lugano-e-di-20-milioni-il-rosso-nel-preventivo-2021
Il sindaco Marco Borradori e il capodicastero Finanze Michele Foletti (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
3 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
6 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
6 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
12 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
14 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
21 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
21 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
29.10.2020 - 15:01
Aggiornamento: 16:11

Lugano, è di 20 milioni il rosso nel preventivo 2021

Il Municipio sta presentando il documento finanziario che indica un disavanzo d'esercizio minore rispetto a quello paventato alcuni mesi fa

"Il preventivo 2021 segna la, speriamo temporanea, interruzione del trend di risultati positivi registrati dalla Città negli ultimi esercizi". Comincia così il messaggio relativo al documento finanziario presentato oggi dal Municipio. Un Municipio preoccupato dalle ripercussioni negative generate sul sistema economico cittadino dalla pandemia di Covid-19. Tanto che qualsiasi previsione risulta essere quantomai complicata alla luce di una situazione che continua a evolversi (in maniera negativa, aggiungiamo noi). Ma veniamo al dunque: il disavanzo di gestione corrente stimato per il 2021 dal Dicastero Consulenza e gestione guidato da Michele Foletti ammonta a 20,1 milioni di franchi. Una cifra, sottolinea l'esecutivo, che influisce negativamente sugli obiettivi fissati nelle condizioni quadro emanate da Municipio, in particolare sul mantenimento dell’equilibrio finanziario. Il risultato indicato è comunque migliore di quello prospettato solo un paio di mesi fa, quando si paventava cifre rosse per oltre 40 milioni di franchi.

Il disavanzo torna in doppia cifra come nel 2013

E con questi risultati negativi si ritorna, per la prima volta dal consuntivo 2013 quando il disavanzo era di oltre 50 milioni di franchi, a registrare un disavanzo significativo (pari al 4.35% del totale delle spese correnti). Un disavanzo che riduce in modo importante il grado di autofinanziamento degli investimenti in beni amministrativi che si fissa al 37.34% contro l’obiettivo prospettato del 59%. E, al netto del disavanzo d’esercizio, si legge nel messaggio, "il grado di autofinanziamento derivante dagli ammortamenti dei beni amministrativi rispetto agli investimenti amministrativi netti corrisponderebbe al 78’15%". Diciamo subito che queste previsioni andranno confermate. L'auspicio è che non vengano introdotte, da parte delle autorità federali e cantonali, altre misure restrittive che danneggiano le attività economiche, ma questo dipenderà anche dall'andamento della pandemia. Non mancano peraltro le note positive: "D’altro canto, e questo risulta essere un aspetto positivo, le incidenze strutturali sui conti della Città evidenziate dal preventivo 2021 rispetto al preventivo 2020", prosegue la Città nel documento, "sono pressoché limitate ai costi per il personale e sono in particolare riconducibili alle decisioni già precedentemente prese relative alla riclassificazione delle funzioni secondo il nuovo Rod e all’introduzione, a partire dal primo gennaio 2021, del nuovo piano previdenziale elaborato dalla cassa Pensioni di Lugano e il suo finanziamento".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved