non-si-esclude-la-lite-all-origine-degli-spari-in-via-beltramina
Via Beltramina 3a
Fotoservizio TI-PRESS
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Autismo, una nuova casa per la Fondazione Ares

Il centro verrà inaugurato martedì 28 settembre alle 18 in Piazza Buffi 4 a Bellinzona
Ticino
5 ore

Pigioni abusive, iniziativa bocciata

Il formulario proposto dall’Associazione degli inquilini non trova il conforto delle urne. Soddisfatto il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
5 ore

‘Ven scià... Cünta sü!’ premia le prose e le poesie più belle

Sette gli autori dialettali saliti sul palco a Chiasso. E per l’edizione 2022 si annuncia anche un premio della critica
Mendrisiotto
5 ore

Una giornata con la Sat dedicata all’arrampicata

L’appuntamento è per domenica 24 ottobre. L’invito è rivolto a tutti gli interessati. Responsabile di giornata sarà Luciano Mollard
Mendrisiotto
5 ore

Con la Sat al Sassariente e alla Cima del Sassello

La passeggiata, della durata di 4 o 5 ore, è prevista per sabato 9 ottobre. Responsabile di giornata sarà Massimo Costa
Bellinzonese
6 ore

Olivone, annullata la castagnata degli Amici del Sosto

La società guarda al futuro con la speranza di poter riprendere nel 2022 il programma delle manifestazioni completo
Mendrisiotto
7 ore

Grande affluenza e nessun problema al party di Nebiopoli

‘Sorpresi dalla gentilezza’ il commento del presidente Alessandro Gazzani. All’evento, con obbligo di certificato, ha partecipato un migliaio di persone
referendum finanziario
7 ore

Sergio Morisoli: ‘È una doppia vittoria dell’Udc’

Per il padre dell’iniziativa ‘Basta tasse e basta spese’ lo scopo era quello di moderare preventivamente governo e Gran Consiglio. ‘Ci siamo riusciti’
Ticino
7 ore

Lgbtq+: ‘Possiamo festeggiare, anche in Ticino’

Anche il nostro cantone approva il matrimonio per tutti, seppure con una maggioranza più risicata che altrove (53% contro il 64% nazionale)
Bellinzonese
8 ore

Camorino, giornata di sensibilizzazione all’uso dell’e-bike  

L’Associazione di quartiere promuove l’evento volto a sensibilizzare la popolazione all’utilizzo della bicicletta o dei mezzi pubblici per spostamenti brevi
Ticino
8 ore

Sì alla legittima difesa, no alle pigioni e al referendum

Approvata l’iniziativa sulla legittima difesa. Bocciate invece l’iniziativa popolare sulle pigioni e l’introduzione del referendum finanziario
Luganese
8 ore

Fumo in un appartamento a Pregassona

Stando alle prime informazioni, una persona è rimasta leggermente intossicata
Luganese
20.11.2020 - 15:330
Aggiornamento : 17:06

Non si esclude la lite all'origine degli spari in via Beltramina

Il 50enne arrestato, inquilino al pianterreno, ha fatto fuoco intorno alla porta dell'appartamento di una coppia di anziani. Sequestrati due fucili.

"Ma adesso qui si mettono pure a sparare?" È stata questa l'esclamazione pronunciata dalla figlia di un famiglia che abita al terzo piano di via Beltramina 3 a, dove ieri sera poco prima delle 20 un cinquantenne cittadino svizzero, inquilino del pianterreno, ha sparato con un fucile da caccia all'interno e all'esterno del palazzo, fortunatamente senza ferire nessuno e vicino alla porta d'ingresso di una coppia di anziani al primo piano. La nostra testimone racconta di aver sentito dapprima quattro o cinque spari: «All'inizio non mi sono allarmata, perché pensavo che fossero i rumori metallici dei soliti maleducati che danno colpi sulla ringhiera delle scale» -. Poi un'altra serie di cinque-sei spari avvenuta dopo diversi minuti, «é a quel punto che non ho più avuto dubbi e inoltre ho sentito che i vicini si precipitavano da basso per capire cosa stesse succedendo».

E proprio su cosa sia successo con esattezza rimane una domanda ancora aperta. Ma la nostra interlocutrice riferisce particolari importanti e avanza un'ipotesi. «La polizia è stata chiamata da una mia amica che abita al 1° piano, proprio accanto all'appartamento della coppia di anziani, dove sono stati esplosi i colpi sopra e accanto alla loro porta. L'anziana signora è molto pignola e si lamenta spesso di tutti e non escluderei che l'autore degli spari abbia magari tenuto il volume della tv troppo alto e che all'ennesimo richiamo sia scattato, reagendo in questo folle modo, imbracciando un fucile». Tutte ipotesi al vaglio della procuratrice pubblica, Pamela Pedretti, titolare dell'inchiesta penale aperta nei confronti del 50enne arrestato ieri sera dagli agenti della polizia della città di Lugano all'ingresso dello stabile, immediatamente dopo il grave episodio. Le accuse, nei confronti dello sparatore, sono quelle di esposizione a pericolo della vita altrui e infrazione alla legge federale sulle armi. Sono due le armi sequestrate dagli agenti all'uomo: due fucili da caccia. «Non so dire che marca fossero, non me ne intendo, le ho viste davanti al portone principale, dove le ha depositate ieri sera momentaneamente la polizia» - prosegue la testimone.

Dai primi accertamenti - informa il Ministero pubblico - è emerso che l'uomo ha esploso alcuni colpi all'interno del suo appartamento nonché all'interno e all'esterno del caseggiato. L'appartamento del 50enne, al pianterreno, nel quale l'uomo ha fatto partire i primi colpi, è un monolocale e dà sotto la stanza della coppia di anziani, ciò che confermerebbe come il bersaglio dello sparatore fosse proprio la coppia di anziani. La polizia ha sbarrato con i classici cordoni la zona in cui si trova l'appartamento del 50enne. Tapparelle bianche abbassate, un piccolo monolocale con due finestre e una porta finestra che dà su un fazzoletto di verde in ombra. Davanti, una siepe e altri palazzi. 

'Da un paio d'anni lo stabile è in degrado: liti e gente che si picchia'

La nostra testimone parla di un palazzo, quello in cui ieri sera è avvenuta l'inaudita sparatoria, che negli ultimi anni ha subìto un notevole degrado. «Fino a qualche anno fa era un bellissimo palazzo, erano tutti appartamenti comprati. Poi, con la morte di molti anziani, da un paio di anni hanno iniziato ad affittare a gente spesso non molto ragguardevole. La polizia è arrivata spesso per schiamazzi, liti, gente che si picchia. Una volta un accoltellamento e un'altra volta un appartamento in cui c'era prostituzione».

'Una persona gentile, ma ultimamente appariva nervoso'

Il cinquantenne, che da ieri sera si trova in carcere preventivo, a dire degli inquilini dei due palazzi gemelli che fanno capo a un'unica amministrazione, è una persona «solitaria, schiva, domiciliato in via Beltramina da un paio d'anni e che viveva solo». Una inquilina del palazzo accanto lo descrive come «una persona gentile, ma negli ultimi tempi appariva nervoso. Diceva che l'assicurazione invalidità gli dava pochi soldi e che lui doveva pagare diverse fatture». Qualcun'altro sostiene che «si vedeva che era in difficoltà». 

 

 

 

Il luogo della sparatoria
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved