lugano-alle-comunali-ppd-e-verdi-liberali-corrono-assieme
L'obiettivo è confermare l'unico seggio del Ppd in Municipio a Lugano (Foto Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
2 ore

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
7 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
7 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
7 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
14 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
16 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
17 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
17 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
17 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
17 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
18 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
18 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
18 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
19 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
19 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
19 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
03.01.2020 - 06:000

Lugano, alle comunali Ppd e Verdi liberali corrono assieme

I due partiti di centro rinnovano l’intesa del 2016, ma nel Ppd cresce la tensione a causa della procedura di scelta dei candidati per il Municipio

Un matrimonio apparentemente felice, al punto da rinnovare le promesse nuziali. La sezione luganese del Partito popolare democratico (Ppd) e i Verdi liberali confermano la propria alleanza. Come già alle elezioni comunali del 2016 – e più recentemente, assieme al Partito liberale radicale, alle Federali di ottobre 2019 –, i due partiti si presenteranno uniti sia per il Municipio della più grande città ticinese, che per il Consiglio comunale.

La notizia non è ancora stata ufficializzata: lo sarà alla riunione dell’Ufficio presidenziale del Ppd di settimana prossima, alla quale sono invitati anche rappresentanti dei Verdi liberali. Ma è il presidente sezionale stesso a confermarci il rumor. «Sì, è arrivata solo in questi giorni la loro risposta affermativa – ci dice Angelo Petralli –, correranno con noi e avranno un posto (nel 2016 era di Franco Marinotti, ndr) riservato nella lista per il Municipio».

Della rinnovata congiunzione abbiamo parlato anche col presidente cantonale dei Verdi liberali (cfr. correlato), mentre con Petralli non abbiamo potuto non affrontare la spinosa questione della lettera inviata a San Silvestro da Nadia Ghisolfi (cfr. ‘laRegione’ di ieri). La granconsigliera non ha infatti lesinato critiche alla procedura di scelta dei candidati per le elezioni, esprimendo dubbi e perplessità. Di carattere generico: “Non vorrei fosse vero il fatto – ha scritto – che si stia facendo un esercizio in sordina per presentare una lista in realtà già predefinita, non competitiva”, con lo scopo di “escludere chiunque possa mettere in ombra il o i candidati prescelti”. E poi considerazioni di carattere personale, in quanto Ghisolfi ritiene che la propria candidatura, secondo questa presunta logica, sia proprio una di quelle a rischio.

«Per i candidati questo momento di attesa non è molto facile» osserva il presidente, che ammette un’altra delle accuse di Ghisolfi: «Non mi sento coinvolto nel processo decisionale. Ma non voglio polemizzare. C’è stata una discussione, come in tutte le famiglie, io avrei fatto le cose diversamente. Ora il tempo stringe e dal mio punto di vista si è aspettato già troppo a comunicare la decisione ai candidati. Invito solo la sezione ad avere coraggio di osare e valutare attentamente. Penso che non tutti abbiano ancora metabolizzato il fatto che il municipale del Ppd è a forte rischio. Stiamo camminando su un filo molto, molto, sottile. Con o senza Verdi liberali».

E fra i nomi trapelati sin qui per la sostituzione dell’uscente Angelo Jelmini – dopo l’autoesclusione del granconsigliere Lorenzo Jelmini –, oltre a Ghisolfi i nomi di punta paiono essere il capogruppo Michel Tricarico e la consigliera comunale ed ex granconsigliera Sara Beretta Piccoli. L’accusa di Ghisolfi sembrerebbe quindi quella di voler creare una lista d’accompagnamento per uno di loro due, o entrambi. «Per quanto mi riguarda, Nadia esprime dei timori infondati, dovuti probabilmente a un’attesa che si è prolungata un po’ – replica il presidente della Commissione cerca Claudio Bignasca –. Le critiche vanno bene quando sono supportate dai fatti: aspettiamo di vedere se è vero, quando usciranno i nomi». Sulla questione del coraggio sollevata da Petralli, il presidente della Cerca sostiene che «è stato fatto moltissimo a livello di politica comunale dal Ppd e si sono concretizzate molte cose, questo va rivendicato e messo in risalto. Condivido in pieno il contenuto dell’intervista citata da Nadia (cfr. ‘laRegione’ del 20 dicembre, ndr), ma non ha nulla a che fare con la campagna elettorale per le Comunali». Bignasca nega infine anche che vi sia del nervosismo nel partito, ma che si tratti di «adrenalina positiva. C’è attenzione, motivazione, come quando ci si prepara alla finale della Spengler o della Champions». Una partita che il Ppd, già quarta forza politica alle scorse elezioni comunali, non può permettersi di perdere.

Tognola (Plr): ‘Sì, è un peccato. Ma noi sorprenderemo con i nostri nomi’

Il Partito liberale radicale (Plr) è l’unica grande formazione politica di Lugano che all’appuntamento del 5 aprile si presenterà da single. Mentre la Lega correrà con l’Udc, i socialisti hanno siglato l’intesa coi partner di sempre (Pc) e con gli ascendenti Verdi, e anche il Ppd convola nuovamente a nozze coi Verdi liberali (cfr. articolo principale), il secondo partito per importanza si presenterà da solo. Ne abbiamo parlato col presidente sezionale Guido Tognola, al quale abbiamo chiesto se non avesse potuto invece il Plr cercare un accordo coi Verdi liberali. «Sì, è un peccato. Visto il nostro posizionamento a livello di politica ambientale, avrei preferito avere dei contatti». Ma non avreste potuto cercare voi un’alleanza coi vostri ‘cugini’ ecologisti? «Noi abbiamo una struttura un po’ più ferrea: la strategia politica deve essere decisa dalla Direttiva. Non c’è stato il tempo tecnico per farlo». E vi spaventa il fatto di presentarvi da soli a una tornata elettorale sicuramente più incerta rispetto a quella del 2016? «Noi sorprenderemo con le nostre liste (sorride, ndr). Abbiamo abbastanza risorse nel partito, bisogna saperle mettere in evidenza».

L’obiettivo del partito rimane quello di confermare il vicesindaco Michele Bertini e il municipale Roberto Badaracco? «Quando sono stato eletto ho detto che puntavo ad averne tre – ricorda Tognola – e rimango con quell’obiettivo. Caprara (Bixio, presidente cantonale del Plr, ndr) ha già le mie dimissioni qualora non ne facessi tre (sorride, ndr).

E i Verdi liberali che dicono? «Avremo una dozzina di comuni dove ci presentiamo – svela Massimo Mobiglia, presidente cantonale –. Ci sono dei comuni dove correremo col Ppd (Mendrisio, Chiasso e Lugano, ndr), altri dove stiamo discutendo con Plr, Ps, Verdi. A Berna portiamo avanti diversi temi col Ppd: siamo i due partiti più di centro». L’obiettivo su scala cantonale di un partito che si sta ancora strutturando è principalmente «eleggere dei consiglieri comunali».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved