ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
18 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
18 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
20 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
23 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Luganese
26.02.2021 - 20:10
Aggiornamento: 22:18

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone

l-incallito-ladro-lituano-che-colpi-in-mezza-svizzera
Ti-press

Mezzo milione di franchi in una quindicina di colpi, commessi in tre anni nei quattro angoli della Svizzera fino all'arresto lo scorso agosto. Era una concreta minaccia per i negozianti, specie garagisti, nelle regioni di confine del territorio elvetico il 31enne lituano condannato a 2 anni e 8 mesi dalla Corte delle Assise criminali, per furto aggravato e vari reati commessi a bordo guida di veicoli rubati con targhe pure sottratte ad altri veicoli.

Nelle carceri d'Europa

Un delinquente givoane ma già incallito questo lituano, già finito più volte in prigione nel suo Paese, e poi nelle carceri di mezz'Europa: Svezia - dove era stato condannato anche per rapina a mano armata - Belgio, Finlandia - 4 anni di galera per 64 furti - e Francia, ad esempio.

Cosa ci fa adesso in Ticino? Il primo furto contemplato nell'atto d'accusa avvenne in questo cantone, ai danni di un privato, a Bellinzona nel 2017, cui vennero sottratti orologi e altri beni per 700 franchi. Poca roba, ma abbastanza per attirare sulla schiena della giustizia ticinese l'intera vicenda, svoltasi per la maggior parte nei cantoni di Soletta, Basilea campagna, Giura, Zurigo e Vaud e Friborgo. Case private e negozi i bersagli, spiccano per entità del danno il colpo al concessionario Ktm di Rarmiswil, quasi 100mila franchi (tra cui 5 moto) e allo Sportshot di Laufen, dove sottrasse la bellezza di 2'724 articoli sportivi per 65mila franchi, successivamente ritrovati in Olanda, o acora l'assalto al Mediamarkt di Granges. Due le auto di lusso, poi recuperate, una Mercedes Amg (120mila franchi) e una Aston Martin Db9 (79mila franchi). Macchine usate, come pure un furgone, scambiando le targhe, a loro volta sottratte, nelle scorribande attraverso l'altopiano svizzero secondo una tattica da 'mordi e fuggi': il colpo e poi subito la fuga all'estero. A un posto di blocco, nel canton Vaud, qualcuno a bordo di una macchina rubata  finse di fermarsi, poi di colpo accelerò e fuggì inseguito dai gendarmi attraversò il confine. Per questa manovra l'imputato nel dubbio è stato assolto, sebbene a bordo vi fossero sue tracce .Verificata e ammessa invece la manovra simile che compì in sella a una Vespa, che avrebbe nemmeno potuto guidare essendo sprovvisto della patente per le moto. Un bandito solitario? No, vi erano dei complici, "ma non posso dire chi sono, sono stato minacciato" ha risposto in aula.

Somma di inchieste

Resta la domanda di fondo: ha senso che tutto ciò abbia tenuto impegnata non poco la giustizia ticinese. Il procuratore pubblico Moreno Capella, che si è dovuto arrangiare in un collage di inchieste svolte più o meno accuratamente dalle diverse polizie cantonali. . "Sono le regole del Foro che hanno imposto ad andare in giro per la Svizzera a raccogliere i risultati dell'inchiesta. Il Ministero pubblico del Canton Ticino no nè sempre disposto a fare le inchieste per gli altri, a volte si chiedono gli atti, così spesso negli ultimi giorni prima del processo si affannano. A volte abbiamo la tendenza a criticare le inchieste di polizia nostra, ma andando a vedere non è che in altri cantoni vada meglio". Il pp ha parlato di una "azione più o meno concertata da una organizzazione, coi burattini che scorrazzando per l'Europa, ma è un'impressione." Dei professionisti, "l'imputato dimostra di conoscere abbastanza bene di conoscere i limiti delle procedure, la regola del in dubio pro reo, le difficoltà nell'inchiesta che gli possono giocare a favore. Quando dice 'non ricordo', lo sa perché lo dice, così come le ammissioni avvenute solo oggi sembrano studiate e calcolate".

Un ragazzo povero?

Per finire la Corte presieduta dal giudice Marco Villa ha ammesso quasi interamente l'atto d'accusa, salvo alcune assoluzioni su singoli episodi non sufficientemente provati. Ridotta di conseguenza la richiesta di pena (erano 35 mesi) ma anche se reticente e astuto il lituano è stato incastrato dalle numerose tracce (impronte, dina) lasciato su auto e oggetti. Non vi è perciò stata l'ingente riduzione della pena richiesta dal suo difensore, l'avvocata Clarissa Indemini, che ha descritto il suo ciente come "un ragazzo nato in un paese povero, cresciuto da un unico genitore, che già in giovane età per sopravvivere si è dovuto confrontare col mondo della criminalità. Un ragazzo che vive sotto minaccia, nella paura. Stiamo facendo i conti senza l'oste, nel processo di oggi mancano altre persone. Teme per la sua integrità fisica. Reati ammessi per paura".

E il 31enne lituano: alla fine ha dichiarato: "mi pento per tutto quello che ho commesso e buona fortuna a tutti quanti".Per un po' non si dovrebbe più rivedere in Svizzera, grazie anche all'espulsione per 8 anni. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved