arl-di-viganello-il-piano-per-la-tutela-e-pronto
Il sedime che corre lungo via La Santa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
3 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
3 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
3 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
4 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
4 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
5 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
5 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
5 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
6 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
Locarnese
7 ore

Riazzino, il Vanilla riapre le sale del club

Prima serata dopo quattro mesi di chiusura forzata, domani sera sabato 29 gennaio, con Guè Pequeno, Tony Effe e Dj Matrix
Mendrisiotto
7 ore

Un Piano energetico comunale per Riva San Vitale

Una mozione chiede al Municipio di dotarsi dello strumento. Prima tappa la creazione di un gruppo di lavoro
Bellinzonese
7 ore

Restano ancora chiusi sette sportelli multifunzionali

Lo ha deciso il Municipio considerato il protrarsi della situazione sanitaria
Locarnese
8 ore

Collegamento A2-A13, ‘si vede la luce in fondo al tunnel’

Il Plr distrettuale saluta positivamente la decisione di Berna e sottolinea la necessità di una soluzione definitiva al problema del traffico sul Piano
Luganese
8 ore

Giorgio Grandini sotto inchiesta

A lui e a un altro notaio sono contestate truffa e falsità in documenti
14.09.2020 - 06:000

Arl di Viganello, il piano per la tutela è pronto

L'approfondimento per la dibattuta tutela degli stabili arriva a Palazzo mentre Artioli evoca il rischio che il tutto resti com'è per decenni

Le modine sono su da qualche mese ma è imminente la discussione sul futuro dell'ex autorimessa delle Autolinee regionali luganesi (Arl Sa) di Viganello, per la quale la Città si sta indirizzando verso la salvaguardia. Lo studio commissionato dalla Città è pronto e «lo discuteremo in Municipio fra una decina di giorni, assicura Angelo Jelmini, titolare del Dicastero dello sviluppo territoriale di Lugano. Intanto, Artisa Sa sta alla finestra e non ritira il diritto di compera da 13 milioni di franchi sottoscritto con le Arl: «Aspettiamo comunicazioni, vediamo cosa succede», commenta Stefano Artioli, Ceo di Artisa Sa, secondo cui però la battaglia politica ha sollevato un polverone che rischia di allungare di decenni la sistemazione del sedime «non essendo la struttura protetta, come è successo in passato per altri immobili di proprietà pubblica». L'idea dell'impreditore ticinese era invece quella di valorizzare l'area ricavandoci «appartamenti a pigione moderata rivolti in particolare a studenti in vista dell'apertura della nuova sede Usi-Supsi all'ex Campari di Viganello e un albergo di tre stelle a prezzi accettabili». 

Artioli: 'Chi ci metterà una ventina di milioni?'

Ora, come detto, però, la Città sembra orientata verso la tutela degli immobili, mettendo fuori gioco il progetto di Artisa... «Non ci si rende conto che Lugano è seconda Città più indebitata della Svizzera dopo Ginevra, con oltre 900 milioni di franchi di debito. Mi chiedo chi sarà disposto a investire in una ristrutturazione che sarà comunque onerosa? Chi vorrà acquistare il sedime per 13 milioni e mettercene almeno altri 5-10 per ristrutturarlo?». Domande certamente pertinenti quelle formulate dal punto di vista di un promotore immobiliare. In effetti, il risanamento degli immobili potrebbe riservare sorprese sgradite e spese impreviste. Ma questo è un altro discorso. Quindi come intendete procedere? «Come detto, abbiamo tempo e per ora attendiamo sviluppi. Poi, se domani si presenta qualcuno interessato al diritto di compera e al progetto, siamo disponibili a discutere. Teniamo conto però che dev'essere un interlocutore che ha il potenziale per acquisire e sviluppare l'area», dichiara Artioli. 

'Recupero simile a quello che si fece al Canvetto'

Qual risultato? «Dal documento emerge che una rivisitazione è auspicabile e interessante per valutare se tutelare lo stabile che l'Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale (Isos) considera un bene culturale meritevole di salvaguardia» anticipa Jelmini. Come? «Penso si possa fare uno sforzo per conservarlo sviluppando il comprensorio in maniera qualificata con gli stessi valori immobiliari concessi dal Piano regolare in vigore, quindi senza togliere edificabilità» risponde il titolare del Dicastero dello sviluppo territoriale di Lugano. Di più: «Quando penso allo stabile Arl, mi viene in mente un recupero simile a quello effettuato al Canvetto luganese che, a furor di popolo, si era voluto difendere. E si era riusciti a combinare la conservazione del bene culturale localmente apprezzato con uno sviluppo immobiliare importante. Un approccio simile consentirebbe di salvare 'capra e cavoli' e potrebbe essere ripetuto anche in quella zona», osserva il titolare del Dicastero pianificazione di Lugano.

Proposte privata e pubblica parallelamente

Questa prospettiva mette fuori gioco il progetto Artisa Sa? «Non necessariamente, fra le cinque opposizioni presentate spicca quella del Cantone, il cui Ufficio della natura e del paesaggio ha ritenuto il complesso residenziale e alberghiero non debitamente inserito paesaggisticamente. D'altro canto, come detto, stiamo valutando se rivisitando il Piano regolatore si possono trovare alternative confacenti. Le due opzioni stanno marciando parallelamente perché il diritto va rispettato fino in fondo», osserva Jelmini. La Città ha ritenuto prematura la presentazione di un messaggio per modificare il piano regolatore, mentre l'analisi commissionata consentirà al Municipio di valutare con maggiore cognizione di causa l’opportunità di rivedere l’assetto urbanistico e pianificatorio di via La Santa (incluso il sedime in questione) e l'eventualità di istituire a tale scopo una zona di pianificazione. «Poi daremo tutte le informazioni al Consiglio comunale che ha presentato numerosi atti parlamentari. La conservazione di questi immobile divide, ci sono pareri contrapposti a livello istituzionale e popolare. È quindi giusto andare fino in fondo anche con l'approfondimento di questo tema», comunica il titolare del Dicastero pianificazione di Lugano.

Edifici e sedime non vincolati

La questione non può prescindere dal fatto che sul sedime non ci sono vincoli. Infatti, l'assetto pianificatorio in vigore sul fondo in questione è stato adottato dal Consiglio comunale di Viganello nel 2004 (prima dell'aggregazione con Lugano) e approvato dal Consiglio di Stato nel 2006. In quella procedura la questione della conservazione dell’edificio in questione si è posta ma non sono stati introdotte tutele. Era stato previsto un disegno urbanistico con fronti urbani continui sui due lati di Via La Santa e un porticato sul lato sud, rispettivamente un filare alberato sul lato nord. La questione passò nel dimenticatoio fino all'autunno scorso quando emerse l’intenzione di Arl Sa di vendere il sedime per finanziare la costruzione di un'autorimessa moderna, assieme alle Tpl Sa al Piano della Stampa. Poi diventò di pubblico dominio la sottoscrizione di un diritto di compera da parte di Artisa Sa. Successivamente si è mossa e politica e una parte della cittadinanza per la salvaguardia del terreno. Innumerevoli gli atti parlamentari presentati all'attenzione del Municipio e di Lugano che ha preso atto anche di una petizione sottoscritta da 1'500 cittadini. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved