mortale-di-sigirino-10-anni-per-omicidio-intenzionale
TI-PRESS
Il giudice, Mauro Ermani
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
27 min

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
1 ora

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
1 ora

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
1 ora

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
2 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
2 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
2 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
3 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
3 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
3 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
13.10.2020 - 19:10
Aggiornamento: 14.10.2020 - 00:02

Mortale di Sigirino: 10 anni per omicidio intenzionale

È la prima condanna per questo reato in Ticino. Il giudice Ermani: 'L'imputato ha accettato di sacrificare una vita per un viaggio futile'

 «L'imputato ha accettato di sacrificare una vita umana per un viaggio futile». Dieci anni di carcere per omicidio intenzionale e espulsione dalla Svizzera e carcerazione di sicurezza per tre mesi. Questa la condanna - la prima per questo reato mai prima emessa in Ticino - pronunciata in serata dalle Assise criminali di Lugano per la tragedia consumata il 10 novembre di tre anni fa sull'autostrada, all'altezza di Sigirino, quando l'imputato, un 39enne italiano, dopo zig zag in auto sulla A2 e sorpassi temerari a velocità proibite, ha falciato sulla corsia di destra uno scooterista, 39enne, uccidendolo, il quale quel giorno si stava recando a casa dalla famiglia per rivedere suo figlio, nato da una settimana. L'imputato, quel giorno di novembre di tre anni fa, ha pure messo a repentaglio la vita di un altro motociclista, speronandolo.

Per la Corte, «il quadro generale è che l'imputato ha guidato in modo sconsiderato, partendo da casa fino a Sigirino a velocità folli. Fuori dall'ospedale psichiatrico cantonale di Mendrisio, non trova di meglio che andare a bere alcol. L'imputato se ne è infischiato di tutto. Più di un comportamento sulla strada è stato sconsiderato. All'imputato interessava poco quello che poteva succedere agli altri, in una strada trafficata. È un caso classico di dolo eventuale - ha detto il giudice Ermani. Il caso di uno speronamento di un altro motociclista ha configurato per la Corte la messa in pericolo della vita del conducente. Ancora il giudice: ben tre ricoveri non hanno permesso all'imputato di capire i suoi problemi e la misura di collocamento a Villa Argentina è stato fallimentare. I requisiti per una continuità non sono più dati. 

La difesa si era battuta per il reato di omicidio colposo. Non esclude il ricorso in Appello 

Il pp Respini aveva richiesto 11 anni di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per 15 anni. La difesa, rapprentata dall'avvocato Yasar Ravi, si è battuto per l'omicidio colposo. Secondo il legale, i medici dell'ospedale cantonale psichiatrico hanno scaricato il 39enne e lo hanno dimesso perché non sussistevano motivi per trattenerlo, quando invece un altro medico aveva proposto una cura stazionaria. Il 39enne, a mente del legale, è ricaduto dopo poche ore dalla sua dimissione nell'alcol quella fatidica giornata del 10 novembre di tre anni fa. «Lui un aiuto lo ha chiesto, ma la clinica lo ha dimesso troppo presto». L'avvocato Ravi ha contestato le testimonianze, giudicandole approssimative e talora contraddittorie. Inoltre, il legale ha evidenziato come il suo cliente abbia commesso diverse infrazioni stradali. ma non un omicidio intenzionale: «non si può infatti dire che desiderasse la morte della vittima».  

Anche sulla velocità il legale ha sottolineato come quelle indicate nell'atto d'accusa non siano plausibili. Mancano elementi oggettivi certi. L'atto d'accusa parla di quattro sorpassi temerari: ma un sorpasso a destra in sé non configura un'infrazione alle norme della circolazione. E inoltre - ha proseguito la difesa nel pomeriggio - per parlare di sorpassi temerari, essi non devono essere solo azzardati, ma pure insensati e folli. Ravi si è battuto perché il suo cliente continui la cura a Villa Argentina. «La pena- ha richiesto Ravi alla Corte - deve essere sospesa per dar luogo a una misura di collocamento».  La pena - ha chiesto la difesa - va ridotta sensibilmente.  E si è opposto all'espulsione: «lavora dal 2007 in Svizzera».  Dopo aver appreso la sentenza, l'avvocato Ravi non ha escluso di ricorrere in Appello.

Le richieste di torto morale e danni avanzate dall'avvocato GIovanni Molo, in rappresentanza della famiglia della vittima, sono stati accolti dalla Corte nel principio e rinviati al foro civile per la quantificazione. L'imputato in conclusione ha detto: «il mio animo è stato quello di aiutare le persone e non di lederle. Non ero consapevole. Spero di fare qualcosa di umanamente utile per la famiglia della vittima, perché di fronte alla morte non c'è rimedio». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved