l-incallito-ladro-lituano-che-colpi-in-mezza-svizzera
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
23 min

Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello

Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
1 ora

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
4 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
6 ore

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
6 ore

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
11 ore

Metadone letale per una giovane a Giubiasco

Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
19 ore

A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19

Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
20 ore

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Ticino
20 ore

In piazza contro la violenza sessuale

Il collettivo ‘Io l’8 ogni giorno’ invita a manifestare lunedì prossimo. Sotto accusa la riforma blanda dei reati di natura sessuale
Luganese
21 ore

Poligono di tiro a Monteceneri, vince 'Fuoco e centro'

Fra i 23 partecipanti al concorso, la spunta il Consorzio Mons Ceneris. L'investimento totale è stimato in 60 milioni di franchi
Luganese
22 ore

Paradiso chiude i conti 2020 in attivo di 1,3 milioni

Il Consiglio comunale deciderà anche su nuovi investimenti per l'autosilo in zona riva lago, acqua potabile, scuola infanzia, zone verdi
Locarnese
22 ore

Plr Locarno, incontri con i candidati

Con le misure anti-Covid, per incontrare e discutere con gli elettori in vista del voto del 18 aprile
Luganese
26.02.2021 - 20:100
Aggiornamento : 22:18

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone

Mezzo milione di franchi in una quindicina di colpi, commessi in tre anni nei quattro angoli della Svizzera fino all'arresto lo scorso agosto. Era una concreta minaccia per i negozianti, specie garagisti, nelle regioni di confine del territorio elvetico il 31enne lituano condannato a 2 anni e 8 mesi dalla Corte delle Assise criminali, per furto aggravato e vari reati commessi a bordo guida di veicoli rubati con targhe pure sottratte ad altri veicoli.

Nelle carceri d'Europa

Un delinquente givoane ma già incallito questo lituano, già finito più volte in prigione nel suo Paese, e poi nelle carceri di mezz'Europa: Svezia - dove era stato condannato anche per rapina a mano armata - Belgio, Finlandia - 4 anni di galera per 64 furti - e Francia, ad esempio.

Cosa ci fa adesso in Ticino? Il primo furto contemplato nell'atto d'accusa avvenne in questo cantone, ai danni di un privato, a Bellinzona nel 2017, cui vennero sottratti orologi e altri beni per 700 franchi. Poca roba, ma abbastanza per attirare sulla schiena della giustizia ticinese l'intera vicenda, svoltasi per la maggior parte nei cantoni di Soletta, Basilea campagna, Giura, Zurigo e Vaud e Friborgo. Case private e negozi i bersagli, spiccano per entità del danno il colpo al concessionario Ktm di Rarmiswil, quasi 100mila franchi (tra cui 5 moto) e allo Sportshot di Laufen, dove sottrasse la bellezza di 2'724 articoli sportivi per 65mila franchi, successivamente ritrovati in Olanda, o acora l'assalto al Mediamarkt di Granges. Due le auto di lusso, poi recuperate, una Mercedes Amg (120mila franchi) e una Aston Martin Db9 (79mila franchi). Macchine usate, come pure un furgone, scambiando le targhe, a loro volta sottratte, nelle scorribande attraverso l'altopiano svizzero secondo una tattica da 'mordi e fuggi': il colpo e poi subito la fuga all'estero. A un posto di blocco, nel canton Vaud, qualcuno a bordo di una macchina rubata  finse di fermarsi, poi di colpo accelerò e fuggì inseguito dai gendarmi attraversò il confine. Per questa manovra l'imputato nel dubbio è stato assolto, sebbene a bordo vi fossero sue tracce .Verificata e ammessa invece la manovra simile che compì in sella a una Vespa, che avrebbe nemmeno potuto guidare essendo sprovvisto della patente per le moto. Un bandito solitario? No, vi erano dei complici, "ma non posso dire chi sono, sono stato minacciato" ha risposto in aula.

Somma di inchieste

Resta la domanda di fondo: ha senso che tutto ciò abbia tenuto impegnata non poco la giustizia ticinese. Il procuratore pubblico Moreno Capella, che si è dovuto arrangiare in un collage di inchieste svolte più o meno accuratamente dalle diverse polizie cantonali. . "Sono le regole del Foro che hanno imposto ad andare in giro per la Svizzera a raccogliere i risultati dell'inchiesta. Il Ministero pubblico del Canton Ticino no nè sempre disposto a fare le inchieste per gli altri, a volte si chiedono gli atti, così spesso negli ultimi giorni prima del processo si affannano. A volte abbiamo la tendenza a criticare le inchieste di polizia nostra, ma andando a vedere non è che in altri cantoni vada meglio". Il pp ha parlato di una "azione più o meno concertata da una organizzazione, coi burattini che scorrazzando per l'Europa, ma è un'impressione." Dei professionisti, "l'imputato dimostra di conoscere abbastanza bene di conoscere i limiti delle procedure, la regola del in dubio pro reo, le difficoltà nell'inchiesta che gli possono giocare a favore. Quando dice 'non ricordo', lo sa perché lo dice, così come le ammissioni avvenute solo oggi sembrano studiate e calcolate".

Un ragazzo povero?

Per finire la Corte presieduta dal giudice Marco Villa ha ammesso quasi interamente l'atto d'accusa, salvo alcune assoluzioni su singoli episodi non sufficientemente provati. Ridotta di conseguenza la richiesta di pena (erano 35 mesi) ma anche se reticente e astuto il lituano è stato incastrato dalle numerose tracce (impronte, dina) lasciato su auto e oggetti. Non vi è perciò stata l'ingente riduzione della pena richiesta dal suo difensore, l'avvocata Clarissa Indemini, che ha descritto il suo ciente come "un ragazzo nato in un paese povero, cresciuto da un unico genitore, che già in giovane età per sopravvivere si è dovuto confrontare col mondo della criminalità. Un ragazzo che vive sotto minaccia, nella paura. Stiamo facendo i conti senza l'oste, nel processo di oggi mancano altre persone. Teme per la sua integrità fisica. Reati ammessi per paura".

E il 31enne lituano: alla fine ha dichiarato: "mi pento per tutto quello che ho commesso e buona fortuna a tutti quanti".Per un po' non si dovrebbe più rivedere in Svizzera, grazie anche all'espulsione per 8 anni. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved