rovio-diminuisce-di-10-punti-il-moltiplicatore-d-imposta
Veduta su Rovio (Ti-Press)
21.12.2020 - 11:18
Aggiornamento : 17:41

Rovio diminuisce di 10 punti il moltiplicatore d'imposta

Il Consiglio comunale va ben oltre la richiesta del Municipio che guardava a 'soli' 4 punti e accoglie la proposta della Gestione

Nella sua seduta di fine anno il Consiglio comunale di Rovio ha deciso all’unanimità di diminuire il moltiplicatore d’imposta dall'80% al 70%. Il Municipio aveva proposto una più timida diminuzione di 4 punti percentuali ma il legislativo ha seguito le indicazioni della commissione della gestione che nel suo rapporto sottoscritto da tutti i commissari si è espressa così: “Questo moltiplicatore viene proposto in quanto legato all’entrata d’imposta straordinaria del 2020 pari a 1’013’342 franchi portando il capitale proprio di Rovio a 3’441’555 franchi. Essendo un capitale proprio molto elevato anche in vista dell’aggregazione (capitale proprio Melano circa 2’400’000 franchi, Maroggia circa 2’000’000) con questo moltiplicatore si avrà un disavanzo d’esercizio di 530’400 franchi. Supponendo lo stesso disavanzo per il 2022 si arriverà all’aggregazione con un capitale per Rovio di 2’380’755 franchi in media con i capitali propri degli altri comuni preposti all’aggregazione”.

Nella stessa seduta il legislativo ha anche approvato il nuovo Regolamento comunale per l’Azienda Acqua Potabile “attualizzato e portato in linea con quello dei comuni di Maroggia e Melano in vista del processo aggregativo” (rapporto di maggioranza delle Petizioni) anche se una minoranza del legislativo riteneva questo Regolamento “una lista raffazzonata di articoli disorganizzati, in parte incomprensibili, di tanto in tanto in conflitto tra loro e in parte obsoleti“ (rapporto di minoranza delle Petizioni). La seduta si è naturalmente svolta con tutte le precauzioni dovute all’emergenza sanitaria e senza l’usuale brindisi prenatalizio.
 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio comunale moltiplicatore rovio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved