ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
19 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
19 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
20 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
laR
 
28.01.2021 - 05:50
Aggiornamento: 16:57

‘Riaprite la prostituzione almeno negli appartamenti’

Le ultime risoluzioni governative vietano l’attività in tutto il cantone. La critica di una ragazza: 'La richiesta c'è, così ci spingono nell'illegalità'

riaprite-la-prostituzione-almeno-negli-appartamenti
Prostituirsi online? ‘La gente in Ticino non è abituata’ (Ti-Press/Archivio)

Locali erotici chiusi, prostituzione vietata, poche ragazze rimaste sospese nell'incertezza. E sotto pressione: dai controlli di polizia, che verifica il rispetto delle disposizioni, e dalla clientela. «La richiesta da parte dei clienti c'è – ci conferma Anna –, ma con tutti questi divieti ci spingono nell'illegalità». E mentre in alcuni cantoni nei giorni scorsi si è registrato un boom di prostitute, a Sud delle Alpi il settore è al palo o quasi.

Ad aver ribaltato il panorama a luci rosse del cantone sono le risoluzioni governative del 18 dicembre e del 15 gennaio scorso, che oltre ad aver sancito la chiusura di locali erotici e notturni in generale, hanno vietato “l'esercizio della prostituzione sull'intero territorio cantonale”. Misure prese per arginare la pandemia e valide fino alla fine di febbraio, che pongono il Ticino in cima alla lista fra i Cantoni più severi. La Confederazione, il 18 dicembre, ha infatti disposto la chiusura dei club erotici dopo le 19 e durante i weekend, non legiferando nell'ambito della prostituzione privata – praticata negli appartamenti – e dando ampio margine di manovra ai Cantoni. Risultato: il Ticino non è un Paese per prostitute. Ne abbiamo parlato con Anna, vero nome noto alla redazione, che da diversi anni esercita l'attività a Lugano.

Pandemia e prostituzione. Che anno è stato? Il lavoro è diminuito?

All'inizio, parlo della primavera, è molto diminuito perché c'era la paura del virus. Poi c'è stato il lockdown, come quasi tutte le altre attività anche le nostre si sono chiuse e la maggior parte di noi siamo rientrate a casa. Io stessa sono stata assente per mesi (Anna non è residente in Ticino, ndr) e sono rientrata da poco. Oggi la richiesta da parte dei clienti c'è, è nuovamente aumentata, ma purtroppo a causa delle disposizioni cantonali non possiamo lavorare...

Spesso si dice che il Covid ci ha cambiati. Vale anche nel vostro settore? Ad esempio: si presta più attenzione al sesso protetto?

No, da questo punto di vista non ho l'impressione che sia cambiato qualcosa: la gente non fa più attenzione di prima. Inizialmente c'era appunto molta paura del coronavirus, ma non mi sembra che questo abbia influito sulla consapevolezza per quanto riguarda le altre malattie sessualmente trasmissibili. Negli ultimi mesi anche questa paura iniziale è svanita ed è tornato tutto a come prima della pandemia.

Durante il lockdown, e di nuovo oggi, il lavoro è inevitabilmente diminuito se non proprio azzerato. Avete potuto contare sugli aiuti?

Dipende. Le ragazze che lavorano nei locali erotici hanno potuto contare sulle indennità di lavoro ridotto, quelle che praticano in proprio sulle indennità di perdita di guadagno. Ma solo chi dispone di un permesso di lavoro ha potuto contare sugli aiuti, chi lavora con la notifica di breve durata no. In generale mi sembra che la maggior parte delle ragazze non sia a conoscenza delle possibilità di sostegno finanziario che esistono, c'è poca informazione. E quindi penso che la maggior parte di noi abbia speso i propri risparmi. Per fortuna abbiamo la famiglia o gli amici che ci sostengono.

A differenza della primavera, in Svizzera oggi il contesto è composito: ci sono Cantoni molto tolleranti, altri intermedi, altri molto severi. In Ticino la prostituzione è del tutto vietata. Come giudichi questa situazione?

Credo che i nostri diritti non siano adeguatamente considerati. Il fatto che altrove i locali siano aperti ci pone in una situazione sfavorevole. La salute al primo posto, sono d'accordo, ma credo che prendendo le corrette misure di protezione anche in Ticino si potrebbero riaprire. Poi è vero, nei club ci sono più persone e quindi il rischio di contagio è maggiore e capisco la decisione di chiudere. Ma negli appartamenti gli incontri si svolgono fra la persona che riceve e quella che arriva. Non vedo quindi il motivo di vietarli. Come detto la richiesta c'è e così facendo stanno spingendo le ragazze e praticare illegalmente.

Intanto però il settore è chiuso. Altri ambiti si sono riconvertiti al digitale in quest'anno: pensi che fra chat o spettacoli anche le prostitute possano spostare l'attività più sul web?

Non lo so. La gente in Ticino non è abituata ai servizi online, i clienti hanno sempre avuto i posti giusti dove recarsi. E poi c'è da dire che solitamente le persone che lavorano online ricevono anche una preparazione e non dimentichiamo che servono le conoscenze e i mezzi tecnici adeguati. Vedo poi anche dei problemi legati alla privacy, in un settore dove questa è molto importante. Questo vale sia per noi, sia per i clienti. Da un lato noi dovremmo fornire i nostri dati per permettere il pagamento e i clienti potrebbero anche registrare o far circolare illecitamente il nostro materiale. Le nostre famiglie, che spesso sono all'oscuro di quel che facciamo, potrebbero incappare in foto o video compromettenti. Non mi sembra molto sicuro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved