Venezia
0
Torino
0
2. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(5-6)
lugano-sottrasse-4-5-milioni-fingendosi-avvocato-condannato
Dei 4,5 milioni, circa 2,9 sono stari riciclati. Forse al Casinò di Campione d'Italia (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
28 min

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
30 min

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
3 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
3 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
3 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
3 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
3 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
4 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
4 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
4 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
4 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Luganese
30.12.2019 - 12:080

Lugano: sottrasse 4,5 milioni fingendosi avvocato, condannato

Un 40enne è stato condannato alle Assise criminali per truffa e riciclaggio a quattro anni e tre mesi e all'espulsione dalla Svizzera per dieci anni

In meno di quattro anni è riuscito a sottrarre oltre 4,5 milioni di franchi alle proprie clienti, fingendosi avvocato. Contesto, sceneggiatura e importi impressionanti sono quelli di un film hollywoodiano, ma è tutto successo invece fra Lugano, Milano e Campione d'Italia. E rigorosamente reale.

A Lugano per recuperare un'eredità non dichiarata al Fisco italiano

Un 40enne cittadino italiano residente a Lugano ha infatti ingannato, fra il 2013 e il 2017, due facoltose donne italiane: madre e figlia. Le due erano arrivate in riva al Ceresio per recuperare un'ingente somma di denaro – l'eredità del defunto marito e padre – depositata in Svizzera, non correttamente dichiarata alle autorità fiscali della Penisola. In quell'occasione l'imputato – che lavorava nella società finanziaria, oggi in liquidazione, alla quale le donne si erano rivolte – si presentò loro come avvocato, pur non avendo nemmeno effettuato studi in giurisprudenza. Dichiarò di essersi messo in proprio e di potersi occupare delle loro pratiche amministrative e legali. Grazie alla fiducia aumentata man mano fra le parti, il 40enne prese poi a gestire diversi aspetti della vita quotidiana e famigliare, fino ad arrivare a gestirne il patrimonio e le relazioni bancarie.

Due società aperte 'per avere il permesso di dimora'

La truffa, che la Corte delle Assise criminali presieduta da Mauro Ermani ha riconosciuto nella forma dell'aggravante per mestieri così come proposta dal procuratore pubblico Andrea Minesso, era ben ingegnata. Consigliando le proprie clienti di aprire diversi conti in vari istituti, l'uomo è riuscito a impossessarsi delle credenziali necessarie per l'e-banking e per l'utilizzo delle carte Maestro. È riuscito pure a suggerire l'apertura di due società – facendosi nominare amministratore unico –, ingannando le vittime. In particolare, facendo loro credere che fosse necessario aprirle per esercitare un'attività professionale in Svizzera e ottenere il permesso di dimora. In realtà, le due società fittizie servivano unicamente a fare da ricettacolo al patrimonio delle clienti, per impossessarsi di ulteriori soldi. Un meccanismo rottosi quando le vittime si sono accorte che mancavano (molti) soldi nei propri conti.

Il gioco al Casinò di Campione e l'interrogativo del riciclaggio

Una consistente parte di questo denaro (2,9 milioni) è stato poi riciclato, anche se non è stato possibile risalire in inchiesta alla destinazione precisa di questi soldi. «Una larga parte li ha spesi per mantenere il proprio elevato tenore di vita – ha spiegato il pp – e poi un'ipotesi è che li abbia spesi giocando». Pare infatti che l'imputato fosse un assiduo frequentatore del Casinò di Campione d'Italia e, sebbene non siano emersi elementi ufficiali per avvalore questa tesi, una delle piste più credibili è che molti soldi siano stati riciclati, giocandoli e perdendoli, proprio lì. Modus operandi che per altro non sarebbe nuovo alle aule penali ticinesi.

Coinvolta (e indagata) anche la moglie

L'imputato – difeso dall'avvocato Flavio Amadò – ha ammesso i fatti e si è arrivati pertanto a sostenere un processo nella formula del rito abbreviato, che l'ha portato a essere condannato a quattro anni e tre mesi di carcere (dove si trova già da un anno e mezzo). A breve dovrebbe arrivare in aula anche la moglie dell'uomo, pure coinvolta nei fatti in quanto più volte si sarebbe spacciata per una delle vittime e alcuni conti sarebbero stati intestati a suo nome. «La sua colpa – ha detto infine il giudice – è stata aggravata sia dagli importi che dal numero di prelevamenti (migliaia, ndr) effettuati. Ha dimostrato una capacità delinquenziale non trascurabile».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved