laRegione
mortale-sigirino-e-omicidio-intenzionale-pena-di-11-anni
TI-PRESS
Il pp Nicola Respini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
26 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
1 ora

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Mendrisiotto
12 ore

Superstrada allungata, Mendrisio non ci sta

Il Municipio è pronto a opporsi all'opera. Si teme un aumento del traffico transfrontaliero
Ticino
13 ore

Salario minimo, Sirica (Ps) al governo: ‘Quale applicazione?’

Con un'interrogazione il copresidente socialista chiede che entri in vigore subito nel 2021, che non si attenda dicembre e che si spinga molto sui controlli
Audio
Ticino
13 ore

Sci e Covid, Pini: 'Mascherine fondamentali, aiutateci'

Il direttore degli impianti di Airolo sulle aperture: 'Pronti a gestire gli assembramenti, ma attenzione'
Mendrisiotto
13 ore

In via Catenazzi a Mendrisio cambiano le regole

A seguito dei lavori nel comparto della stazione ferroviaria viene introdotto il senso unico per un tratto
Luganese
13 ore

Lugano conferma il mercatino di Natale 'a prova di Covid'

Misure di distanziamento e sicurezza accresciute. Il fulcro in piazza Manzoni, dove l'area sarà cintata e con un tetto massimo di ingressi
Ticino
13 ore

Parco dell'innovazione in Ticino, la soddisfazione del Plr

I liberali radicali giudicano ‘una tappa fondamentale’ l'entrata nella rete Switzerland Innovation Park: ‘Faciliterà l'insediamento di attività all'avanguardia’
Luganese
13.10.2020 - 13:080
Aggiornamento : 23:49

Mortale Sigirino: 'è omicidio intenzionale', pena di 11 anni

La pubblica accusa: l'imputato ha messo inoltre in pericolo 5 persone sulla A2, toccando punte di 182 all'ora. Chiesta l'espulsione dalla Svizzera

 «La tragedia consumata il 10 novembre di tre anni fa sull'autostrada, all'altezza di Sigirino lascia allibiti e increduli. La vittima, un padre di famiglia, quel giorno si stava recando a casa per rivedere suo figlio, nato da pochi giorni. Così il pp Nicola Respini ha ricostruito durante la sua requisitoria l'agghiacciante incidente mortale compiuto dal 39enne italiano, dopo una guida azzardata, centrando con il suo Suv uno scooterista 39enne a 150 all'ora, uccidendolo, dopo aver messo a repentaglio la vita di almeno altre 5 persone sull'autostrada.

Nei confronti dell'imputato, la pubblica accusa ha chiesto 11 anni di carcere per omicidio intenzionale.

Condanna sostanzialmente confermata dal giudice, che ha condannato il 39enne a 10 anni.

Il magistrato ha inoltre chiesto l'obbligo di una terapia durante l'espiazione e l'espulsione dalla Svizzera per 15 anni, nonché la carcerazione di sicurezza, perché il percorso terapeutico a Villa Argentina è fallito «e se l'imputato non ha voluto farsi curare, per lui rimane solo il carcere».

«La colpa del 39enne italiano è gravissima, la sua guida sull'autostrada è stata un crescendo di aggressività, fino al mortale» - ha evidenziato il pp Respini, che ha aggiunto: «All'inizio delle indagini si era pensato a un colpo di sonno, a una distrazione, a una fatalità. Ma poi, quasi subito, con le immagini della videosorveglianza - viste ancora stamane in aula - e alle diverse testimonianze si è appreso che invece si era di fronte a una tragedia dopo una scorribanda automobilistica. L'imputato dal suo domicilio di Arbedo fino a Sigirino ha guidato, mostrando totale indifferenza, disprezzo verso il prossimo, verso la vita altrui».

Il giorno dopo, il primo interrogatorio. L'imputato, ha spiegato il pp Respini, non ricordava nulla. «Ma nei verbali, qualcosa si ricordava: parlava di  aver svolto 'manovre azzardate, ma in sicurezza'. Questo significa che sapeva che faceva qualcosa di scorretto». 

Elevato il tasso di alcolemia registrato: guidava con oltre il 2,6 per mille e inoltre aveva assunto psicofarmaci somministratigli dai medici. Usciva da poche ore dall'ospedale psichiatrico cantonale di Mendrisio. Il magistrato ha descritto l'imputato, come una persona con grossi problemi di alcolemia e tossicodipendenza, che ancora oggi sottovaluta e non riconosce i suoi problemi. Già nel 2013 e nel 2014, quando era seguito da Ingrado, non si è mai assunto piena responsabilità. Molti i ricoveri in cliniche psichiatriche: fino al novembre 2017. 

 Ha toccato punte a 182 all'ora

Il magistrato ha ricostruito la sua folle scorribanda di quel 10 novembre di tre anni fa: il 39enne ha tenuto una media di guida, tra i 164 e i 182 all'ora, mentre l'impatto con la vittima è avvenuto sulla corsia destra a una velocità, tra i 116 e i 130 all'ora, «preceduta da una frenata che purtroppo non ha avuto nessun effetto» - ha detto il pp Respini, che ha qualificato il suo comportamento, come scriteriato: anche dopo l'incidente ha avuto un atteggiamento aggressivo. 

A mente della pubblica accusa, il 39enne con il suo comportamento sapeva che poteva mettere in pericolo la vita altrui e ciò nonostante «si è lanciato sull'autostrada, superando i limiti di velocità, tallonando le auto senza distanza, perdendo a più riprese la padronanza dell'auto. Lo ha fatto dopo aver assunto alcol e medicamenti. 

Molti i testimoni che si trovavano sulla strada in quel momento, «che hanno dichiarato della folle velocità dell'uomo, che ha tentato persino di spingere fuori strada due motociclisti che tentavano di superarlo, costringendoli verso il guardrail. Sapeva che non era nelle condizioni di guidare, eppure si è lanciato in questa gara di velocità, come in un gioco agli autoscontri». Tra le imputazioni, anche l'omissione di soccorso.

Nel pomeriggio parola all'avvocato Giovanni Molo, rappresentante legale della famiglia della vittima. Poi la parola passerà all'avvocato Yasar Ravi per l'arringa difensiva.  La Corte si riunirà verso le 16. Misura stazionaria in una struttura o carcere?, è uno dei quesiti ai quali dovranno rispondere i giudici.  La sentenza è stata annunciata per le 18. 

 

 

© Regiopress, All rights reserved