha dichiarato: «quel che è successo non lo dimenticherò. Mi dispiace dello choc vissuto dalla donna, uno choc che ho vissuto anch'io. Penso che lei mi perdonerà. Mi rivolgerò a specialisti per capire quel che ho fatto».   

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
atti sessuali cittadino bosniaco debilità lugano processo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved