laRegione
centro-sportivo-al-maglio-il-cantone-da-luce-verde
Il rendering offre un'immagine di come cambierà l'area (fonte Cantone)
Luganese
20.11.2020 - 16:090

Centro sportivo al Maglio, il Cantone dà luce verde

Il Dipartimento del territorio approva la variante pianificatoria di Lugano e Canobbio. Sboccata la costruzione delle infrastrutture

A tempo di record il Dipartimento del territorio (DT) ha approvato i la variante pianificatoria concernente alcuni aggiornamenti del Piano regolatore intercomunale del Piano della Stampa - nei Comuni di Lugano e Canobbio - finalizzati a conformare il Piano al progetto di nuovo Centro Sportivo al Maglio. Un progetto sviluppato dal team di progettazione scelto dal Municipio di Lugano, che aveva messo in luce delle difformità puntuali con il Piano regolatore intercomunale del Piano della Stampa (Prips), in particolare rispetto alla delimitazione dello spazio riservato ai corsi d’acqua e al limite del bosco. La variante ora approvata, coordinata con un’istanza di dissodamento, è finalizzata ad aggiornare le disposizioni pianificatorie per assicurare la conformità del progetto. Si ricorda che il Prips in vigore definisce l’assetto del comparto del Maglio, identificando una zona per attrezzature pubbliche e costruzioni pubbliche legata alla realizzazione del Centro sportivo Maglio. Al suo interno la Città, nel contesto della formazione del nuovo Polo sportivo a Cornaredo, dovrà edificare le strutture di appoggio al campo di calcio principale. Il progetto di massima definisce un parco dedicato allo sport e al tempo libero che ripristina il contatto tra la pianura del Maglio e il fiume Cassarate, conferendo altresì una propria identità a tutta l’area.  La variante approvata permetterà di promuovere la creazione di un Parco dello Sport che funge da polmone verde e da area di svago fruibile dall’intera popolazione. I cittadini potranno così beneficiare cittadini di un ampio spazio dalla collina fino alle rive del fiume, grazie a un intervento di riqualifica della riva del Cassarate e all’integrazione dei percorsi di mobilità lenta esistenti e futuri.

© Regiopress, All rights reserved