laRegione
mortale-di-sigirino-10-anni-per-omicidio-intenzionale
TI-PRESS
Il giudice, Mauro Ermani
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
30 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
1 ora

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Mendrisiotto
12 ore

Superstrada allungata, Mendrisio non ci sta

Il Municipio è pronto a opporsi all'opera. Si teme un aumento del traffico transfrontaliero
Ticino
13 ore

Salario minimo, Sirica (Ps) al governo: ‘Quale applicazione?’

Con un'interrogazione il copresidente socialista chiede che entri in vigore subito nel 2021, che non si attenda dicembre e che si spinga molto sui controlli
Audio
Ticino
13 ore

Sci e Covid, Pini: 'Mascherine fondamentali, aiutateci'

Il direttore degli impianti di Airolo sulle aperture: 'Pronti a gestire gli assembramenti, ma attenzione'
Mendrisiotto
13 ore

In via Catenazzi a Mendrisio cambiano le regole

A seguito dei lavori nel comparto della stazione ferroviaria viene introdotto il senso unico per un tratto
Luganese
13.10.2020 - 19:100
Aggiornamento : 14.10.2020 - 00:02

Mortale di Sigirino: 10 anni per omicidio intenzionale

È la prima condanna per questo reato in Ticino. Il giudice Ermani: 'L'imputato ha accettato di sacrificare una vita per un viaggio futile'

 «L'imputato ha accettato di sacrificare una vita umana per un viaggio futile». Dieci anni di carcere per omicidio intenzionale e espulsione dalla Svizzera e carcerazione di sicurezza per tre mesi. Questa la condanna - la prima per questo reato mai prima emessa in Ticino - pronunciata in serata dalle Assise criminali di Lugano per la tragedia consumata il 10 novembre di tre anni fa sull'autostrada, all'altezza di Sigirino, quando l'imputato, un 39enne italiano, dopo zig zag in auto sulla A2 e sorpassi temerari a velocità proibite, ha falciato sulla corsia di destra uno scooterista, 39enne, uccidendolo, il quale quel giorno si stava recando a casa dalla famiglia per rivedere suo figlio, nato da una settimana. L'imputato, quel giorno di novembre di tre anni fa, ha pure messo a repentaglio la vita di un altro motociclista, speronandolo.

Per la Corte, «il quadro generale è che l'imputato ha guidato in modo sconsiderato, partendo da casa fino a Sigirino a velocità folli. Fuori dall'ospedale psichiatrico cantonale di Mendrisio, non trova di meglio che andare a bere alcol. L'imputato se ne è infischiato di tutto. Più di un comportamento sulla strada è stato sconsiderato. All'imputato interessava poco quello che poteva succedere agli altri, in una strada trafficata. È un caso classico di dolo eventuale - ha detto il giudice Ermani. Il caso di uno speronamento di un altro motociclista ha configurato per la Corte la messa in pericolo della vita del conducente. Ancora il giudice: ben tre ricoveri non hanno permesso all'imputato di capire i suoi problemi e la misura di collocamento a Villa Argentina è stato fallimentare. I requisiti per una continuità non sono più dati. 

La difesa si era battuta per il reato di omicidio colposo. Non esclude il ricorso in Appello 

Il pp Respini aveva richiesto 11 anni di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per 15 anni. La difesa, rapprentata dall'avvocato Yasar Ravi, si è battuto per l'omicidio colposo. Secondo il legale, i medici dell'ospedale cantonale psichiatrico hanno scaricato il 39enne e lo hanno dimesso perché non sussistevano motivi per trattenerlo, quando invece un altro medico aveva proposto una cura stazionaria. Il 39enne, a mente del legale, è ricaduto dopo poche ore dalla sua dimissione nell'alcol quella fatidica giornata del 10 novembre di tre anni fa. «Lui un aiuto lo ha chiesto, ma la clinica lo ha dimesso troppo presto». L'avvocato Ravi ha contestato le testimonianze, giudicandole approssimative e talora contraddittorie. Inoltre, il legale ha evidenziato come il suo cliente abbia commesso diverse infrazioni stradali. ma non un omicidio intenzionale: «non si può infatti dire che desiderasse la morte della vittima».  

Anche sulla velocità il legale ha sottolineato come quelle indicate nell'atto d'accusa non siano plausibili. Mancano elementi oggettivi certi. L'atto d'accusa parla di quattro sorpassi temerari: ma un sorpasso a destra in sé non configura un'infrazione alle norme della circolazione. E inoltre - ha proseguito la difesa nel pomeriggio - per parlare di sorpassi temerari, essi non devono essere solo azzardati, ma pure insensati e folli. Ravi si è battuto perché il suo cliente continui la cura a Villa Argentina. «La pena- ha richiesto Ravi alla Corte - deve essere sospesa per dar luogo a una misura di collocamento».  La pena - ha chiesto la difesa - va ridotta sensibilmente.  E si è opposto all'espulsione: «lavora dal 2007 in Svizzera».  Dopo aver appreso la sentenza, l'avvocato Ravi non ha escluso di ricorrere in Appello.

Le richieste di torto morale e danni avanzate dall'avvocato GIovanni Molo, in rappresentanza della famiglia della vittima, sono stati accolti dalla Corte nel principio e rinviati al foro civile per la quantificazione. L'imputato in conclusione ha detto: «il mio animo è stato quello di aiutare le persone e non di lederle. Non ero consapevole. Spero di fare qualcosa di umanamente utile per la famiglia della vittima, perché di fronte alla morte non c'è rimedio». 

© Regiopress, All rights reserved