riaprite-la-prostituzione-almeno-negli-appartamenti
Prostituirsi online? ‘La gente in Ticino non è abituata’ (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Polo sportivo, dalla Curva Nord intimidazioni ai contrari

Mentre a Lugano la politica si spacca e il Pse diventa il tema principale della campagna elettorale, sale alle stelle la tensione sui social
Locarnese
1 ora

Locarnese, nella marea delle richieste di aiuto

L’elenco dei sostegni elargiti come salvagenti nelle acque alte della pandemia è ampio, ma a lungo andare in molti rischiano di affondare
Locarnese
9 ore

‘Insicura’. ‘No, conforme’. La ciclopista è un saliscendi

Per la nuova corsia cantonale Mappo-Verbanella a Minusio il Municipio auspica da mesi ulteriori interventi del Cantone. Che però non ci sente
Ticino
10 ore

'Formazione teorica e gratuita per i detentori di cani'

Dopo la decisione del 2016 delle Camere federali ('un errore'), la maggioranza della Costituzione e leggi chiede al Consiglio di Stato di (re)introdurre in Ticino il corso
Luganese
10 ore

Fiamme all'esterno di un magazzino in via Stazione a Cadro

L'incendio è divampato oggi verso le 17. I pompieri di Lugano hanno domato il rogo prima si propagasse agli stabili adiacenti. I danni sarebbero contenuti
Ticino
10 ore

Vaccinazioni: Modello inglese? Non in Ticino

Il farmacista cantonale: ‘Non ci sono studi che dimostrano l'efficacia di questo schema’
Ticino
10 ore

Aiuti alla stampa, per il governo bastano quelli di Berna

Secondo il Consiglio di Stato la mozione Jelmini ‘per un’informazione a km 0’ sarebbe di fatto evasa. Delusa l’Associazione ticinese dei giornalisti
Bellinzonese
11 ore

Riapre i battenti, con Vicari, la Casa Rotonda di Corzoneso

Dal 6 marzo e fino al 13 giugno prolungata la mostra con immagini scattate dal celebre fotografo luganese
Ticino
11 ore

'L'Ufficio di statistica rimanga nel Dfe'. Ma il Ps non ci sta

La maggioranza della commissione respinge la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps-Pop-Indipendenti). I socialisti annunciano un rapporto di minoranza
Mendrisiotto
11 ore

Palazzo Turconi ha fatto spazio alla biblioteca

Il servizio ha traslocato nell'edificio. A disposizione di un patrimonio di libri e documenti ci sono 1'800 metri quadri
Bellinzonese
11 ore

Bellinzona e progetto Chiè d’Lena: ‘Sia abbandonato’

Dal Consiglio comunale la voce critica di Luigi Calanca, che chiede lumi sul previsto investimento milionario e sull'utilizzo come scuola montana
Ticino
11 ore

Covid, ‘In Ticino scuola in presenza finché sarà possibile’

Nel frattempo alcune zone italiane confinanti con la Svizzera hanno reintrodotto la didattica a distanza a causa dell'aumento dei contagi
Luganese
11 ore

Caslano, nuova perizia psichiatrica sull'omicida

Secondo un nuovo referto il giovane che uccise sua nonna può beneficiare di una scemata imputabilità di grado medio. Il caso torna in Appello
Ticino
12 ore

‘Annunci su Airbnb solo con un numero identificativo’

Cambia la procedura per affittare online gli alloggi ad uso turistico. La commissione ‘Economia’ firma il rapporto di Pini (Plr): ‘Snella e digitale’
Luganese
28.01.2021 - 05:500
Aggiornamento : 16:57

‘Riaprite la prostituzione almeno negli appartamenti’

Le ultime risoluzioni governative vietano l’attività in tutto il cantone. La critica di una ragazza: 'La richiesta c'è, così ci spingono nell'illegalità'

Locali erotici chiusi, prostituzione vietata, poche ragazze rimaste sospese nell'incertezza. E sotto pressione: dai controlli di polizia, che verifica il rispetto delle disposizioni, e dalla clientela. «La richiesta da parte dei clienti c'è – ci conferma Anna –, ma con tutti questi divieti ci spingono nell'illegalità». E mentre in alcuni cantoni nei giorni scorsi si è registrato un boom di prostitute, a Sud delle Alpi il settore è al palo o quasi.

Ad aver ribaltato il panorama a luci rosse del cantone sono le risoluzioni governative del 18 dicembre e del 15 gennaio scorso, che oltre ad aver sancito la chiusura di locali erotici e notturni in generale, hanno vietato “l'esercizio della prostituzione sull'intero territorio cantonale”. Misure prese per arginare la pandemia e valide fino alla fine di febbraio, che pongono il Ticino in cima alla lista fra i Cantoni più severi. La Confederazione, il 18 dicembre, ha infatti disposto la chiusura dei club erotici dopo le 19 e durante i weekend, non legiferando nell'ambito della prostituzione privata – praticata negli appartamenti – e dando ampio margine di manovra ai Cantoni. Risultato: il Ticino non è un Paese per prostitute. Ne abbiamo parlato con Anna, vero nome noto alla redazione, che da diversi anni esercita l'attività a Lugano.

Pandemia e prostituzione. Che anno è stato? Il lavoro è diminuito?

All'inizio, parlo della primavera, è molto diminuito perché c'era la paura del virus. Poi c'è stato il lockdown, come quasi tutte le altre attività anche le nostre si sono chiuse e la maggior parte di noi siamo rientrate a casa. Io stessa sono stata assente per mesi (Anna non è residente in Ticino, ndr) e sono rientrata da poco. Oggi la richiesta da parte dei clienti c'è, è nuovamente aumentata, ma purtroppo a causa delle disposizioni cantonali non possiamo lavorare...

Spesso si dice che il Covid ci ha cambiati. Vale anche nel vostro settore? Ad esempio: si presta più attenzione al sesso protetto?

No, da questo punto di vista non ho l'impressione che sia cambiato qualcosa: la gente non fa più attenzione di prima. Inizialmente c'era appunto molta paura del coronavirus, ma non mi sembra che questo abbia influito sulla consapevolezza per quanto riguarda le altre malattie sessualmente trasmissibili. Negli ultimi mesi anche questa paura iniziale è svanita ed è tornato tutto a come prima della pandemia.

Durante il lockdown, e di nuovo oggi, il lavoro è inevitabilmente diminuito se non proprio azzerato. Avete potuto contare sugli aiuti?

Dipende. Le ragazze che lavorano nei locali erotici hanno potuto contare sulle indennità di lavoro ridotto, quelle che praticano in proprio sulle indennità di perdita di guadagno. Ma solo chi dispone di un permesso di lavoro ha potuto contare sugli aiuti, chi lavora con la notifica di breve durata no. In generale mi sembra che la maggior parte delle ragazze non sia a conoscenza delle possibilità di sostegno finanziario che esistono, c'è poca informazione. E quindi penso che la maggior parte di noi abbia speso i propri risparmi. Per fortuna abbiamo la famiglia o gli amici che ci sostengono.

A differenza della primavera, in Svizzera oggi il contesto è composito: ci sono Cantoni molto tolleranti, altri intermedi, altri molto severi. In Ticino la prostituzione è del tutto vietata. Come giudichi questa situazione?

Credo che i nostri diritti non siano adeguatamente considerati. Il fatto che altrove i locali siano aperti ci pone in una situazione sfavorevole. La salute al primo posto, sono d'accordo, ma credo che prendendo le corrette misure di protezione anche in Ticino si potrebbero riaprire. Poi è vero, nei club ci sono più persone e quindi il rischio di contagio è maggiore e capisco la decisione di chiudere. Ma negli appartamenti gli incontri si svolgono fra la persona che riceve e quella che arriva. Non vedo quindi il motivo di vietarli. Come detto la richiesta c'è e così facendo stanno spingendo le ragazze e praticare illegalmente.

Intanto però il settore è chiuso. Altri ambiti si sono riconvertiti al digitale in quest'anno: pensi che fra chat o spettacoli anche le prostitute possano spostare l'attività più sul web?

Non lo so. La gente in Ticino non è abituata ai servizi online, i clienti hanno sempre avuto i posti giusti dove recarsi. E poi c'è da dire che solitamente le persone che lavorano online ricevono anche una preparazione e non dimentichiamo che servono le conoscenze e i mezzi tecnici adeguati. Vedo poi anche dei problemi legati alla privacy, in un settore dove questa è molto importante. Questo vale sia per noi, sia per i clienti. Da un lato noi dovremmo fornire i nostri dati per permettere il pagamento e i clienti potrebbero anche registrare o far circolare illecitamente il nostro materiale. Le nostre famiglie, che spesso sono all'oscuro di quel che facciamo, potrebbero incappare in foto o video compromettenti. Non mi sembra molto sicuro.

© Regiopress, All rights reserved