laRegione
Nuovo abbonamento
travolto-dalla-cocaina-grazie-che-mi-avete-arrestato
TI-PRESS
Tanta droga spacciata
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Balerna introduce regole di mobilità aziendale

Pronto il Regolamento che, dal 2021, porterà posteggi a pagamento per i dipendenti e alla concessione di incentivi per la mobilità sostenibile
Ticino
5 ore

Più di 30mila firme contro l'eutanasia degli animali sani

La maggior parte sono state raccolte sulla piattaforma internet change.org. La petizione è stata consegnata al presidente del Gran Consiglio
Bellinzonese
5 ore

Liquami nel fiume in Alta Valle di Blenio

La situazione è stata segnalata al Dipartimento del territorio e al Comune. Si tratta di uno scarico proveniente da un alpe
Locarnese
6 ore

Un caso positivo alle Medie di Losone, classe in quarantena

Dopo aver informato la direzione dell’istituto, l’Ufficio del medico cantonale ha già provveduto a notificare alle famiglie via Sms
Bellinzonese
6 ore

Patriziato di Bellinzona in assemblea

Tra i temi all'ordine del giorno, verrà anche presentato il progetto di restauro della Chiesa Madonna della Neve
Luganese
6 ore

Clima, i Comuni che possono fare? Se ne parla a Lugano

Se ne discuterà in un pomeriggio informativo che si terrà il 7 ottobre al Palazzo dei congressi. Prenotazione entro il 30 settembre
Luganese
6 ore

Manno, EspaceSuisse in assemblea

Il gruppo regionale si riunirà sabato 1 ottobre nella sala Aragonite e voterà il sostituto di Giancarlo Re alla guida dell'associazione dal 2004
Bellinzonese
6 ore

A S. Antonino premiato il podista Gaetano Genovese

Scopre la passione per la corsa alla soglia dei 50 anni e da lì nessuno lo ferma più. Il Comune gli ha dato un riconoscimento al merito
Luganese
6 ore

Muzzano, Ubs mette in campo 150 volontari

Al quarto anno l'iniziativa dei dipendenti per salvaguardare il natura e paesaggio. Interventi di pulizia anche al Monte Verità
Luganese
6 ore

Cambio al vertice al Soroptimist di Lugano

Nuova timoniera del club è Elena Bittante, che subentra a Catherine Gasser-Clément
Luganese
06.08.2020 - 11:530
Aggiornamento : 14:19

Travolto dalla cocaina: 'grazie che mi avete arrestato'

Una vicenda di riscatto personale alle Assise criminali di Lugano. Invalido spacciò chili di cocaina e marijuana, pena sospesa

«Sin dal primo giorno del suo primo interrogatorio, avvenuto il 10 aprile 2019, mi ha ringraziata per averlo arrestato. E lo stesso ha fatto ad ogni verbale, ha ringraziato le autorità giudiziaria, tutti gli agenti». Così la procuratrice pubblica, Margherita Lanzillo, ha dichiarato stamane durante la sua requisitoria all'inedito processo alle Assise criminali di Lugano a carico di un 41enne luganese di origini italiane, invalido, che ha ammesso da subito le proprie responsabilità: traffico di oltre 1,2 chili di cocaina e di 2,7 chili di hascisc, tra il 2014 e il 2019, vendite a consumatori luganesi. Trentamila franchi di guadagno, «ma non l'ho mai fatto per lucro, bensì per finanziare il mio consumo personale» - ha evidenziato l'imputato, che ha raccontato il suo inferno e il suo purgatorio: «Ho iniziato per la mia malattia, ero depresso e ho iniziato a consumare cocaina per lenire i dolori. Ma ora da 1 anno e 4 mesi non faccio più uso di droghe, ora riesco a vedere il sereno della vita e ho capito che con la droga si perde tutto, si perde ogni affetto, si perde la realtà. Grazie al mio percorso con lo psicologo ho ricominciato a vivere». La sua legale, l'avvocatessa Silvia Gianetta, ha fatto sapere che il suo cliente gli aveva confidato di "avere già un piede nella fossa e chi mi ha arrestato mi ha salvato la vita". Importante, infatti, il consumo personale di dosi alle quali era giunto l'uomo: un chilo di cocaina e un chilo di marijuana in pochi anni. 

Presto a processo il suo fornitore e il complice, la droga spacciata nel Luganese 

La pp Lanzillo ha chiesto per il 41enne una pena di 3 anni di carcere, dei quali 6 da scontare e la rimanenza sospesa con la condizionale.  Lo stesso magistrato ha ammesso le diverse attenuanti dell'imputato: ha spacciato per garantirsi il consumo personale, non ha lucrato e gli va riconosciuta una scemata responsabilità per il forte consumo attestato. Ha inoltre contribuito all'arresto del suo fornitore che presto sarà processato e dell'"amico di merende" che lo aiutava a spacciare sulla piazza di Lugano. Senza le sue ammissioni - ha riconosciuto la pp Lanzillo - l'inchiesta non sarebbe stata in grado di attestare questi importanti quantitativi di droga. L'imputato è stato smascherato da una cliente consumatrice che comprava da lui, e da quel momento il suo telefono è stato posto sotto controllo dagli inquirenti.

La difesa si è battuta per una pena di due anni completamente posta al beneficio della sospensione condizionale. Durante la sua arringa ha messo in evidenza la sofferenza della malattia che lo ha costretto all'invalidità dal 2006 e la sua capacità di riscattarsi da una brutta vicenda di droga e di «risvegliare la propria voglia di vivere e di guardare il futuro con più ottimismo».
La Corte, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, ha accolto le attenuanti evocate dalle parti e ha condannato il 41enne a una pena di 24 mesi sospesa con la condizionale per 2 anni, come richiesto dalla difesa. La Corte ha giudicato oggettivamente e soggettivamente gravi i fatti, il 41enne era divenuto "imprenditore di se stesso". «Da consumatore non potevano sfuggirgli gli effetti nefasti che procura la droga» - ha evidenziato il presidente. La Corte ha tenuto conto dell'ampia collaborazione fornita: l'atto d'accusa si basa sulle sue ammissioni. All'imputato è stato riconosciuto il sIncero pentimento, di qui la riduzione massiccia della pena.

 

 

 

 

 assise criminali 
 cocaina 
 marijuana 
© Regiopress, All rights reserved