da-londra-agli-angioli-di-lugano-riecco-la-pala-d-altare
Capolavoro rinascimentale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
6 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
6 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
7 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
7 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
7 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
7 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
7 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
7 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
8 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
17.03.2021 - 19:09

Da Londra agli Angioli di Lugano, riecco la pala d'altare

L'opera del pittore rinascimentale Callisto Piazza da Lodi tornerà a impreziosire la chiesa

Torna a Lugano la pala d’altare di Callisto Piazza da Lodi. Giungerà a Lugano domani, giovedì, proveniente da Londra, l'opera del pittore rinascimentale raffigurante l’Assunzione e incoronazione della Vergine, che originariamente ornava l’altare maggiore della chiesa di S. Maria degli Angeli a Lugano, bene culturale d’importanza cantonale di proprietà del Cantone Ticino. La grande tavola dipinta, che tornerà a impreziosire uno dei monumenti più importanti del Cantone Ticino e della Città, nonché a ricostruire un importante elemento della storia rinascimentale del borgo, sarà conservata nei depositi del Museo d’arte della Svizzera italiana a Lugano in vista dei lavori di restauro dell’interno della chiesa programmati a partire da quest’anno.

Il Dipartimento del territorio, la Diocesi di Lugano e la Città di Lugano (Divisione cultura) in un’azione congiunta diretta e cofinanziata dall’Ufficio dei beni culturali del Dipartimento del territorio avevano acquistato il prezioso dipinto - un olio su tavola datato fra il 1548 e il 1551 - lo scorso 10 dicembre presso la casa d’asta Sotheby’s di Londra per circa CHF 120'000. Considerata l’importanza che quest’opera riveste in seno al patrimonio culturale e religioso cantonale, nonché la volontà di farla ritornare nella chiesa di S. Maria degli Angeli, per la quale essa fu commissionata e dove restò fino al 1768, era stato creato un gruppo di acquirenti, comprendente il Cantone Ticino, la Diocesi di Lugano e la Città di Lugano (queste ultime sostenute a loro volta anche da privati).

Opera di uno degli artisti più autorevoli della pittura lombarda della prima metà del Cinquecento

L’Assunzione e incoronazione della Vergine - si evidenzia in un comunicato stampa - fu commissionata nel 1548 al pittore Callisto Piazza da Lodi da Battista Rusca di Lugano per la chiesa francescana di S. Maria degli Angeli. Recenti studi legati alle mostre del 2010 e del 2018 sul Rinascimento nelle terre ticinesi alla Pinacoteca Züst di Rancate, dove la pala è stata esposta, hanno permesso di confermare che essa faceva parte di un trittico collocato sull’altare maggiore, che comprendeva pure le due tavole laterali raffiguranti i Santi Paolo e Francesco e i Santi Bernardino da Siena e Pietro martire da Verona oggi conservate al MarteS - Museo d’Arte Sorlini di Cavalgese della Riviera (Brescia). Il trittico fu venduto dai frati nel 1768 e da allora finì sul mercato antiquario. Callisto Piazza (documentato dal 1523 al 1561 e già morto nel 1562) è considerato uno degli artisti più autorevoli della pittura lombarda della prima metà del Cinquecento.    

Si ricorda, infine, che la chiesa di Santa Maria degli Angeli, di proprietà dello Stato del Cantone Ticino dal 1848 e ad uso della Parrocchia di Lugano, dal 1911 è monumento tutelato d'importanza cantonale e protetto anche a livello nazionale. Fra le opere di grande pregio conservate nella chiesa figura il capolavoro di Bernardino Luini, la Passione e Crocifissione di Cristo realizzato nel 1529, il più famoso affresco rinascimentale della Svizzera. L’esterno dell’edificio e l’adiacente chiostro del convento sono stati restaurati dall’Ufficio dei beni culturali del Dipartimento del territorio in collaborazione con la Sezione della logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) nel periodo 2012-2015; il restauro dell’interno è invece pianificato a partire da quest’anno. In tale contesto, l’acquisto della pala d’altare aggiunge dunque un importante elemento di valore al restauro e alla valorizzazione dell’intero complesso.      

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
altare callisto piazza pala piazza pittore rinascimentale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved