BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
assalto-al-portavalori-a-molinazzo-due-persone-arrestate
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
53 sec

La Filanda di Mendrisio si aggiudica un nuovo sponsor

Cresce il sostegno del luogo di cultura e anche gli altri enti hanno già rinnovato il loro sostegno finanziario per il triennio 2022-2024
Grigioni
17 min

Prolungato l’obbligo della mascherina nelle scuole

La misura è in vigore fino al 5 marzo a partire dalla terza elementare fino al grado superiore
Ticino
4 ore

Media, i comunisti chiedono di monitorare il pluralismo

Una mozione chiede di effettuare un’analisi annuale delle testate pubbliche e private per vedere se danno voce a tutti. Intervista a Massimiliano Ay
Ticino
4 ore

Meteo, in corso uno degli inverni più caldi

Temperature record in montagna. Luca Nisi di MeteoSvizzera: ‘È la frequenza del fenomeno a essere sintomo del cambiamento climatico’
Luganese
4 ore

Circo Knie: fra ‘Cenerigraben’ e futuro incerto in Ticino

Dove andrà il tendone nazionale? Da Trevano a Breganzona, alcune ipotesi sul tavolo. E mentre la famiglia rassicura, si mormora di un addio al cantone
Locarnese
4 ore

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Ma le manovre, volute per evitare le ripercussioni di un’eventuale siccità a valle della Miorina, sono criticate dalle località rivierasche
Ticino
11 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
12 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
13.08.2020 - 09:440
Aggiornamento : 14:48

Assalto al portavalori a Molinazzo: due persone arrestate

Identificati gli autori della rapina al furgone del 5 luglio 2019: fermati un 46enne e un 63enne italiani; sotto inchiesta in totale cinque uomini e una donna.

a cura de laRegione

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che sono giunti a conclusione gli accertamenti riguardanti la rapina ai danni del furgone di una ditta di trasporto valori avvenuta il 5 luglio 2019 a Molinazzo di Monteggio. 

Durata svariati mesi, la complessa indagine (coordinata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier) è stata portata avanti dagli inquirenti della Polizia cantonale in collaborazione con le autorità italiane, e in particolare dei carabinieri del Reparto Operativo - Nucleo investigativo di Varese, coordinato dalla Procura della Repubblica di Varese, e delle Procure di Roma e Latina. Si è così arrivati a identificare coloro che sono ritenuti i principali autori dell'assalto al portavalori, portando in luce in un secondo momento ulteriori azioni criminose in fase di pianificazione sul nostro territorio, con il coinvolgimento di altri.

Due le persone arrestate: un 46enne cittadino italiano residente in Italia, attualmente in detenzione in Ticino, e un 63enne cittadino italiano, fermato in Polonia a seguito di un mandato di cattura internazionale spiccato dalla Magistratura ticinese. Complessivamente cinque uomini e una donna, tra i 24 e i 67 anni, tutti cittadini italiani residenti all'estero, risultano invece sotto inchiesta poiché coinvolti con ruoli diversi nei fatti. Nei loro confronti sono già state avviate le relative procedure di assistenza giudiziaria internazionale.

Gli accertamenti - scrive la Polizia cantonale - si sono sviluppati in momenti distinti e lungo due filoni di indagine, che in parte sono venuti a convergere nel corso del tempo. Le verifiche si sono dapprima concentrate su una serie di sospetti relativi all'incursione di Molinazzo di Monteggio, dando vita a una collaborazione investigativa con le autorità italiane. Nell'ambito dei successivi rilievi e approfondimenti è emerso che alcune delle persone oggetto delle verifiche stava pianificando nuovi atti criminali in territorio ticinese. Ne è nato un ulteriore dispositivo di polizia che, lo scorso ottobre a Chiasso, ha visto le manette scattare ai polsi del 46enne. Risale per contro al mese di febbraio l'arresto in Polonia del 63enne che è stato recentemente estradato e si trova ora in detenzione in Ticino.

Parallelamente, grazie anche all'acquisizione dei risultati delle indagini italiane, è stato infine possibile ricostruire le responsabilità dei singoli imputati (procedendo all'emissione dei relativi mandati di cattura) sia per quanto riguarda la rapina del 5 luglio 2019 sia con riferimento all'ulteriore progetto criminale.

Le principali ipotesi di reato, promosse a vario titolo e a seconda dei gradi di responsabilità, sono quelle di rapina aggravata, sequestro di persona e rapimento, infrazione alla Legge sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni, atti preparatori punibili alla rapina.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved