maxi-opposizione-al-progetto-di-tram-treno
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
53 min

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
1 ora

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
1 ora

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
1 ora

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
1 ora

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
1 ora

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
1 ora

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
2 ore

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
2 ore

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
2 ore

Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi

È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Luganese
26.07.2020 - 17:07
Aggiornamento: 27.07.2020 - 11:45

Maxi-opposizione al progetto di tram-treno

Insorgono tre associazioni e duemila cittadini: sotto accusa l'eliminazione della tratta Flp in collina

Tre associazioni hanno presentato una opposizione contro il progetto di tram-treno pubblicato dal Cantone, e nello stesso tempo depositato una petizione - inviata a Berna - corredata da circa 2'000 firme di privati cittadini. Contestate sono in particolare l'eliminazione dell'attuale tratto ferroviario in collina della linea Flp, che serve la zona tra Muzzano, Sorengo e Collina d'Oro - sarebbe sostituita da un tunnel Bioggio-Lugano con fermata e ascensori in galleria sotto la stazione Ffs di Lugano - ma anche l'attraversamento della piana del Vedeggio così come previsto dal progetto cantonale. Le associazioni sono ben note per la loro attenzione verso le tematiche di carattere ecologico e paesaggistico: l'Associazione traffico e ambiente, la Società ticinese per l'arte e l natura, e i Cittadini per il territorio.

La vicenda nasce da lontano, e riguarda l'idea di trasformare l'attuale linea ferroviaria Lugano-Ponte Tresa, delle Ferrovie luganesi, in una sorta di metrò con servizio più frequente,  con nuovo materiale e un servizio prolungato  fino (almeno) al centro della città di Lugano. Cammino a ostacoli però quello intrapreso dal Cantone, che ha incontrato subito un centinaio di opposizioni, poi - storia dello scorso anno - ha presentato al Gran consiglio un credito da 3,6 milioni di franchi per un aggiornamento del progetto. Bruno Storni, successivamente eletto in Consiglio nazionale, era presente e attivo nel parlamento ticinese. «Preparai un emendamento per far ristudiare il progetto. In seguito a una discussione coi capigruppo ritirai il mio rapporto di minoranza; in cambio fu chiesto al Consiglio di Stato di studiare il mantenimento della linea di collina. Richiesta che venne poi approvata dal Gran consiglio». Secondo Storni, che dell'Ata è vicepresidente nazionale, questo mandato del Gran consiglio non sia stato rispettato dal Governo. «Chiediamo che la questione venga ristudiata e rivalutata tenendo in considerazione dei dati aggiornati. Si rischia di commettere un errore madornale, e questa volta siamo decisi ad andare fino al Tribunale federale, se necessario». Il progetto così come concepito tra l'altro renderebbe molto problematico un successivo ripristino della linea di collina. L'Ata rivendica il merito di aver evitato uno sbaglio simile vent'anni fa a Zurigo, quando grazie al suo intervento venne creato il passante sotterraneo presso la stazione centrale. Il tema dei finanziamenti federali, 240 milioni già garantiti, secondo Storni non è dato: verrebbero confermati, dice, nel caso di un miglioramento del progetto.

Il punto di vista dei 'Cittadini per il territorio" ci viene riassunto dal'ingegnere massagnese Marco Sailer. «Tra i motivi principali, c'è che questo progetto non contempla il mantenimento delle linea di collina (il tratto Bioggio-laghetto di Muzzano-Sorengo-stazione Ffs di Lugano ndr). Il Consiglio di Stato non ha dato le risposte dovute riguardo a uno studio alternativo». Le tre associazioni non sono sole in questa battaglia per il mantenimento della linea di collina. «Sì, abbiamo l'adesione dei tre comuni toccati dal tracciato, Sorengo Muzzano e Collina d'Oro, che comunque agiscono indipendentemente».

Ma perché mantenere la linea di collina? Ancora Sailer. "È dimostrato che smantellare la linea costerebbe più che mantenerla. Questo perché per servire la stazione Ffs di Lugano occorrerebbe ostruire un pozzo profondo 50 metri, dal costo di 35 milioni, mentre la linea che serve la stazione già esiste.  Inoltre c'è un problema di esercizio: col progetto presentato il percorso si allunga e sarebbe difficile, volendo salvare la linea di montagna, mantenere il servizio attuale".

"Infine, non viene affrontato il problema dell'inserimento paesaggistico nel Piano del Vedeggio, in particolare nel comparto Cavezzolo dove il tram andrebbe a incidente pesantemente sul paesaggio. Noi riteniamo che questo si potrebbe evitare semplificando molto il progetto".

A volte, chiediamo a Sailer  viene messa in discussione la legittimità a ricorrere di associazioni come la vostra. Come vede queste obiezioni? "Noi ci sentiamo legittimati a partecipare in quanto associazioni di cittadini, che ci hanno espressamente dato mandato di difendere questi interessi, come scritto nei nostri statuti". 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved