KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(3-6 : 0-0)
morto-a-viganello-regolamento-di-conti-tra-tossicodipendenti
Il luogo dell'aggressione (Foto: Ti-Press)
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
32 min

Casinò a Locarno, ACE ‘sorpresa’ non molla l’idea permanenza

“Rammarico” espresso dalla Holding dopo l’annuncio di Kursaal Sa e Stadcasino Baden di aver trovato un accordo per il post nuova concessione
Luganese
1 ora

Incendio in un appartamento a Lugano, salvi gli inquilini

Due persone di una palazzina in via Gerso, dove si sono sviluppate le fiamme, sono state visitate poichè potenzialmente potevano aver inalato del fumo
Ticino
1 ora

In Ticino +5 pazienti Covid e 3 decessi, contagi stabili

In cure intense rimangono 15 persone con complicazioni da Covid, 2 in meno rispetto a ieri. Un ricovero e un decesso fra gli ospiti delle case anziani
Ticino
2 ore

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo
Luganese
3 ore

Migranti e centri di accoglienza: ‘È questo fare casa?’

Due testimonianze riportano al tema degli asilanti in Ticino. Dalla struttura provvisoria di Pasture all’intensa attività dell’associazione DaRe.
Mendrisiotto
4 ore

Più fotovoltaico a Mendrisio grazie a tariffe agevolate

L’AlternativA lancia una proposta per incrementare la diffusione di impianti a vettore solare nella Città dell’Energia
Luganese
6 ore

Da Caslano: ‘Terza media senza livelli? Grosso vantaggio’

In vista del voto in Gran Consiglio sul superamento dei corsi A/B in matematica e tedesco, reportage dalla scuola ticinese pioniera nella sperimentazione
Ticino
6 ore

‘Siamo una delle voci della scuola, no alla sperimentazione’

Il presidente del Plr Alessandro Speziali boccia la proposta di emendamento del governo al Preventivo per partire col test sul superamento dei livelli
Locarnese
6 ore

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro
Luganese
15 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
15 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
16 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
16 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
16 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
17 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
18.12.2019 - 08:310
Aggiornamento : 09:45

Morto a Viganello, regolamento di conti tra tossicodipendenti

Un uomo è morto ieri sera in zona La Santa. I due presunti autori sarebbero già stati fermati. La polizia conferma il rinvenimento del cadavere

“Non sappiamo bene cosa è successo. C'è la polizia, ma non sono in grado di dirle nulla di più”. Così una cameriera del bar pensione La Santa dove sarebbe avvenuto un grave fatto di sangue. Un ragazzo sarebbe stato pestato a sangue da altre persone e sarebbe morto. La notizia non è stata ancora confermata della polizia cantonale. L’aggressione sarebbe avvenuta poco prima delle 20 di ieri sera a Viganello in zona La Santa. Ci sarebbero stati anche dei fermi. 

La pensione La Santa ospita anche dei richiedenti l'asilo. Stando a una testimonianza raccolta sul posto di una persona che conosceva la vittima, si tratterebbe di un ragazzo trentenne ticinese, classe 1984, residente nel Bellinzonese . È probabile che il fatto di sangue sia maturato nell'ambito della droga e i presunti autori – un ticinese e l'altro avrebbe un nome tedesco – sarebbero stati già arrestati. Non è da escludere che la vittima e i due uomini fossero in stato alterato dall'abuso di sostanze stupefacenti. Si tratta di voci ancora non confermate. L'inchiesta è affidata alla procuratrice pubblica Valentina Tuoni.

Sia la vittima che i presunti aggressori sono noti alle forze dell'ordine. Uno dei due fermati è un ticinese residente nel Luganese. L'altro è uno straniero con permesso C, domiciliato nel Mendrisiotto. Ad allertare la polizia sarebbero stati i due presunti aggressori. Circostanza che fa presumere che la persona morta non sia stata vittima di un piano premeditato. Il 35enne è deceduto nella stanza della pensione dove aveva trovato alloggio. L'uomo ha subito percosse e gli agenti hanno trovato molto sangue. Nei primi interrogatori, alla presenza dei difensori d'ufficio, i due non parlerebbero.

Il precedente del 2011

Già in passato la pensione La Santa sarebbe stata teatro di atti di violenza. Il 23 agosto del 2011 un quarantenne di origini arabe finì all’ospedale con una ferita da coltello a un braccio. L’ipotesi più accreditata sulle ragioni dell’alterco – spiegavano gli inquirenti, mostrandosi tuttavia cauti – sarebbero state da ricercare nell’ambito della droga.

Urla e violenza da anni

«Da quando sono arrivata qui a vivere, via Merlina è sempre un casino. Sento spesso urla, liti. Ho visto scene di violenza, anche dalla finestra. La sera quando rientro a casa vado direttamente nel garage perché ho paura». La testimonianza è di Maria (vero nome noto alla redazione), donna di origine straniera che abbiamo incontrato – spaventata e con le lacrime agli occhi – fuori dalla pensione La Santa di Viganello. Maria abita da alcuni anni in un palazzo adiacente al luogo del ritrovamento del cadavere (cfr. articolo principale), un posto dove non si sente sicura. «Ho chiamato tante volte la polizia. Una volta mi è capitato di vedere un’auto targata in Italia – ricorda – dalla quale un uomo ha estratto un’arma da fuoco. Sembrava che volesse sparare contro dei ragazzi che stavano davanti alla pensione e che sono scappati. La macchina è sfrecciata via a gran velocità e io ho chiamato la polizia». Agenti che allora, come ieri sera e come diverse altre volte, sono intervenuti. Sono intervenuti rassicurando Maria, che tuttavia continua ad avere «paura».

‘Sono stata aggredita anche io’

E non è solo Maria purtroppo a parlare di violenza. Anche Jessica (vero nome noto alla redazione) – che da qualche mese alla Santa ci risiede – afferma di averne «sentite di tutti i colori su questo punto». Non solo: la donna sostiene di essere stata lei stessa aggredita non molto tempo fa. «Sto alla pensione da alcuni mesi, dopo un po’ che ero qui mi sono accorta che il posto era un posto un po’ ambiguo. Finché a settembre non sono stata aggredita anche io – il racconto s’interrompe, la voce comincia a tremare, poi riprende –. Io ho rischiato di morire e non ho fatto assolutamente niente. Un uomo stava picchiando una donna, sono intervenuta e le ho prese io. Avevo la schiena blu».

Jessica spiega di conoscere il 35enne morto, «ma di sfuggita: io mi faccio i fatti miei. Oggi comunque non l’ho visto». E l’ultimo pensiero della donna è rivolto alla gestione della Santa: «Se succedono cose così terribili è colpa di chi ha in mano questa pensione».

La Polizia conferma il morto facendo accenno a un malore

Ministero pubblico e Polizia cantonale comunicano che oggi poco dopo le 19 la Centrale comune d'allarme è stata allertata "per una persona colpita da malore in una camera di una pensione in via Merlina a Viganello”. "Si tratta – si specifica – di un 35enne cittadino svizzero domiciliato nel Bellinzonese, rinvenuto cadavere al momento dell'arrivo dei soccorsi”.

Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale e, in supporto, della Polizia della città di Lugano nonché i soccorritori della Croce Verde di Lugano. "Gli accertamenti finora esperiti non permettono di escludere l'intervento di terze persone”, si legge. "Per questo motivo sono state fermate alcune persone, la cui posizione è attualmente al vaglio degli inquirenti”. "Considerato lo stadio preliminare dell'indagine, non verranno rilasciate ulteriori informazioni”, si conclude. È stato richiesto l'intervento del Care Team Ticino per fornire supporto psicologico.

Guarda 9 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved