ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
37 min

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
43 min

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
43 min

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
1 ora

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
2 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
2 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
2 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
3 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
3 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
4 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
4 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
Locarnese
4 ore

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
5 ore

‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’

Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
13.10.2020 - 13:08
Aggiornamento: 23:49

Mortale Sigirino: 'è omicidio intenzionale', pena di 11 anni

La pubblica accusa: l'imputato ha messo inoltre in pericolo 5 persone sulla A2, toccando punte di 182 all'ora. Chiesta l'espulsione dalla Svizzera

mortale-sigirino-e-omicidio-intenzionale-pena-di-11-anni
TI-PRESS
Il pp Nicola Respini

 «La tragedia consumata il 10 novembre di tre anni fa sull'autostrada, all'altezza di Sigirino lascia allibiti e increduli. La vittima, un padre di famiglia, quel giorno si stava recando a casa per rivedere suo figlio, nato da pochi giorni. Così il pp Nicola Respini ha ricostruito durante la sua requisitoria l'agghiacciante incidente mortale compiuto dal 39enne italiano, dopo una guida azzardata, centrando con il suo Suv uno scooterista 39enne a 150 all'ora, uccidendolo, dopo aver messo a repentaglio la vita di almeno altre 5 persone sull'autostrada.

Nei confronti dell'imputato, la pubblica accusa ha chiesto 11 anni di carcere per omicidio intenzionale.

Condanna sostanzialmente confermata dal giudice, che ha condannato il 39enne a 10 anni.

Il magistrato ha inoltre chiesto l'obbligo di una terapia durante l'espiazione e l'espulsione dalla Svizzera per 15 anni, nonché la carcerazione di sicurezza, perché il percorso terapeutico a Villa Argentina è fallito «e se l'imputato non ha voluto farsi curare, per lui rimane solo il carcere».

«La colpa del 39enne italiano è gravissima, la sua guida sull'autostrada è stata un crescendo di aggressività, fino al mortale» - ha evidenziato il pp Respini, che ha aggiunto: «All'inizio delle indagini si era pensato a un colpo di sonno, a una distrazione, a una fatalità. Ma poi, quasi subito, con le immagini della videosorveglianza - viste ancora stamane in aula - e alle diverse testimonianze si è appreso che invece si era di fronte a una tragedia dopo una scorribanda automobilistica. L'imputato dal suo domicilio di Arbedo fino a Sigirino ha guidato, mostrando totale indifferenza, disprezzo verso il prossimo, verso la vita altrui».

Il giorno dopo, il primo interrogatorio. L'imputato, ha spiegato il pp Respini, non ricordava nulla. «Ma nei verbali, qualcosa si ricordava: parlava di  aver svolto 'manovre azzardate, ma in sicurezza'. Questo significa che sapeva che faceva qualcosa di scorretto». 

Elevato il tasso di alcolemia registrato: guidava con oltre il 2,6 per mille e inoltre aveva assunto psicofarmaci somministratigli dai medici. Usciva da poche ore dall'ospedale psichiatrico cantonale di Mendrisio. Il magistrato ha descritto l'imputato, come una persona con grossi problemi di alcolemia e tossicodipendenza, che ancora oggi sottovaluta e non riconosce i suoi problemi. Già nel 2013 e nel 2014, quando era seguito da Ingrado, non si è mai assunto piena responsabilità. Molti i ricoveri in cliniche psichiatriche: fino al novembre 2017. 

 Ha toccato punte a 182 all'ora

Il magistrato ha ricostruito la sua folle scorribanda di quel 10 novembre di tre anni fa: il 39enne ha tenuto una media di guida, tra i 164 e i 182 all'ora, mentre l'impatto con la vittima è avvenuto sulla corsia destra a una velocità, tra i 116 e i 130 all'ora, «preceduta da una frenata che purtroppo non ha avuto nessun effetto» - ha detto il pp Respini, che ha qualificato il suo comportamento, come scriteriato: anche dopo l'incidente ha avuto un atteggiamento aggressivo. 

A mente della pubblica accusa, il 39enne con il suo comportamento sapeva che poteva mettere in pericolo la vita altrui e ciò nonostante «si è lanciato sull'autostrada, superando i limiti di velocità, tallonando le auto senza distanza, perdendo a più riprese la padronanza dell'auto. Lo ha fatto dopo aver assunto alcol e medicamenti. 

Molti i testimoni che si trovavano sulla strada in quel momento, «che hanno dichiarato della folle velocità dell'uomo, che ha tentato persino di spingere fuori strada due motociclisti che tentavano di superarlo, costringendoli verso il guardrail. Sapeva che non era nelle condizioni di guidare, eppure si è lanciato in questa gara di velocità, come in un gioco agli autoscontri». Tra le imputazioni, anche l'omissione di soccorso.

Nel pomeriggio parola all'avvocato Giovanni Molo, rappresentante legale della famiglia della vittima. Poi la parola passerà all'avvocato Yasar Ravi per l'arringa difensiva.  La Corte si riunirà verso le 16. Misura stazionaria in una struttura o carcere?, è uno dei quesiti ai quali dovranno rispondere i giudici.  La sentenza è stata annunciata per le 18. 

 

 

Leggi anche:

In aula le immagini del mortale di Sigirino sulla A2

Mortale di Sigirino: 10 anni per omicidio intenzionale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved