Sciaffusa
0
Losanna
0
1. tempo
(0-0)
Friborgo
0
Ambrì
0
pausa
(0-0)
Lakers
1
Bienne
2
pausa
(1-2)
Langnau
0
Losanna
0
pausa
(0-0)
Zugo
0
Lugano
1
pausa
(0-1)
Sciaffusa
CHALLENGE LEAGUE
0 - 0
1. tempo
0-0
Losanna
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Friborgo
LNA
0 - 0
pausa
0-0
Ambrì
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Lakers
LNA
1 - 2
pausa
1-2
Bienne
1-2
 
 
9'
0-1 NEUENSCHWANDER
 
 
11'
0-2 KOHLER
1-2
13'
 
 
NEUENSCHWANDER 0-1 9'
KOHLER 0-2 11'
13' 1-2
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Langnau
LNA
0 - 0
pausa
0-0
Losanna
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Zugo
LNA
0 - 1
pausa
0-1
Lugano
0-1
 
 
17'
0-1
0-1 17'
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:21
Luganese
10.12.2019 - 15:090

Nell'alcova spacciavano cocaina diretta in Ticino

Arrestato un italiano di 32 anni e denunciata la compagna romena di 23 in un'operazione fra Carabinieri di Campione d'Italia e Polizia cantonale.

Utilizzavano un appartamento nell'enclave campionese per un importante traffico di cocaina. Un italiano di 32 anni, residente in Svizzera e iscritto all'Aire di Campione d'Italia, è stato arrestato nel primo pomeriggio di ieri dalla Polizia cantonale. L'operazione antidroga, portata avanti in collaborazione con i Carabinieri del Nucleo di Campione d’Italia, ha permesso anche di denunciare la compagna dell'uomo, una romena di 23 anni.

Sequestrati 38 grammi

La scoperta del traffico di droga è stata resa possibile, come detto, grazie alla collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri e la Polizia elvetica, “che – come ha reso noto la Benemerita in un comunicato stampa – hanno condiviso informazioni ed attività investigative, culminate, nella tarda mattinata di ieri”. Le manette ai polsi dell'uomo sono scattate per detenzione e spaccio di stupefacenti avvenuto in Svizzera. La successiva perquisizione dell’appartamento in uso ai due nel Comune di Campione d’Italia, ha poi permesso ai Carabinieri campionesi di rinvenire e sequestrare circa 38 grammi di cocaina, parte della quale già confezionata in 20 sacchetti termosaldati, nonché sostanza da taglio, un bilancino di precisione e la somma di 9'000 franchi in contanti, somma ritenuta provento di spaccio. L’attività dei due soggetti, che avevano come base proprio l’appartamento di Campione d’Italia, riguardava sia il territorio svizzero sia quello dell'enclave.

© Regiopress, All rights reserved