ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
1 ora

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
1 ora

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
2 ore

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
4 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
4 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
10 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
13 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
13 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
13 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
14 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
14 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
14 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
14 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
14 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
15 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
15 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
15 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
15 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Bellinzonese
15 ore

Corso sull’alimentazione per persone con mobilità ridotta

Lo propone il Gruppo paraplegici Ticino venerdì 30 settembre all’Hotel Unione. A seguire cena salutare
Luganese
15 ore

A Lugano il primo Innovation Highway con 6 startup ticinesi

L’evento il 13 ottobre al Campus Est dell’Università di Lugano. Si parlerà di idee e progetti
Bellinzonese
15 ore

Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone

È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Luganese
15 ore

Capriasca guarda già al mercatino natalizio, iscrizioni al via

Ecco le istruzioni per gli interessati ad assicurarsi una bancarella per l’evento in agenda il 4 dicembre
Luganese
16 ore

Lugano, l’associazione Il Centro organizza doposcuola

L’attività è rivolta ai ragazzi di scuola media e avrà luogo, dal 3 ottobre, nella sede di via Brentani 5
Bellinzonese
16 ore

Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni

Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Luganese
16 ore

Domenica sarà festa al club nautico di Morcote

L’evento – tra musica, gite in barca e attività varie – è rivolto a tutta la famiglia e vuol dare la possibilità di scoprire il mondo della vela
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, ‘L’usignolo’ per la prima di MaxiTeatro

Venerdì 30 settembre scatta la rassegna per adolescenti con lo spettacolo che trae spunto dalla fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen
Mendrisiotto
16 ore

Sagra del Borgo, ‘rifiuti separati in modo corretto?’

In un’interrogazione al Municipio di Mendrisio, Claudia Crivelli Barella (L’AlternativA) evidenzia l’uso di bicchieri usa e getta
Locarnese
16 ore

‘Evviva il fotovoltaico e le comunità di autoconsumo’

Le considerazioni ‘energetiche’ del municipale Zanchi prima del voto favorevole ai 330mila franchi per l’impianto alla Scuola dell’infanzia ai Saleggi
Luganese
16 ore

Val Mara, in arrivo castagnata e mercatino dell’usato

L’appuntamento è per domenica 23 ottobre in piazza Fontana a Rovio dalle 14 alle 17. Per il mercatino, necessario iscriversi.
Locarnese
16 ore

Locarno, torna la Festa dei Popoli

Un ricco programma in Piazza Grande per imparare a conoscersi e a rispettarsi
Ticino
16 ore

Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
laR
 
07.05.2020 - 06:00
Aggiornamento: 08:07

'La terapia per il Covid? La somministrazione di umanità'

Intervista a Raffaele Mautone, infermiere specializzato del Cardiocentro di Lugano: dalla fuga dal lockdown lombardo al Nobel per la pace e al Papa

la-terapia-per-il-covid-la-somministrazione-di-umanita
Raffaele Mautone infermiere Cardiocentro Covid

C'è una data che Raffaele Mautone, 47 anni, infermiere specializzato in emodinamica al Cardiocentro di Lugano non si dimenticherà mai. È il 7 marzo scorso quando all'ora di cena, dopo un'intensa giornata di lavoro in ospedale e dopo aver varcato la frontiera di ritorno nella sua casa nel Comasco, l'annuncio «in edizione straordinaria al telegiornale» del premier italiano Giuseppe Conte lo raggela: "Chiudiamo la Lombardia". «Erano giorni che avevo preparato una piccola borsa da tenere in auto con alcuni effetti personali – ci racconta quel momento –. Avevo parlato con mia moglie della possibilità di rimanere bloccato a Lugano e avevo convinto anche alcuni colleghi a fare lo stesso. Troppo allarmismo? Non so, avevo questa sensazione... Ricordo bene, erano le 21. I toni di quel discorso mi hanno particolarmente colpito, si parlava di chiudere la regione entro mezzanotte, così dopo il gelo totale iniziale ho guardato mia moglie, che oltretutto, anche lei infermiera, era in attesa di tampone (poi risultato negativo), ho fatto una veloce doccia e sono partito per Lugano. Essendo specializzato in Laboratorio Horten, occupandomi cioè della coronografia degli infarti, appartengo a una categoria dove siamo in quindici in tutto il cantone e quindi con un ruolo di responsabilità nel garantire il servizio non solo ai pazienti covid ma anche agli elettivi. La mia assenza avrebbe potuto causare una crisi nel sistema e perciò ho salutato i miei figli di 16, 15 e 10 anni, mia moglie, e sono uscito di casa. Il piccolo non si rendeva conto di quanto stava succedendo, era quasi una fuga la mia... ma avevo timore di trovare code in dogana, di incontrare disagi, blocchi, invece sono riuscito a raggiungere la Svizzera a mezzanotte meno un quarto».

Fuga dalla zona rossa

Un viaggio di qualche decina di chilometri ma in grado di provocare una voragine nei sentimenti: «In quel tratto di autostrada, da Chiasso a Lugano, ho passato uno dei momenti più intimi della mia vita perché da padre lasciavo la famiglia in una zona rossa d'Italia, con casi di coronavirus in aumento vertiginoso. Pensavo a Wuhan, alla stessa frontiera che la facevo tutti i giorni, con emozioni diverse da quelle provate quella notte». Una chiamata in corsia che è stata più forte di tutto, come quella dei suoi tre fratelli, tutti infermieri come il padre, generi e nuore compresi: «A mezzanotte e un quarto ero al parcheggio del Cardiocentro e lì ad aspettare me e i colleghi che si sono presentati c'erano il capo degli infermieri Stefano Bernasconi e il direttore Massimo Manserra che ci hanno accolto calorosamente. Trovarli lì mi hanno fatto percepire il loro sostegno e la loro fiducia, così che la situazione emotiva si è fatta subito meno pesante. Ho pernottato i primi giorni nelle camere messe a disposizione dal Cardiocentro poi in albergo. Ci sono stato una settimana, quando pensavo di passarvi un paio di mesi, perché come sappiamo le frontiere sono state poi 'addolcite' soprattutto per gli infermieri e i medici. Oggi più che mai, con trent'anni di professione sulle spalle, sono molto orgoglioso di prestare il mio servizio qui, dove mi trovo da sei anni, dopo i tredici passati al Sant'Anna di Como, dove continuano a lavorare due dei miei fratelli. Il Cardiocentro è stato fra gli ospedali che ha accolto pazienti covid; tutto il secondo piano era a loro dedicato così come una delle tre sale di emodinamica. Abbiamo trattato diversi pazienti, perché questa malattia, colpendo le coronarie, provoca problemi di embolia polmonare».

'Pensai che Codogno era solo la punta dell'iceberg'

In questa professione "del donarsi" Raffaele mette davanti a tutto, ancora prima della famiglia, la cura dell'altro. Una chiamata al servizio totale. Ma ci si poteva aspettare un impatto così forte? «Non me lo auguravo, però quando hanno iniziato a parlare dei primi casi di Codogno a mia moglie dicevo "questa è solo la punta di un iceberg". Avevo compreso che era una situazione già molto diffusa non solo in Italia ma in tutta Europa. Mi auguravo dunque di no, che, come altre pandemie, penso alla Sars, rimanesse localizzata in Cina, invece...». Con l'avanzare del virus, l'infermiere ricorda così gli insegnamenti del padre: «Siamo nati e cresciuti a Napoli, nelle case costruite dopo il terremoto del 1980. Noi fratelli non eravamo molti contenti, ma mio papà, essendo monoreddito, per permettere a tutti e quattro di studiare e andare all'Università aveva scelto quel quartiere perché si pagava poco d'affitto. Abbiamo capito da adulti l'importanza di essere cresciuti in un posto così. L'umanità l'abbiamo avuta in dote dai nostri genitori e quindi siamo riusciti a svilupparla, sa come si dice... il frutto non cade mai lontano dall'albero. Siamo cresciuti con esempi importanti. Certo da adolescente avevo vergogna di dire dove abitavo, c'era molta delinquenza in giro, abbiamo subito anche del bullismo, perché se non seguivi "quelle" regole passavi per quello strano. In realtà eravamo quelli che andavano a scuola. La normalità per noi era altro».

'Donarsi agli altri è piu contagioso del virus'

Nel 2000 il lavoro lo porta a Como e nel 2014 a Lugano: «Per la mia specializzazione il Cardiocentro era per me il top!». Poi all'orizzonte, che sembrava all'inizio appunto lontano, si profila la pandemia e per chi è infermiere la missione è una sola: «Donarsi agli altri è più contagioso del virus e la terapia dev'essere la somministrazione di umanità, un'umanità che però non dobbiamo tenercela dentro, non dobbiamo avere paura di dare una carezza, di ascoltare il silenzio di un paziente, di ascoltare le loro storie. Tenere una mano è trasmissione di una grande forza, l'unica che possiamo dare loro. Io non sono un religioso modello, ogni tanto salto la Messa, però la vicinanza nella fede mi ha aiutato a sopportare e a superare certi dolori. E poi il sudore, che per me ha un'accezione fondamentale perché significa fatica e impegno, che poi si trasforma in amore, quell'amore nel cercare di salvare una vita. Come dice papa Francesco è un'azione che ti riconduce alla speranza, la speranza di salvare delle persone. Il senso allora di questo virus? Non dev'essere lui contagioso ma l'amore. È l'altruismo: non voglio fare retorica, ma avendolo vissuto in queste ultime settimane è il mondo in cui vorrei vivere, un atteggiamento positivo verso le persone ma anche verso la natura, gli animali».

Quel sogno premonitore...

Ma in ogni realtà c'è sempre anche un sogno. Come quello che Raffaele ha avuto a metà marzo: «Probabilmente era dettato da una preoccupazione. Solitamente mio papà mi telefona ogni paio di giorni. Invece, da quando abbiamo cominciato con i miei fratelli, ad assistere pazienti covid, lui non si è fatto più sentire. Chiamavo mia mamma e chiedevo di lui e lei aveva sempre una scusa, è in giardino, è fuori, poi abbiamo capito: aveva paura di sentirci anche solo tossire... In quel sogno era impegnato a dare un cambio in ospedale e chi mi trovo come primo paziente? Madre Teresa di Calcutta che mi dice "respiro profondo e andate avanti, questa è la missione di tutti gli infermieri". Da buon napoletano, essendo scaramantico, ho pensato a qualcosa di brutto, a un messaggio premonitore, invece poi ho trovato la chiave delle sue parole, quel dedicarsi agli altri come lo faceva lei. Pensando allora alla nostra professione come a una missione ho pensato che il male non ci avrebbe colpito».

Le lettere degli infermieri al Papa

Ma il virus ha comunque colpito duro. Per questo Raffaele si è impegnato a raccogliere con suoi fratelli i pensieri degli infermieri, anche piccole frasi, «quelle lettere che rappresentano le lacrime e insieme a una divisa, che rappresenta il appunto il nostro sudore, vorremmo donarli a papa Francesco, un invito a partecipare che estendo dunque a tutti i colleghi ticinesi. Tirar fuori i pensieri è spesso condividere un dolore che hai visto e vissuto, condividere una preziosa testimonianza. Papa Francesco ha detto che se Gesù fosse uomo sarebbe infermiere. Se ci chiamerà andrò con mio fratello a Roma a piedi!».

Ora che l'onda sembra attenuarsi, e le corsie ritrovano un certa normalità, il ricordo va dunque ai quei giorni di grande emergenza, di preoccupazione non solo in ospedale ma anche a casa: «I miei ragazzi sono cresciuti in fretta, hanno imparato a farsi da mangiare, quando anche solo una nostra carezza poteva essere pericolosa in caso di contagio. Abbiamo passato un periodo di isolamento nelle nostre stesse quattro mura, sempre attenti a come muoverci e a spiegare ai figli la necessaria 'distanza'. Loro seguivano i tg, leggevano le notizie e ti chiedevano spesso se io e mia moglie ci sentivamo la febbre, anche in loro vi era molta ansia. Ma i tamponi fortunatamente sono sempre stati negativi».

Un Premio Nobel per i sanitari

Gesti spesso eroici, gratuiti, per alcuni costati anche con la vita. È per questo che in Raffaele si è fatto largo un pensiero: «Vorrei invitare gli enti competenti ad assegnare il prossimo Premio Nobel per la pace a tutti gli infermieri come era successo nel dopoguerra per la Croce Rossa Svizzera. Quest'anno cade pure il bicentenario della nostra professione, quale migliorare occasione per ricordarla. Siamo le figure che sono più vicine al paziente, coloro che tengono la mano, a volte li abbiamo anche accompagnati nella morte e in un addio senza la possibilità di un parente accanto. Siamo stati testimoni di un dramma». Infermieri che fra silenzi e condivisione sono stati faro in uno dei momenti più bui della storia recente: «Io, come altri colleghi di una certa esperienza, abbiamo assunto quel fondamentale ruolo di conforto verso i più giovani. Sono stato molto vicino ai giovani infermieri, ventenni, che hanno passato ore con i pazienti covid. Li abbiamo supportati prima che iniziassero il turno, abbiamo cercato di infonder loro quel coraggio necessario. Il Ticino dev'essere fiero di questi ragazzi! Al Cardiocentro abbiamo fatto squadra, dai direttori ai responsabili ai coordinatori, tutti ci siamo stati veramente vicino. Tra di noi non c'erano più infermieri, medici, ausiliari, eravamo tutti uniti per far fronte a questa cosa». 

Fra famiglia e futuro

E in famiglia? «Parlare d'altro è stato impossibile. Ho fatto fatica con mia moglie, e abbiamo avuto non poche discussioni. In questo periodo i discorsi sono sempre stati correlati a questa problematica. Abbiamo cercato di viverla con maggiore distacco ma alla fine era un circolo vorticoso. Ho fatto fatica lo ammetto, uscivo con il cane per staccare. Facendo anche lei infermiera ed essendo anche lei in contatto con pazienti covid eravamo, e lo siamo ancora, sempre in allerta». Il futuro? «Il futuro io lo vedo sempre positivo. È normale che è cambiato qualcosa, i distanziamenti sociali rimarranno e sarà molto più difficile abbracciare un amico o un conoscente. Ma ci sono anche dei lati positivi: la direzione che ci è stata indicata, ovvero maggiore rispetto per il mondo intero. Credo che a molte persone lascerà un segno. Non posso però non soffrire per la scomparsa di una generazione di anziani che erano i nostri ricordi, la nostra saggezza, il nostro punto di riferimento, non è giusto. Potevano ancora darci un messaggio di guida, erano il nostro porto sicuro, ora dobbiamo farci carico noi di questo e trasmetterlo alle nuove generazioni».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved