laRegione
Nuovo abbonamento
Rescue media
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
22 min
Pozzo Prà Tiro, le denunce salgono a quattro
Dopo il Consorzio, sono intenzionati a procedere con una azione legale pure i Comuni di Chiasso e Balerna. Mentre il Cantone si è già mosso
Locarnese
24 min
Minusio, languorino pubblico sulla Ca' di Ferro
Dopo la morte del proprietario il Municipio ha sondato con la vedova i margini di manovra per un usufrutto dell'ex caserma dei mercenari svizzeri
Luganese
6 ore
Lugano, bocciate le mozioni sul centro sociale
Il concorso di progettazione per la riqualifica dell'ex macello ha sgomberato le richieste di anticipare i tempi sloggiando gli autonomi.
Luganese
9 ore
Carona, affossata la biopiscina
Nella ristrutturazione del centro balneare con la partership del Tcs e il cosiddetto Glamping, ne sorgerà una 'tradizionale'
Ticino
10 ore
Sos Ticino, Lucchini nuovo responsabile disoccupazione
L'economista, con studi a Zurigo e Dubai, è stato designato in sostituzione di Tatiana Lurati
Ticino
10 ore
Stabili le persone in assistenza
Nel primo trimestre dell'anno erano 8'103. Il numero di unità di riferimento è stato mediamente di 5'337
Ticino
11 ore
L'Eoc chiede ai dipendenti come impiegare le donazioni Covid
L'Ente ospedaliero apre un concorso di idee presso i propri collaboratori su come usare quasi 4 milioni per migliorare condizioni di lavoro e servizio
Locarnese
11 ore
'Ho capito che la Sezione della migrazione non è la Svizzera'
Il viaggio a piedi da Locarno a Berna del richiedente l'asilo curdo Lokman Kadak: 'Quanta solidarietà! Mi avete dato la forza per andare avanti'
Ticino
12 ore
Tecnologia, sarà la luce la banda larga del futuro
Le antenne 5G non fanno l'unanimità dell'opinione pubblica e degli specialisti. Ecco allora il sistema alternativo 'Li-Fi'
Ticino
12 ore
Responsabilità, azioni od omissioni: il mandato della Cpi
Ex funzionario Dss, a settembre il plenum del Gran Consiglio si pronuncerà sull'istituzione della Commissione d'inchiesta. Guerra: nessun processo
Luganese
27.11.2019 - 17:340
Aggiornamento : 19:25

Incendi di Massagno, condannato 50enne di Besso

È però stato riconosciuto colpevole solo di uno dei due eventi del 25 maggio: sconterà (in cura) 34 mesi

Notti di fuoco e di paura quelle passate dai cittadini del Bomborozzo, popolare quartiere di Massagno, colpito da ben quattro incendi dolosi tra il febbraio e il maggio della scorsa primavera. Pggi le Assise criminali hanno condannato l’autore di (almeno) uno dei gesti sconsiderati: un 50enne di Lugano, già noto alla giustizia per precedenti analoghi, commessi nel 2009.

Un conosciuto piromane

Un piromane riconosciuto tale da una perizia psichiatrica, motivo per il quale era stato in cura e, in seguito avrebbe dovuto rispettare misure di condotta, come il non bere, atto che gli procurava un desiderio di adrenalina, soddisfatto alla vista del fiamme. Nel 2010 venne condannato a 18 mesi, sospesi con la condizionale, che ora ora gli verrà revocata: per l’incendio del 25 maggio sono invece stati erogati 16 mesi. Il totale ammonta a 34 mesi, che l’uomo non sconterà in carcere ma dentro una struttura dove potrà svolgere una cura psichiatrica. Al momento resta in carcerazione di sicurezza. L’uomo fino all’ultimo ha tentato di negare, dichiarando di non ricordare esattamente cosa fece. Residente nel vicino quartiere di Besso, il 26 maggio, al termine di un ‘giro dei bar’ nella zona andò ad appiccare il fuoco ad un motorino nel garage del palazzo di via Nolgio 3.

Assenza di prove in via Ceresio

Secondo la Procura è lui il colpevole anche dell’altro incendio scoppiato quella sera, in uno scantinato di via Ceresio 8, incendio quest’ultimo rivelatosi estremamente pericoloso per i residenti nella palazzina, alcuni dei quali, intossicati, hanno riportato serie conseguenze dal fumo inalato. La sua presenta nei paraggi, documentata oltre che da un testimone oculare, anche dalle riprese di una videocamera, secondo la Corte delle Assise correzionali (presieduta dal giudice Amos Pagnamenta non è sufficiente per addebitargli questo secondo episodio, per quanto i sospetti sono più che leciti. Restano senza un colpevole pure gli altri due incendi dolosi, sempre appiccati in zona, nei mesi precedenti, uno sempre in Ceresio e l’altro in via Nosedo. Da quanto abbiamo appreso, il 50enne luganese era tra gli indiziati, ma non sarebbero stati trovati elementi per addebitargli questi due fatti.

A tradire il suo passaggio in via Nolgio, pure l’andatura claudicante: a causa di una lombalgia, il 50enne camminava appoggiandosi a un bastone, poi dimenticato in un bar del quartiere. Aveva infatti passato la serata a bere: prima in stazione, poi al Corallo di via Besso, infine al Gardenia, ristorante massagnese che si trova proprio nelle vicinanze delle case incendiate. Era la prima uscita dopo una decina di giorni passati a casa. L’uomo venne visto vicino all’ingresso del palazzo via Nolgio e dopo una ventina di minuti alla polizia arrivò l’allarme per il primo incendio. Tempo di accorrere sul posto, che arrivarono grida da un palazzo vicino, quello di via Ceresio 8. Non solo: le videocamere di sicurezza avevano immortalato l’uomo, che oltre tutto ha ammesso di essere penetrato ai piani bassi di alcuni stabili di via Ceresio. «Ero rimasto senza soldi, speravo di trovare qualche piccolo importo, magari nelle lavanderie» ha infine spiegato, dopo aver dapprima invocato una «amnesia». Il procuratore pubblico Roberto Ruggeri aveva chiesto una pena di 4 anni e mezzo, il difensore Yasar Ravi ha invocato il proscioglimento. Al termine del processo, entrambi i legali non hanno escluso l’eventualità di ricorrere in Appello.

© Regiopress, All rights reserved