ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
36 min

Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo

Nuove informazioni sono attese per oggi, lunedì. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
1 ora

Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’

Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Locarnese
3 ore

Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere

Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
3 ore

Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’

La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Mendrisiotto
10 ore

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
11 ore

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
11 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
12 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
13 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
14 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
14 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
15 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
16 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
16 ore

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
16 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
16 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
Locarnese
16 ore

Muralto, la partita su grande schermo

Una proposta abbinata a un aperitivo al Bar Incontro
Locarnese
16 ore

Locarno, aperitivo del Plr

Appuntamento prenatalizio con la Sezione cittadina del Partito liberale radicale
Ticino
17 ore

Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina

La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Bellinzonese
18 ore

Biasca, il nuovo corso del Carnevale inizia... dal Natale

Il rinnovato comitato propone una serie di eventi nel mese di dicembre
Mendrisiotto
18 ore

Morbio Inferiore, il cenacolo del movimento sacerdotale

Appuntamento nel pomeriggio di sabato 10 dicembre nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli
12.10.2020 - 18:41
Aggiornamento: 20:43

Lugano, funicolare degli Angioli e spazi pubblici

Zanini Barzaghi: 'L'impianto, gioiello di architettura industriale, potrebbe risorgere". Domani al Lac s'inaugura la mostra sui quattro progetti di rilancio

lugano-funicolare-degli-angioli-e-spazi-pubblici
Quando era in funzione (Immagini Archivio storico Lugano)
+4

“I prossimi decenni Lugano se li giocherà nello spazio pubblico. E non intendo i 'giardinetti' ma la possibilità di usufruire delle sue innegabili bellezze e il piacere di viverci'. Parole dell'antropologo Franco La Cecla risalenti al 2008 citate da Cristina Zanini Barzaghi, municipale socialista di Lugano nel suo intervento pubblicato sulla rivista della Società per l'arte nell'ingegneria della quale è vicepresidente e di cui pubblichiamo un ampio estratto. La municipale parla della funicolare degli Angioli in vista dell'inaugurazione, domani alle 18 nella Hall del Lac, dell'esposizione che mostra i quattro progetti di rilancio disegnati dai team interdisciplinari invitati lo scorso anno dal Municipio tramite un mandato di studio in parallelo, con un collegio di esperti provenienti da diverse discipline: architettura, ingegneria, economia e paesaggismo. I risultati sono incoraggianti, con soluzioni diversificate e alta qualità urbanistica, osserva Zanini Barzaghi: "La riattivazione di questo impianto è stata analizzata anche dal punto di vista economico. Nei prossimi passi, oltre al progetto di valorizzazione storica della funicolare come gioiello di architettura industriale, ci sarà quindi un concorso d’architettura e ingegneria che preciserà i dettagli del restauro e definirà il tracciato della nuova passeggiata che dal lago collegherà il parco del Tassino. La funicolare degli Angioli, a oltre cento anni dalla costruzione, potrebbe ora finalmente resuscitare".

Il Lac e l'area a valle danno il là

Nella parte a valle della funicolare, dopo decenni di degrado, con l'inaugurazione del Lac (2015) è partito un "processo di rinnovo generale di tutta l’area. La nuova piazza Luini dialoga con la restaurata chiesa degli Angioli, meta turistica privilegiata per i famosi affreschi di Luini; il convento adiacente e l’ex albergo Palace sono stati risanati conservando il loro carattere storico: un’operazione coordinata fra Città, Cantone e privati con cospicui investimenti pubblici che assegna nuovamente a quest’area urbana il ruolo di catalizzatore che aveva conosciuto in passato". Ma la politica e i luganesi hanno chiesto di dare nuova vita alla funicolare sin dalla dismissione decisa nel 1986, dopo la chiusura dell'Hotel Bristol accanto alla stazione a monte. Per riattivarla, venuto meno lo scopo originario di 'mero' trasporto di persone, continua Zanini Barzaghi, "è stato però necessario trovare una funzione che possa giustificare il cospicuo investimento necessario. Perciò la Città, sollecitata da diversi atti parlamentari, nel 2009, in concomitanza con il cantiere del Lac, ha incaricato uno specialista di studiare diversi scenari per il suo futuro". Nel contempo, "nel 2011 l’impianto venne inserito nel censimento dei beni culturali di interesse cantonale e nell’elenco federale degli impianti di risalita storici degni di conservazione, dando la possibilità di attivare sussidi per il restauro. Negli ultimi anni, con la riqualifica del comparto a valle, sono emerse nuove esigenze. Lo studio comunale sui percorsi pedonali e ciclabili, elaborato nel 2018, indica la necessità di creare una passeggiata dal lungolago verso monte con collegamento alla verde valletta del Tassino e verso la stazione Ffs: un sistema di trasporto per biciclette attraverso la riattivazione della funicolare sarebbe quindi benvenuto. Inoltre, oltre al restauro storico, si intende dare nuovi significati a questa infrastruttura riprendendo un’idea del passato mai realizzata: collegare adeguatamente con una nuova passerella il sovrastante parco del Tassino: un luogo molto suggestivo, caratterizzato dalla torretta rosa ben visibile quando si transita con il treno da Lugano, ma poco frequentato a causa della cesura data dalla linea ferroviaria".

Un po' di storia ultracentenaria

"La piccola funicolare alla porta sud della città vecchia di Lugano collega il lungolago, con via Clemente Maraini, la strada principale che dal quartiere di Loreto porta alla stazione di Lugano. Il tracciato in diagonale definisce in modo netto il limite sud del nucleo storico. Dall'omonima scalinata adiacente si apre un panorama mozzafiato sul lago, sulla città vecchia e sul Lac, con il nuovo centro culturale, la chiesa di Santa Maria degli Angioli e il convento recentemente restaurati. Il tracciato di 142 metri (50 di dislivello) collegò la piazza Luini e il lungolago al sovrastante ex albergo Bristol, rinomata meta turistica dal 1913. Oggi questo impianto con forte impatto urbanistico incuriosisce i più come rudere romantico: in realtà è un gioiello industriale di indubbio interesse ingegneristico. La funicolare era un unicum fra le numerose realizzate all’epoca: il dislivello viene infatti superato come ascensore elettrico con contrappesi che scorrono in verticale per 20 metri nell’edificio della stazione a monte". Venne costruita in tempi di grande sviluppo turistico. "Dopo l’apertura della Galleria ferroviaria del san Gottardo nel 1882, a Lugano ci furono grandi trasformazioni urbanistiche: il lungolago, i grandi alberghi e le quattro funicolari vennero realizzate nei decenni immediatamente successivi. L’impianto a fune fu progettato come accesso al Grand Hotel Bristol, edificato dall’architetto ticinese Paolito Somazzi, in posizione panoramica rialzata, inaugurato nel 1903. Nel 1907 l’ingegnere Mario Maffei chiese una concessione per una ferrovia-funicolare che da via Nassa conduce alla sovrastante via Maraini, da costruire sulla scalinata esistente. La concessione fu però rilevata dalla società di gestione «Società Funicolare degli Angioli», la quale sotto la presidenza dell’architetto Otto Maraini, ne curò la realizzazione. Nel 1911 fu presentato il progetto definitivo e nel 1913 la funicolare fu aperta al pubblico".

Unico impianto a 'sistema' Stigler

L’impianto venne fornito dalla Officine Meccaniche Stigler di Milano a suo tempo assai nota fabbrica di ascensori, che aveva realizzato anche altre funicolari con il cosiddetto “sistema Stigler”, prosegue la municipale: "La funicolare degli Angioli è l’unico impianto di questo tipo conservato fino ai nostri giorni. La funicolare è a un solo binario, senza scambi e con una vettura unica: in realtà, si tratta di un ascensore inclinato con contrappeso e trazione elettrica. Il breve tracciato rettilineo presenta diverse opere d’arte: la parte inferiore della linea è collocata su una costruzione massiccia in blocchi squadrati di pietra naturale, appoggiata sulla preesistente Gradinata degli Angioli realizzata presumibilmente nel 1906; a monte la linea oltrepassa il viottolo del Tassino (oggi via Motta) con un ponte d’acciaio con travi ad anima piena rivettato raggiungendo l’arrivo posto in un edificio a forma di torretta, il quale contiene oltre alla sala macchine, anche la fossa del contrappeso. In origine l’arrivo era collegato direttamente con l’Hotel Bristol tramite una passerella. La stazione a valle è semplicemente aperta su piazza Luini e ubicata a fianco della Chiesa di Santa Maria degli Angioli. Lo chassis della vettura a due assali munito di freno a ganasce, con semplice carrozzeria in metallo e rivestimento interno in legno poteva trasportare fino a 28 passeggeri. I componenti nella stazione a monte sono in gran parte originali e solo leggermente trasformati nel 1978, dopo il passaggio di proprietà alla Città nel 1974".

 

Leggi anche:

La funicolare degli Angioli a Lugano? 'Va riattivata'

Lugano, un'idea geniale per rilanciare gli Angioli

Funicolare degli Angioli a Lugano, si cerca l'idea

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved