zoo-al-maglio-dietro-le-gabbie-la-metafora-del-lockdown
Zoo al Maglio (Ti-Press)
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
24 min

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
27 min

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
34 min

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
38 min

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
49 min

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 ora

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 ora

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
2 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
3 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
3 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
3 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
3 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
3 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
3 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
3 ore

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
laR
 
06.04.2021 - 05:30
Aggiornamento : 19:28

Zoo al Maglio, dietro le gabbie la metafora del lockdown

In visita, in tempi di pandemia, al parco di Neggio e ai suoi animali, protagonisti di un ‘isolamento’ che l’uomo ha finito per conoscerlo bene

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sta oltre l’inferriata e ti guarda, in tempi di pruriginoso distanziamento sociale, come a dirti "non vorrai dirlo a me…?". Lei, Sadari, è un leopardo delle nevi. Dall’altro lato delle sbarre, in un’altra gabbia c’è Deleg. Sono separati dal ‘calore’ della femmina e in attesa dell’ok di chi di competenza per l’accoppiamento. Si direbbe che anche per uno dei gesti più naturali al mondo qui allo zoo serva prima una carta bollata... Ci troviamo al Maglio, Comune di Neggio, «anche se tutti, sbagliando, ci posizionano a Magliaso, dove abbiamo la sola entrata» comincia dagli errori e dai preconcetti di cui un luogo come questo deve giocoforza farvi i conti, Sabina Fehr, figlia del fondatore dell’unico parco zoologico ticinese, inaugurato nel 1973, e attuale direttrice, responsabile di un team di una dozzina di persone.

Gimmy, il gibbone, e i brufoli umani

Dal 1° marzo, loro aperti solitamente sette giorni su sette, 365 giorni l’anno, anche a Natale dunque, hanno potuto riaccogliere i visitatori, in questo ultimo anno di pandemia cresciuti, peraltro, in numero ed entusiasmo. Alle spalle un lockdown nel lockdown: noi tutti (esseri umani) chiusi in casa per i timori legati al Covid-19 e gli animali, in cattività, 'liberi' dagli sguardi di curiosi bambini e di adulti impazienti di salire sul baby caterpillar dell’area gioco (tanto che la direzione ha deciso di installarne un secondo proprio per i genitori). Perché un po’, bisogna ammetterlo, noi discendenti dall’uomo di Neanderthal, in questo spazio senza tempo, caratterizzato dai ritmi lenti della Natura e dagli odori dei suoi abitanti, spesso ritroviamo le nostre radici e le nostre abitudini. Come quella di Gimmy, gibbone dalle mani bianche, intento a cercare fra il suo pelo fastidiose pulci, così come noi, sempre però nel momento sbagliato, andiamo a caccia di brufoli e punti neri sugli sbarbati volti dei figli (“ma mamma!”) o, in vacanza, delle più irsute schiene dei mariti. La simpatica scimmia ha 56 anni e vive allo zoo del Maglio da quando aveva pochi mesi. Oggi, fino a prova contraria, è la più longeva della sua specie su tutta la faccia della Terra. La supera nel recinto vicino, in termini di età presente nella struttura di Neggio, solo una tartaruga settantenne, ovvero 'matura' di oltre 840 mesi. E noi, ci viene da pensare, che ci lamentiamo per circa dodici di isolamento coatto… Poco lontano troviamo due Nasua, appartenenti alla famiglia dei procioni, impegnati in un andi-e-rivieni da mattinata di jogging e protagonisti, inconsapevoli, di quella 'attività motoria' di cui in molti abbiamo beneficiato (e approfittato nel giustificarci di inutili spostamenti) durante la prima ondata del Sars-Cov-2.

La vita con 200 animali e 48 specie

Di recinto in recinto, continuando la nostra visita, scopriamo qualcosa come più di 200 animali e 48 specie. Persino capre, maialini e volatili, che gli under, prima dell’incontro ravvicinato organizzato magari per il loro compleanno, avranno visto solo su un libro illustrato o in tv: “Papà, guarda una gallinaaaaaa!». Insomma, quanto li capiamo ultimamente questi animali, costretti come siamo nelle nostre case da un microscopico virus che ci ha obbligati a riconsiderare un’intera società moderna, solo un anno fa libera di fare qualunque cosa o andare ovunque senza particolari vincoli o restrizioni. Loro, i quattro-zampe, e non solo, quella ‘gabbia’ la vivono sulla propria pelle un’intera esistenza, i più da quando hanno visto la luce… Una condizione che spesso e volentieri ha raccolto i commenti dei soliti... leoni da tastiera? «In passato in effetti sì, soprattutto quando era ancora attivo mio padre – non nasconde certe antipatiche pratiche la direttrice –. Soprattutto siamo stati il bersaglio di sedicenti animalisti. Da quando ho assunto la responsabilità, nel 2015, ho portato però avanti un importante lavoro di comunicazione attraverso anche visite guidate rivolte ai bambini. La consapevolezza nel riconoscere il rispetto dell'animale e la sua cura dunque è cambiata, e oggi le critiche sono ridotte al minimo. Il nostro è un piccolo zoo, siamo dunque piccoli e rimarremo piccoli in quanto non vi è possibilità, fra il fiume Magliasina e la collina, di guadagnare terreno. In questo modo però il contatto con gli animali è molto ravvicinato, non solo per noi che vi operiamo ma anche per i visitatori; una vicinanza che fa bene a tutti e di cui tutti ne possono beneficiare». Lo viviamo, infatti, nell'ammirare, a una manciata di metri, i quattro leoni, mamma e tre poderosi figli. Tre fratelli dalla folta criniera che ultimamente mostrano di sentir stretta la convivenza fra familiari, tanto da non andare per il sottile nelle litigate che si fanno quotidiane e obbligare così lo zoo al trasferimento di qualche esemplare. Proprio come gli adolescenti della razza umana – è l'ennesima similitudine – che il lockdown ha 'imprigionato' nelle loro camerette, in contrasto perpetuo con la sorella maggiore per il bagno o con il piccoletto di casa nella lotta all'ultimo joystick per la playstation.

Animalisti... più miti

Oggi, come detto, lo zoo al Maglio non si sente più al centro del bersaglio animalista. I tempi dei raid volti ad aprire le gabbie e le manifestazioni pro-chiusura sembrano aver perso quel clamore mediatico che hanno visto protagonista in passato la Delegazione ticinese dell'Atra (Associazione svizzera per l'abolizione della vivisezione). Le battagli si sono spostate soprattutto verso le macellazioni (la Pasqua per i capretti per restare di questi tempi) e l'allevamento intensivo del pollame. Permettendo così allo zoo di Neggio ci continuare nella sua quotidianità, come lo fa ormai da mezzo secolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
animali lockdown magliaso neggio zoo zoo al maglio
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved