polo-sportivo-referendum-nefasto-per-l-fc-lugano
Un'immagine di come potrebbe trasformarsi il comparto di Cornaredo (Infografia laRegione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
44 min

Battezzato il "Giruno Ticino"

L'evento si è svolto oggi alla presenza delle autorità cantonali, tra cui il Consigliere di Stato Claudio Zali
Grigioni
3 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
4 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
8 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
8 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
16 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
16 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
18 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
19 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Luganese
19 ore

Aeroporto, alleanza fra Team Lug e Northern Lights Ag

Entrambe le cordate sono in corsa per la gestione privata della struttura e avevano contestato contro la scelta di due gruppi da parte della Città
Luganese
20 ore

Abusi al cantiere del Campus: niente appalti per Garzoni Sa

Violazione della legge sulle commesse pubbliche, dumping salariale e concorrenza sleale: la ditta non potrà partecipare ai concorsi per 5 mesi
Mendrisiotto
20 ore

Appuntamento al drive-in a Chiasso

Nel parcheggio del Palapenz giovedì prossimo si proietta un documentario del regista Emanuele Gerosa
Ticino
20 ore

Radar in arrivo, dalla Grande Bellinzona alla piccola Polmengo

Ecco la lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità nella settimana dal 14 al 20 giugno.
Gallery
Mendrisiotto
20 ore

Idee visionarie sul territorio di Chiasso (e Ponte Chiasso)

Dai lavori di diploma 2020 degli ormai ex studenti dell'Accademia lo spunto per cambiare. 'Troviamo proposte interessanti'
Locarnese
21 ore

Angosce da futuro: ‘Locarno pensi ai suoi giovani’

Dai Verdi un'interpellanza che chiede aiuti mirati sul territorio a chi assumerà nuovi apprendisti, e maggiore inclusione nel dibattito politico
Ticino
22 ore

Losone, rintracciati a Locarno i coniugi scomparsi

I due anziani mancavano dal proprio domicilio da stamattina. Rientra l'allarme
Luganese
 
02.02.2021 - 18:440
Aggiornamento : 21:02

Polo sportivo, 'referendum nefasto per l'Fc Lugano'

Altri ostacoli al progetto mentre l'Mps annuncia la raccolta firme e i partiti attendono le risposte del Municipio alle centinaia di domande

Il Polo sportivo e degli eventi (Pse) non ha alcuna utilità sociale, "in assoluto e tanto meno rispetto al contesto attuale". Questa è una delle ragioni per le quali il Movimento per il socialismo (Mps) lancerà il referendum, come ha confermato stamattina. Una scelta legittima quella della raccolta di firme per dare la parola al Popolo su un progetto molto oneroso per la Città di Lugano. La domande di costruzione sono peraltro state ostacolate dalle opposizioni presentate dall'ex consigliere nazionale Plr Fulvio Pelli e dal Cinestar, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia stanno esaminando il voluminoso e intricato incarto ponendo centinaia di domande al Municipio e alcuni partiti devono ancora chiarire la loro posizioni in attesa delle risposte. La Lega dei ticinesi invece ha già fatto intendere che sosterrà il messaggio sul Pse e quello relativo al centro sportivo al Maglio. Due messaggi di rilevanza cantonale, anche se il sostegno cantonale è ridotto ai minimi termini e da parte dei Comuni non arriveranno contributi se non un sostegno minimo da Canobbio. Non è tutto: se il referendum riuscisse, potrebbe significare dalla prossima stagione l'obbligo di giocare sempre in trasferta per l'Fc Lugano.

'Un'inutile operazione immobiliare'

Intanto l'Mps non ha dubbi: «Ancora una volta, la ricchezza sociale prodotta dalle lavoratrici e dai lavoratori è incanalata in iniziative che non rispondono ai loro interessi fondamentali, ai loro bisogni sociali. Iniziative che addirittura provocheranno, in un perfetto circolo vizioso, un effetto di crescente pauperizzazione dei settori sociali più esposti agli effetti economici della pandemia. Non pensiamo che costituisca un’esagerazione politica quella di affermare che il Pse costituisca la più inutile operazione immobiliare finanziata con soldi pubblici che sia mai stata realizzata in Ticino. Si tratta infatti di un progetto totalmente sproporzionato, con pochissima aderenza ai bisogni sociali delle cittadine e dei cittadini luganesi, dal costo elevatissimo che rischia di devastare le finanze comunali, provocando un aumento importante del prelievo fiscale che andrà soprattutto a pesare sui redditi medio-bassi, gli stessi che pagherebbero anche il prezzo sul fronte degli inevitabili tagli ai servizi pubblici e sociali comunali». L'opera,  così come concepita dalla Città, secondo l'Mps, «non risponde assolutamente ai bisogni socio-sportivi della comunità, sicuramente legittimi. Anzi, proprio partendo da un bisogno legittimo si è messo in atto un progetto che va a premiare sostanzialmente gli interessi di potenti investitori privati».

'Se riuscisse ritarderebbe il cantiere'

Roberto Badaracco, titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi di Lugano ritiene che «anzitutto il messaggio dovrà essere accolto in Consiglio comunale e non è così scontato che raccolga i 31 voti necessari (su 60, sempre che partecipino tutti). Chiaro che se dovesse riuscire, il referendum causerà un importante ritardo al progetto. L'avvio del cantiere verrebbe posticipato e dovremo sollecitare la Swiss Football League (Sfl) per sapere se è possibile un'ulteriore deroga alla concessione della licenza all'Fc Lugano per poter giocare in Super League. Una risposta negativa avrebbe conseguenze nefaste per la squadra di Lugano. Questa, per ora rimane una questione aperta. Alla Sfl interessano i progressi infrastrutturali compiuti. Finora, la Città ha dimostrato di rispettare la tempistica richiesta: l'anno scorso l'abbiamo fatto con il via libera al credito di progettazione, in marzo sarà messo ai voti il concorso per investitori che rappresenta l'ultimo atto prima della partenza del cantiere. Il referendum è un diritto democratico ma ha un retrogusto elettoralistico perché viene annunciato addirittura un mese e mezzo prima del voto del legislativo».

Pressione inadeguata al Cc

«Il referendum è uno strumento democratico legittimo della cittadinanza afferma Karin Valenzano Rossi, capogruppo Plr in Consiglio comunale -. È invece triste e inopportuna questa proclamazione preventiva roboante dell’intenzione di lanciare un referendum ancor prima del voto in Consiglio comunale, nell’intento chiaro di fare pressione sul legislativo e di trarne degli effetti ai fini elettorali. Avevamo già assistito in primavera a un’analoga iniziativa di pressione inadeguata con la campagna pubblicitaria in vista del voto in consiglio comunale sul messaggio per il credito di progettazione. Peccato non poter avere una discussione serena su questi progetti importanti per la Città». Lukas Bernasconi, capogruppo della Lega, ritiene il Pse «un progetto importante a favore della città e dei giovani che usufruiranno degli spazi sportivi. Rappresenta inoltre la riqualifica di tutto il comparto che darà un grande valore aggiunto a Lugano. Sui tre poli (culturale, congressuale e sportivo) erano a parole e in campagna elettorale tutti d'accordo. Ora alcuni si mettono a fare i farmacisti, bisogna tuttavia avere una visione proiettata verso il futuro». E il referendum? «È una mossa fatta in chiave elettorale per profilarsi, ma è sbagliata perché va contro gli interessi dei giovani e di tutti i cittadini che usufruiranno dei servizi del Pse - risponde Bernasconi -. Il costo non è cosi elevato come si tenta di far intendere: la Città ha la possibilità di cercare finanziamenti sul mercato e diminuire così gli oneri finanziari a suo carico».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved