ora-c-e-odore-di-bruciato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
27 min

Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino

47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1°dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Locarnese
30 min

Serata letteraria con Brunoni e Mancini ad Aurigeno

Due scrittori locarnesi emergenti dialogheranno con il professo massimo Frapolli e il pubblico
Locarnese
2 ore

Brissago, il Municipio ‘si tuffa dal trampolino’

Al Consiglio comunale il credito per rifare le due piattaforme a lago del Lido comunale, sistemare la zattera e sostituire le boe di demarcazione
Ticino
3 ore

Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri

Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Mendrisiotto
4 ore

Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare

Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Ticino
4 ore

Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi

Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Economia
4 ore

‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’

Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
Grigioni
12 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
15 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
16 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
16 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
16 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
17.07.2019 - 06:000

Ora c’è... odore di bruciato

Prevale l’ipotesi di un gesto intenzionale in quella che è più di una coincidenza

a cura de laRegione

C’era ancora l’odore acre del fumo nella tarda mattinata di ieri in via Camara 69 a Breganzona. La palazzina è circondata da 18 uomini e 9 mezzi dei Pompieri di Lugano, allarmati poco dopo le 6 per un incendio. Sul posto anche la Polizia comunale della Città, la Croce Verde e gli esperti della Polizia scientifica. Perché, con questo nuovo caso, a sole 48 ore dalla prima sirena, l’odore ora è... di bruciato.
Diverse le coincidenze che portano ad affermare che si è davanti a una matrice dolosa. Non solo lo scoppio delle fiamme a due giorni di distanza e in due punti diversi del piano interrato, a sollevare più di un dubbio il minimo comune denominatore che vede nella figura dell’amministratrice condominiale la stessa persona, anche del palazzo protagonista di un altro recente incendio nel Comune di Massagno.

«Non vorrei ci sia qualcuno che le vuole male, forse qualche nemico», ha dichiarato a ‘laRegione’ Armando Giani, padre della donna nonché proprietario della palazzina di via Camara. Un passato di leghista della prima ora con 40 anni di Consiglio comunale a Lugano sulle spalle, non ci nasconde la convinzione dell’origine dolosa delle fiamme.

Qualcuno sembra aver visto un uomo con fare sospetto

Intanto, nelle strade adiacenti, presidiate dagli agenti e off-limit, vicini di casa e semplici curiosi si interrogano su questo ultimo fatto: «È un’epidemia», dichiara perentorio un uomo che abita accanto alla palazzina e che fermiamo per chiedergli come si spiega il doppio incendio e i recenti casi avvenuti nel Luganese. «Ancora?», gli fa eco un giovane scooterista fermatosi all’angolo con via dei Casagrande.
Nei dintorni, intanto, ci sono i sei inquilini sfollati, alcuni ancora in pigiama, che non sono riusciti a rientrare nei propri appartamenti neppure quest’ultima notte. Fra le testimonianze da noi raccolte, c’è peraltro un particolare alquanto preoccupante: negli ultimi giorni pare che qualcuno abbia visto un uomo di mezza età aggirarsi nei dintorni dell’abitazione. «Ho sentito l’odore di fumo già durante la notte, tanto da non riuscire a dormire» ci dice uno degli abitanti della palazzina. Raccolti in tutta fretta gli effetti personali, indossati gli abiti da giorno, sono stati costretti a recarsi da amici e conoscenti, in attesa dell’autorizzazione dell’Ufficio tecnico per l’abitabilità dello stabile.

‘Non abbiamo motivo di dubitare di nessuno’ ammette la proprietà

Otto appartamenti e una zona relativamente tranquilla: «Non abbiamo motivo di dubitare di nessuno», sono le parole della proprietaria, «certo è che il fatto di succedere una seconda volta, così in un breve lasso di tempo, è un po’ strano» ammette un’amica in attesa di ospitare uno degli inquilini, come già aveva fatto domenica notte.

A dare l’allarme ieri mattina, un’abitante di via Camara uscita all’alba per una corsetta. Rientrata ha visto il fuoco e ha chiamato i pompieri. Un aspetto che porta a far propendere sulla possibilità che qualcuno attendesse l’apertura della porta principale per entrare con facilità nello scantinato e mettere in pratica le proprie sinistre intenzioni.

Fortunatamente, il pronto intervento dei pompieri ha permesso ai residenti di mettersi in salvo senza particolari problemi: per nessuno di loro, infatti, è stato richiesto il ricovero per intossicazione da fumo.

Continua però la preoccupazione alla periferia nord della città, dopo che, da febbraio, sono saliti ormai a sette i casi di incendi sospetti. Negli scorsi mesi, fra febbraio e lo scorso 26 maggio, era stato Massagno ad essere colpito da roghi appiccati da due uomini, uno dei quali poi arrestato. Quattro gli obiettivi dei piromani, tanto che il presidente dell’associazione Bomborozzo, teatro degli incendi, aveva sollevato il timore di compromettere la vivibilità del quartiere “a rischio ghettizzazione”.

Foto su: www.laregione.ch/incendio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved