polo-sportivo-di-lugano-il-pc-propone-il-compromesso
La tre fasi che caratterizzano l'operazione a Cornaredo (Inforgrafia laRegione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale
Ticino
4 ore

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
4 ore

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
5 ore

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
5 ore

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
5 ore

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
5 ore

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
5 ore

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
6 ore

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
6 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
7 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
7 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
7 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
7 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
7 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Bellinzonese
7 ore

Fuori strada alla ‘S’ di Gudo: ferite serie per un giovane

L'auto ha sbandato finendo nella scarpata sottostante dopo un volo di alcuni metri. Forti disagi al traffico
Luganese
22.02.2021 - 10:420

Polo sportivo di Lugano, il Pc propone il compromesso

Edoardo Cappelletti riconosce l'importanza di un investimento pubblico ma suggerisce emendamenti per riequilibrare a favore della Città il Ppp

Uscire dal vicolo cieco delle sterili discussioni sul Polo sportivo e degli eventi (Pse) monopolizzata da una parte dai fautori del progetto a tutti i costi, dall'altra, dal fronte referendario. Il messaggio del Municipio di Lugano, che sta infiammando la campagna elettorale cittadina in vista del rinnovo dei poteri comunali, sarà sottoposto al Consiglio comunale nella seduta del 29-30 marzo. Il consigliere comunale del Pc, membro della commissione della Gestione, Edoardo Cappelletti propone una via di mezzo. Una via di mezzo da sinistra che riconosce la chiusura, con il voto sulla progettazione del giugno 2020, delle fasi precedenti durante le quali sarebbe stato possibile modificare l'impostazione. Perciò, ora occorre intervenire, nella misura del possibile, sul contratto di Parternariato pubblico-Privato (Ppp) con Hrs e Credit Suisse. Cappelletti non ha mai nascosto le sue perplessità che «non sono state a mio modo di vedere sufficientemente approfondite dal Municipio. Ora, nell'operazione, bisogna cercare di riequilibrare gli interessi a favore della Città rispetto a quelli dei privati».

Occorre riequilibrare il Ppp

Anche lei ritiene il contratto sfavorevole per la Città? «Il rischio di fondo con un Ppp è di avere un rapporto squilibrato a favore dell'investitore privato - risponde il consigliere comunale comunista -. Non è ancora stato completamente chiarito quale sia la convenienza effettiva della soluzione di Leasing e di locazione per il palazzetto dello sport. Per la Città appare sfavorevole. Un altro problema riguarda la realizzazione del progetto. Al privato è concessa troppa libertà a livello di gestione del cantiere, in particolare per l'ampia discrezionalità concessa per la realizzazione della fase tre (che riguarda i contenuti immobiliari, ndr.)». È inutile dal suo punto di vista continuare a insistere nel chiedere lo spacchettamento del progetto con la realizzazione dei contenuti sportivi come insistono a proporre alcuni liberali. A sostegno del messaggio appaiono invece schierati la Lega dei ticinesi e il Ppd. Di conseguenza, dalla Gestione è presumibile l'allestimento di un rapporto di maggioranza che chiederà di approvare integralmente il progetto magari con qualche auspicio, mentre il Plr non si sa bene come si muoverà (deciderà nella prossima assemblea), ma c'è una possibilità che venga presentato un rapporto di minoranza contrario a tutto.

'Riacquistare subito, opzione interessante'

«Purtroppo, riguardo ai contenuti sportivi, non sono giunte risposte convincenti sulle ragioni contrarie al finanziamento tradizionale attraverso la richiesta di un credito bancario - spiega Cappelletti -. Ci sarebbe il debito come succede per ogni opera pubblica con interessi all'1-2% rimborsabili su un ampio periodo temporale. Non è chiaro cosa cambia fra l'aumento del debito verso terzi e un aumento dei costi della gestione corrente come prospettato da Leasing (circa 11 milioni all'anno per 27 anni). Una cifra che inciderebbe come un ammortamento nei confronti della banca. Non è stato spiegato perché un investimento in proprio da parte della Città sarebbe insostenibile a causa della situazione debitoria della Città. In fondo, l'uscita contabile per le casse comunali sarebbe sempre più o meno uguale con la differenza che da una parte lo chiama debito, dall'altra aumento di costi di gestione corrente». C'è però l'opzione che prevede il riacquisto di Arena sportiva e palazzetto dello sport una volta ultimata la realizzazione... «È un'opzione interessante che può essere esercitata unilateralmente: dovrà essere attentamente valutata perché potrebbe presentare vantaggi. Il Municipio dovrebbe in tempo utile, quindi almeno un anno prima della realizzazione dei contenuti sportivi, presentare un messaggio al Consiglio comunale che spiega vantaggi e svantaggi di un riacquisto immediato di Arena sportiva e palazzetto dello sport in modo da consentire al legislativo di esprimersi».

Coinvolgere i Comuni con un ente regionale

Qual è la soluzione di compromesso che propone? «Allestire un rapporto che inserisca nel dispositivo di voto alcuni emendamenti, una parte dei quali sarebbe di competenza comunale lasciando intatto il contratto di Ppp - risponde il consigliere comunale -. Si potrebbe chiedere di creare un ente regionale per le infrastrutture sportive che consentirebbe di intervenire sulla gestione dell'arena sportiva e nel contempo di aumentare i contributi del Comuni limitrofi che assumerebbero il ruolo di cogestori e cofinanziatori». Cappelletti propone inoltre «il rispetto accresciuto dei doveri di esemplarità che si assumono i privati, negoziando nella quindicina di contratti futuri da siglare la limitazione dei subappalti e la richiesta di far capo il più possibile a ditte locali. Vorrei anche un aumento dell'organico della Città siccome stiamo parlando di un grosso cantiere con maggiori esigenze di controllo. Poi, nella fase 3, formalmente di competenza dell'investitore privato il Consiglio comunale potrebbe dare mandato al Municipio di negoziare ponendo un vincolo di almeno il 30% di alloggi a pigione moderata. Se questo non venisse accettato, la Città potrebbe adottare una variante di Piano regolatore inserendo questo vincolo che di per sé non intacca il contratto di Ppp».

© Regiopress, All rights reserved