lugano-il-casino-vince-il-covid-19
Gianmaria Frapolli, Amministratotre delegato della Casinò Lugano Sa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
33 min

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
42 min

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
58 min

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
1 ora

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
1 ora

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
1 ora

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
1 ora

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
1 ora

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
2 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
3 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
3 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
3 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
3 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
3 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Luganese
25.02.2021 - 18:390
Aggiornamento : 20:59

Lugano, il casinò vince il Covid-19

Nel 2020 registrato un utile netto di 900'000 franchi malgrado chiusure e restrizioni delle aperture. Intervista all'Ad Gianmaria Frapolli

Una chiusura totale da metà marzo al 6 giugno nella prima ondata di Covid-19. Poi, nella seconda, attività ridotta con varie restrizioni dell'orario di apertura fino alla cessazione. Nonostante la pandemia, il Casinò di Lugano è riuscito a generare un utile netto superiore ai 900'000 franchi l'anno scorso. Un risultato in calo rispetto al 2019 quando la casa da gioco ha fatto registrare un utile netto di 5,3 milioni di franchi distribuendone 10 in dividendi agli azionisti (oltre 7 sono andati alla Città), ma per certi versi sorprendente se si considera la riduzione della clientela e le numerose limitazioni con la quali si è dovuto confrontare come tutte le altre attività economiche.

Il risultato positivo era inatteso, o mi sbaglio?

Beh, a metà dell'anno scorso, le cifre non erano tanto confortanti - risponde Gianmaria Frapolli, amministratore delegato della Casinò Lugano Sa -. Le proiezioni non indicavano che avremmo potuto arrivare a fare utili o un risultato di questo genere, perché stavamo uscendo da un periodo di Lockdown abbastanza importante e abbiamo dovuto ripartire in maniera scaglionata con aperture ridotte.

Il resto dell'anno com'è andata?

I mesi estivi sono stati abbastanza buoni, poi però abbiamo dovuto nuovamente ridurre gli orari e chiudere, quindi è stato un grande lavoro di squadra che ci ha consentito di ottenere un utile netto superiore ai 900'000 franchi.

Come ci siete riusciti?

Abbiamo dovuto adattarci alle mutevoli situazioni e fare di necessità virtù in base all'imperativo: 'Cambiano le condizioni, cambiamo la strategia'. Abbiamo dovuto accorciate i tempi di apertura e quindi deciso di aprire prima il mattino. Ogni settimana, nella riunione di direzione, si decideva come procedere e quale strada avrebbe condotto a migliori risultati sulla scorta delle informazioni fornite da Confederazione e Consiglio di Stato. Questo ha creato un grande spirito di squadra.

Nel 2020, la clientela è aumentata in linea con il risultato?

No, l'affluenza è diminuita rispetto agli anni scorsi. Però, i clienti hanno trovato un casinò un po' diverso dal solito, meno frequentato e forse per questo più attrattivo. Per un periodo, abbiamo avuto un'affluenza di soli clienti svizzeri e senza clientela italiana. Nel mese di ottobre e novembre abbiamo ricevuto diverse persone provenienti da oltre Gottardo che prima non c'erano. Tant'è che abbiamo cominciato, anche in vista dell'inizio dell'attività online dal lunedì 1° di marzo, a fare una campagna di marketing più marcata in Svizzera tedesca e romanda, per promuovere il casinò 'terrestre'. L'attività è cresciuta anche sui nostri siti internet dove abbiamo registrato più utenti svizzeri.

L'utile che avete registrato è ancora influenzato dalla chiusura del casinò di Campione d'Italia (dal luglio 2018)?

Negli ultimi due anni abbiamo consolidato una parte di clientela che frequentava Campione ma, per diversi mesi, abbiamo lavorato con solo clientela residente, perché dall'Italia non si poteva arrivare. Chiaro che, se domani la casa da gioco dell'enclave dovesse riaprire, una parte di frequentatori inizialmente per curiosità potrebbero spostarsi, ma noi siamo forti di una buona offerta di gioco che abbiamo creato, quindi ritengo che potremmo continuare a fare buoni risultati anche in futuro.

Quando auspicate di poter aprire il Casinò?

Si spera il 22 marzo, vedremo se, e con quale tipologia di restrizioni. Probabilmente, non potremo subito introdurre i nostri orari 'normali' che vanno fino alle 4 del mattino e il fine settimana alle 5, ma dovremo adattarci agli orari del settore della ristorazione e chiudere prima la sera.

Cosa cambia con il via libera della commissione federale delle case da gioco per i giochi online?

Lunedì 1° marzo cominceremo con i giochi online con un gruppo ristretto di persone. A partire dall'8 marzo, il sito di gioco www.swiss4win.ch sarà aperto al pubblico. La vera campagna a livello svizzero partirà però i primi di aprile sui vari canali di comunicazione in tutto il territorio svizzero. Vogliamo partire con i piedi di piombo, passo dopo passo: a livello federale ci sono stati due casinò online che hanno ricevuto due multe e altre tre case da gioco che sono in una procedura di verifica. Sappiamo che la dinamica del mercato è nuova e vogliamo fare le cose bene, con servizio, controlli e qualità giusti per ottemperare alle normative imposte dalla commissione federale in materia di gioco online. Normative concernenti, ad esempio, la legge contro il riciclaggio di denaro. Sul mercato online ci sono tanti attacchi di hackers e persone che cercano di truffare nelle registrazioni. Il mercato è diverso da quello classico e i processi vanno gestiti in maniera ottimale.
 

© Regiopress, All rights reserved