incendio-l-auto-del-medico-che-lo-aveva-operato-condannato
Alla sbarra (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone
Ticino
5 ore

Dpd, Verdi del Ticino: 'Libero mercato, libero sfruttamento?'

I Verdi del Ticino esprimono solidarietà a lavoratori e lavoratrici della Dpd per le condizioni lavorative 'inaccettabili'
Ticino
6 ore

Emergenza lavoro, ‘Ci vuole una strategia della solidarietà’

Nel quarto trimestre dell’anno sono andati persi - solo in Ticino - 10 mila impieghi a fronte dei 23 mila andati in fumo a livello nazionale
Luganese
6 ore

La Città di Lugano aderisce al progetto Smartvote

Per le prossime elezioni comunali i candidati potranno creare il proprio profilo rispondendo a un questionario sui vari temi politici
Ticino
6 ore

Piste da sci e terrazze: ‘Si voleva evitare una crisi’

Gobbi spiega le ragioni che hanno portato ad adeguarsi alle disposizioni federali. I gestori degli impianti: ‘c'è grande incertezza’
Mendrisiotto
7 ore

'Alla scuola di Morbio il clima è tranquillo'

Parla Claudia Canova, sindaco del paese. Al momento si tratta di un solo caso in una classe di quinta elementare
Luganese
7 ore

Lugano, pigioni moderate: scelti i vincitori per Lambertenghi

La Cooperativa Vivere Lambertenghi si aggiudica il concorso per costruire nell'omonimo quartiere un edificio di sette piani con venticinque appartamenti
Luganese
7 ore

Da lunedì apre a Lugano la mostra Da Vinci Experience

L'esposizione multimediale visitabile fino al 30 maggio al Centro esposizioni
Ticino
8 ore

Coronavirus o meno, i radar rimangono sempre aperti

Ecco le località nelle quali la prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino
Locarnese
8 ore

Bosco Gurin chiude la stazione sciistica

Frapolli annuncia che da lunedì gli impianti saranno fermi. La causa è il divieto di apertura delle terrazze dei ristoranti sulle piste
Locarnese
8 ore

Locarno, il Salva lancia la campagna sostenitori

Tramite volantino la popolazione viene informata sui vantaggi di una copertura sostenibile. I fondi raccolti consentono di migliorare la qualità del servizio
Luganese
30.11.2020 - 18:050
Aggiornamento : 18:50

Incendiò l'auto del medico che lo aveva operato: condannato

Un 58enne locarnese a processo alle Assise correzionali di Lugano: aveva aperto una causa contro lo specialista perché lo riteneva colpevole della sua invalidità

Aveva agito nel cuore della notte con una tanica di benzina e un accendino alla mano. Obiettivo l'auto del medico, neurochirurgo, residente nel Luganese, con cui aveva in corso una causa penale, posteggiata davanti all'ingresso dell'abitazione del contendente, causando un danno di oltre 75mila franchi. A processo alle Assise correzionali di Lugano, presiedute dal giudice Marco Villa, per fatti risalenti a più di cinque anni e mezzo fa, un 58enne ticinese, residente nel Locarnese. L'uomo è stato condannato per incendio intenzionale a 14 mesi per un periodo di prova di due anni (12 come pena base).

L'imputato, incensurato e al beneficio dell'Assicurazione invalidità, ha sempre contestato la sua presenza al domicilio del dottore che lo aveva operato alla schiena, intervento, secondo lui, non riuscito e dal quale aveva diversamente riportato lesioni che lo hanno costretto a una cura farmacologica continua. Quegli stessi medicamenti che stava assumendo anche durante l'interrogatorio e che gli avrebbero tolto la necessaria lucidità tanto da chiedere, in mattinata all'apertura del processo, il rinvio del dibattimento e lo stralcio dei verbali; richieste respinte entrambe dalla Corte.

Scrisse allo specialista 'chi la fa l'aspetti'

Colpevole, invece, l'uomo per la procuratrice Marisa Alfier che nella sua requisitoria, dove ha chiesto 18 mesi di carcere sospesi con la condizionale per un periodo di prova di tre anni, ha letto i diversi messaggi via telefonino che il 58enne aveva inviato "con astio" al medico, accusandolo di averlo reso invalido: dal se non avesse ricevuto i soldi avrebbe "fatto un disastro" a "chi la fa l'aspetti" continuando con "le preparo io la sorpresa". Invettive giustificate dall'imputato, secondo il magistrato, «sempre dai farmaci, come continua scusa, anziché ricondurle all'impossibilità di ottenere un risarcimento». 

Dello stesso tenore l'avvocato dell'accusatore privato, Yves Flückiger, che ha messo in evidenza come «per puro caso si abbiano avuti solo danni materiali. Imputato che non ha riflettuto dunque sulle gravi conseguenze del suo agire contro un medico che decine di migliaia di altre volte ha sempre preso a cuore la salute dei suoi pazienti. Tanto che l'accusato si era prima detto d'accordo con lo specialista sul buon esito dell'operazione e poi diversamente lo aveva denunciato spinto da amici balordi conosciuti online». Evidenziate anche la prova del Dna e le tracce dell'uomo sul luogo dell'incendio: «Come è possibile la migrazione del materiale genetico senza il coinvolgimento dell'imputato?». 58enne che peraltro aveva detto di aver 'visitato' la casa del medico prima dell'incendio.

 Un 'animus' dunque vendicativo? Peraltro presente fra le righe di quanto pubblicava, quale denuncia, continuamente online? Oppure un'estraneità dai fatti e la presenza di una terza persona che gli voleva male? Un processo quindi indiziario, come esordito dalla difesa sostenuta dall'avvocato Francesca Nicora «che prima di condannare chiede di avere una certezza granitica». Così la difesa ha cercato di scardinare le ipotesi dell'accusa riportando la mancanza di prove e chiedendo, 'in dubio pro reo', il proscioglimento motivandolo con il fatto che quel giorno il suo assistito «non fosse fisicamente in grado di uscire da casa. Non aveva alcuna ragione per questo gesto scellerato. È vero che aveva un contenzioso, tuttora aperto, ma come l'ha con altre persone che non si sono mai ritrovate l'auto incendiata. Le tracce del suo Dna sull'accendino? Sono più quelle della moglie, il cui incarto è già stato abbandonato. Forse quell'accendino era proprio lì per prendere di mira l'imputato...». Un contenzioso, che lo stesso imputato, aveva definito "sempre leale".

Non di questo avviso il giudice che ha accolto l'atto d'accusa, prosciogliendolo però dal secondo capo che lo voleva protagonista di un tamponamento a catena sull'autostrada fra Sigirino e Taverne.

 

© Regiopress, All rights reserved