viganello-battezzato-il-nuovo-campus-est-supsi-usi
Una veduta aerea panoramica del nuovo campus (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
+7
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
23 min

Sant’Antonino, potrà iniziare il concorso per il nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato il credito per dare avvio al concorso di architettura per la nuova sede della scuola dell’infanzia
Bellinzonese
30 min

La Società federale di ginnastica Biasca in assemblea

Appuntamento per mercoledì 1° dicembre alle 20. Seguiranno ulteriori informazioni e l’ordine del giorno.
Locarnese
37 min

Al Paravento ‘Grazie Guglielmo’ col MarcoZappaQuartet

Con il leader sono di scena nella sala di via Cappuccini a Locarno lo storico compagno Oliviero Giovannoni, più Nic Angileri e Mattia Mantello.
Ticino
1 ora

In Ticino 18 contagi, 7 persone ancora ricoverate

Una classe in quarantena a Gerra Gambarogno. Da venerdi vaccinate 2’396 persone con doppia dose
Locarnese
1 ora

Locarno, nuova auto-medica per il Salva

Il veicolo prioritario, destinato al Servizio specialistico, è entrato in servizio nei giorni scorsi
Mendrisiotto
1 ora

A Breggia partono i lavori di pavimentazione

Da lunedì 25 ottobre al 19 novembre il cantiere lungo la via strada Növa. Disposto un impianto semaforico
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, ‘è giunta l’ora di aprire i negozi la domenica’

Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli è intervenuto all’assemblea dei commercianti innescando un interessante dibattito
Locarnese
6 ore

Tenero-Contra, ‘quel bosco non si tocca’

Il Municipio si oppone al progetto di dissodamento di un terreno sulla sponda destra della Verzasca, che dovrebbe diventare pascolo alberato
Locarnese
6 ore

Terre di Pedemonte, firme a suffragio della zona 30

Una petizione invita l’autorità ad accrescere e rivedere alcune misure di moderazione del traffico all’interno degli abitati
Ticino
15 ore

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
16 ore

Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge

Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
16 ore

Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune

Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Il nucleo di Ligornetto chiude. E fuori tutti in colonna

Mendrisio difende la misura, Stabio la contesta e chiede un tavolo di discussione. Intanto, c’è chi pensa di riportare al voto la popolazione
Luganese
16 ore

Referendum Pse, lo sport si mobilita a favore

Scendono in campo le 140 associazioni per rivendicare la necessità di disporre di infrastrutture adeguate e moderne
Ticino
16 ore

Maltrattamenti, il veterinario cantonale sarà parte civile

Approvato in Gran Consiglio il rapporto della Commissione giustizia e diritti
Bellinzonese
16 ore

Plr Cadenazzo, assemblea generale ordinaria

Si terrà domenica 24 ottobre alle 16 alla caserma del locale Corpo pompieri
Bellinzonese
17 ore

‘Cara Sommaruga, verifichi cosa sta facendo l’Uft’

Nuove Officine Ffs: il legale di tre ditte attive a Castione sollecita la consigliera federale affinché s’interessi del dossier
Luganese
22.03.2021 - 18:130
Aggiornamento : 20:21

Viganello, 'battezzato' il nuovo Campus est Supsi-Usi

Guy Parmelin, presidente della Confederazione, rende omaggio alla caparbietà ticinese e inaugura il più grande edificio pubblico cantonale

«Un messaggio di speranza verso il futuro». È quello che ha voluto rivolgere a tutto il Ticino il presidente della Confederazione Guy Parmelin giunto stamattina a Viganello per l'inaugurazione e «sottolineare il profondo significato e l'importanza nazionale del nuovo Campus Est dell'Univesità della Svizzera italiana (Usi) e della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi)». Non solo. Nella sua visita a sud delle Alpi, prima di spostarsi a Palazzo Civico per l'incontro istituzionale con la Città di Lugano e il Consiglio di Stato, il consigliere federale ha voluto «rendere omaggio alla forza, alla caparbietà e alla perseveranza dei ticinesi. Sì, perché, nonostante gli sconvolgimenti che la nostra società subisce, il cantiere ha potuto essere portato a termine e il vostro progetto comune è stato concretizzato». L'inaugurazione dell'edificio, che ha un'ampia corte interna, grande quasi quanto la Piazza della Riforma, coincide inoltre con il 25esimo dell'Usi. A fare gli onori di casa c'erano il direttore della Supsi Franco Gervasoni e il rettore dell'Usi Boas Erez. L'evento è stato diffuso in diretta streaming dalla sala polivalente rimasta chiusa al pubblico a causa delle prolungate misure restrittive per evitare la diffusione del coronavirus.

Duca Widmer: 'La sfida è stata vinta'

Monica Duca Widmer, presidente del Consiglio dell'Usi ha dapprima messo in evidenza come «Usi e Supsi siano figlie della legge cantonale votata nel 1995». Ora i due istituti sono realtà in continua crescita. Questo significa che «la sfida è stata vinta da chi con lungimiranza ha voluto che anche la Svizzera italiana potesse diventare protagonista - e non solo spettatrice - dell'evoluzione culturale ed economica del paese». Le ha fatto eco il presidente del Consiglio della Suspi Alberto Petruzzella che ha invece rimarcato che «tutto cominciò con un’idea rivoluzionaria di Mauro Dell’Ambrogio nel 2004: mettere sotto lo stesso tetto Usi e Supsi. Ci sono voluti 17 anni, ma ce l’abbiamo fatta». Il progetto prevedeva di far confluire nel nuovo edificio la Direzione generale della Supsi con il Dipartimento tecnologie innovative e il Dipartimento economia e socialità, una quinta Facoltà dell’Usi ancora tutta da concepire, il Conservatorio della Svizzera italiana, il Centro svizzero di calcolo Scientifico e l’Istituto universitario federale per la formazione professionale. «Dell'idea è rimasto lo spirito, ma le crescenti esigenze di spazio hanno ridimensionato il numero di istituzioni coinvolte», ha spiegato Petruzzella.

Bertoli: 'Che possano sbocciare le idee'

Dal canto suo, il consigliere di Stato e direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs) Manuele Bertoli ha auspicato che il 'campus' che occupava questo spazio un tempo verde e ignoto all'uomo, diventi luogo di libertà, semina, crescita, maturazione e raccolto intellettuale. Un luogo fisico ma soprattutto ideale, d'incontro e di confronto, abbracciato dal territorio e dalla società di cui fa parte, nel quale potranno passeggiare i pensieri, duellare le opinioni e sbocciare le idee». Nel sedime un tempo sorgeva l'ex Campari, prima ancora era stato individuato dalle autorità addirittura come aeroporto, hanno messo in evidenza gli architetti Luca Pessina e Simone Tocchetti che hanno disegnato il progetto uscito vincente dal concorso internazionale. Un progetto chiamato Zenobia, un nome ispirato dal romanzo 'Le città invisibili 'di Italo Calvino, proprio perché si tratta dell'edificio pubblico più grande del Ticino destinato a ospitare una piccola città o un grande villaggio. A pieno regime e alla fine della crisi pandemica che stiamo vivendo, la struttura accoglierà infatti circa 600 collaboratori, 1'000 studenti in formazione di base e 800 in formazione continua.

Facoltà di biomedicina, 48 iscritti

Nella nuova costruzione la cui prima pietra era stata posata nell'ottobre del 2017- trovano così spazio aule, uffici e laboratori di formazione e ricerca della Facoltà di scienze informatiche e della Facoltà di scienze biomediche dell'Usi, del Dipartimento di tecnologie innovative della Supsi e dell'Istituto Dalle Molle di studi sull'intelligenza artificiale. E ancora spazi comuni, la sala polivalente, un'area per esposizioni, una mensa, un asilo nido e spazi per attività sportive. Nella visita guidata all'interno, il professore e decano del nuovo Master in medicina Giovanni Pedrazzini ha illustrato i passa avanti compiuti dalla Facoltà di biomedicina che conta 48 iscritti che si sottoporranno agli esami fra due anni. Antonio Cazzaniga, professore e decano della facoltà di scienze informatiche ha presentato alcuni ricercatori che hanno ottenuto fondi di ricerca europea Erc. Nei laboratori del Dipartimento di tecnologie innovative della Supsi, il direttore e professore Emanuele Carpanzano ha poi presentato le attività di formazione e di ricerca svolte nell'ambito delle diverse discipline ingegneristiche.

Borradori: 'La nuova corte è un invito a sostare'

Presente all'inaugurazione anche il sindaco di Lugano Marco Borradori: «Usi e Supsi ci regalano una nuova corte. Una vera e propria piazza che è l'essenza stessa della città, perché accoglie movimento e vita». L'ampia corte e i porticati, ha proseguito il sindaco, «costituiscono un invito rivolto a tutti i cittadini a sostare, a passeggiare e ad attraversare questi spazi come se si trattasse di un prolungamento della città». L'edificio si inserisce perfettamente nel tessuto urbano, unito dal fiume che fa da 'cerniera', ha aggiunto Borradori, secondo cui la nuova corte è «un ideale, un simbolo della vita. La città si nutre continuamente di spazi e di occasioni d'incontro. Vedremo come i quartieri si approprieranno di questi nuovi spazi e magari come potrà cambiare i rapporto fra l'università e la città e quali nuove opportunità si presenteranno».

Guarda 10 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved