laRegione
Nuovo abbonamento
a-camignolo-l-escape-room-entra-in-classe
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Il capolinea degli InterCity? Chiasso

Il Cantone si schiera con il Mendrisiotto nella battaglia per i treni a lunga percorrenza e lo dice in una lettera alle Ffs
Mendrisiotto
6 ore

Svelato mistero rettile con supercollo del San Giorgio

Le ricerche condotte all'Università di Zurigo hanno permesso di appurare che si tratta di un animale acquatico
Luganese
7 ore

Arte urbana Lugano, balene in Viale Franscini

Gli artisti ticinesi, Christian Ravecchi e Pablo Togni consegnano il murale "Close Up"
Ticino
8 ore

L'accordo sui frontalieri 'può essere disdetto unilateralmente'

Lo ha affermato Norman Gobbi citando un'analisi effettuata dall'Università di Lucerna, commissionata dallo stesso Consiglio di Stato a gennaio
Luganese
8 ore

Aiuto domiciliare, Maggio approva i conti 2019

Buon avanzo di esercizio e aumentate del 12,5% le ore di prestazione erogate dall'associazione
Luganese
8 ore

Lago senza plastiche, liceale ottiene la migliore maturità

Filippo Merlani agli onori della Società di salvataggio sezione di Lugano
Ticino
9 ore

Divisione dell’azione sociale e delle famiglie, nuovo direttore

Gabriele Fattorini sostituirà Renato Bernasconi, che termina a fine ottobre la sua attività in seno all’Amministrazione cantonale
Ticino
9 ore

Mascherine, niente obbligo al chiuso. Garzoni: 'Indossatela'

Il presidente dell'Esecutivo Gobbi: 'Decisione proporzionata'. Ma il direttore sanitario della Clinica Moncucco: 'Spero che il governo riveda la decisione'
Mendrisiotto
10 ore

Il nuovo Ufficio tecnico di Chiasso sarà 'Carapace'

Ad aggiudicarsi il concorso di progettazione è stato l'architetto Roberto Briccola di Giubiasco
Luganese
10 ore

La maratona a sud del Luganese 'Soc' supera i primi 7 giorni

Vicini a Rimini Gabriele e suo padre. Ecco la cronaca della nuova tappa, in prossimità del mare Adriatico
Grigioni
10 ore

Teleferica Arvigo-Braggio ferma dal 17 al 21 agosto

Il provvedimento è dovuto ai lavori di revisione riguardanti la fune portante. Braggio sarà comunque raggiungibile con un pulmino.
Locarnese
11 ore

Porto di Ascona, una quindicina i natanti danneggiati

Il fulmine che lunedì ha colpito un'imbarcazione avrebbe potuto portare conseguenze ben peggiori. Un solo natante è stato distrutto dalle fiamme
Bellinzonese
12 ore

Cadenazzo investe nelle rete Bike sharing

Licenziato il messaggio municipale che prevede la realizzazione di due nuove postazioni. Per il futuro si ipotizza un ulteriore ampliamento.
Ticino
12 ore

Mascherine raccomandate nei negozi, nessun obbligo

Il Consiglio di Stato ha prorogato le misure attualmente in vigore fino al 24 agosto. Gobbi: decisione proporzionata alla situazione
Locarnese
12 ore

Losone, corso di baby sitting con la Croce Rossa

Pensato per ragazze dai 13 ai 17 anni si terrà a fine mese nella sala della Parrocchia di San Giorgio
Mendrisiotto
13 ore

L'Hc Chiasso in assemblea

Ci si troverà il 28 agosto allo stadio del ghiaccio. Verranno, tra le altre cose, esposti gli obiettivi per la prossima stagione sportiva
Bellinzonese
14 ore

Inaugurazione in forma ridotta per la galleria del Ceneri

I festeggiamenti, alla presenza della presidente Simonetta Sommaruga, si terranno il 4 settembre. In dicembre è prevista la parziale entrata in servizio
Luganese
15 ore

Travolto dalla cocaina: 'grazie che mi avete arrestato'

Una vicenda di riscatto personale alle Assise criminali di Lugano. Invalido spacciò chili di cocaina e marijuana, pena sospesa
Locarnese
15 ore

Ronco s/Ascona, 'spenti' altri occhi elettronici

Il Consiglio comunale ha suggerito di ridurre ulteriormente il numero delle telecamere della videosorveglianza. Ritirato il messaggio, l'esecutivo dovrà ripresentarlo.
Bellinzonese
16 ore

Riconoscimento alla neonatologia del San Giovanni

Il Servizio con sede a Bellinzona, destinato ai piccoli che necessitano cure specialistiche, ha ottenuto il certificato di livello IIb
Mendrisiotto
16 ore

Una messa in memoria di Renata Camponovo

Sarà celebrata domenica alle 9.30 all'Oratorio di Pedrinate
Luganese
13.06.2019 - 06:000

A Camignolo l'Escape room entra in classe

Alle Scuole medie un unicuum ticinese: il gioco diventa un’ attività didattica tramite il progetto della 4B che resterà per le classi degli anni prossimi

“Siete un gruppo di influencer famosi per i vostri innovativi video sul paranormale”. Accattivante e in linea coi tempi. Inizia così il testo che verrà consegnato ai giocatori prima di entrare in un’escape room diversa dalle altre. Si tratta infatti del frutto dell’intenso lavoro svolto dalla 4B della Scuola media (Sme) di Camignolo, guidata dal docente di classe Igor Negrini (cfr. correlato). Un’attività didattica, educativa e anche ludica, nonché una prima per il contesto scolastico ticinese. Non ci sono infatti altre sedi, per ora, che ospitano quello che è a tutti gli effetti un gioco collettivo di logica. Lo scopo è, sulla carta, semplice: risolvendo una serie di enigmi sparsi per la stanza, si riesce a uscirne. Il tutto in un’ora di tempo.

Dall’allestimento dell’escape room all’ideazione della storia e degli indovinelli da risolvere, il lavoro è stato tanto. Oltre che con il docente e la direttrice (v. sotto), ne abbiamo parlato anche con alcuni dei ragazzi che hanno creato il progetto dalla A alla Z. «Ognuno ha ideato un indovinello – ricorda Benito –, poi li abbiamo discussi per decidere quali utilizzare. Il mio purtroppo non è stato scelto (sorride, ndr), ma una parte della mia idea è stara riusata. In generale, nessuno è rimasto senza fare nulla». Fra gli enigmi approvati invece, quello di Alex: «Io e una mia compagna ne abbiamo creato uno nel quale, partendo da tre sostanze e mischiandole con una quarta, si arriva a una scala di colori che dovrebbe portare a un codice». E l’idea da dov’è arrivata? «Ci è venuta tramite quel che abbiamo fatto l’anno scorso a scienze». «È stato bello e divertente, ma anche abbastanza faticoso – per Noè –. Non è stato semplice decidere la storia: abbiamo fatto un sondaggio fra le altre classi per scegliere la storia da utilizzare fra le cinque ideate». E sebbene ci sia un po’ di dispiacere che «non saremo noi a fare l’escape room», «è bello sapere che altri faranno qualcosa che abbiamo creato noi». «Mi sento migliorato nell’organizzazione e nella pianificazione, di solito sono abbastanza disorganizzato» ammette infine Joele, che scherza: «Io sono stato la mente, gli altri il braccio (ride, ndr)».

Brevi impressioni. Diverse, ma simili nell’entusiasmo adolescenziale e nella comune consapevolezza di essere maturati. «È stata bella la collaborazione fra di noi – dicono praticamente all’unisono –. Si lega di più anche con quelle persone alle quali magari si dava meno attenzione. Ci abbiamo messo tutto il cuore». E se non è un insegnamento questo.

LA DIREZIONE
‘Rientra negli scopi educativi’

«Sì, ha anche una dimensione ludica, ma sia la fase di creazione della stanza e delle attività, che quella di svolgimento effettivo (dall’anno scolastico prossimo, ndr), rientrano negli scopi della scuola media: stare insieme, collaborare. Sono aspetti importanti, in quanto si tratta di un’attività dove ognuno può dare il suo. E anche il fatto che siano gli allievi stessi ad aver creato gli indizi è molto positivo e formativo». È la direttrice della Sme di Camignolo Claudia De Gasparo a spiegarci brevemente il senso di un’escape room a scuola e come mai il plenum dei docenti abbia accolto un’idea tanto originale. Presentata l’anno scorso, l’iniziativa verrà ridiscussa quest’anno. «Al prossimo plenum proporremo di mantenere lo sgravio per Igor Negrini anche per l’anno scolastico 2019/20, affinché possa accompagnare la fase di messa in funzione – spiega –. Questo significa testare l’escape room, ma anche fare una piccola formazione per gli insegnanti che vorranno usarla e poi, perché no, metterla a disposizione di altre sedi se desidereranno utilizzarla».

L'IDEA
Dal Giappone, un fenomeno di massa

Nonostante il nome in inglese col quale sono diventate note in tutto il mondo, le escape room hanno origini giapponesi. Fu proprio nel paese del Sol Levante che – una decina d’anni fa – furono ideati i primi giochi di fuga reali: una ventina di persone divise in squadre che dovevano risolvere degli indovinelli per poter vincere. L’idea piacque e si espanse, raccogliendo egual successo, nell’Estremo Oriente: Pechino, Shanghai, Singapore. Nel 2011 il gioco sbarcò in Europa – a cominciare da Budapest – e da lì si diffuse in tutto il continente, mentre l’anno successivo toccò a San Francisco e al resto degli Stati Uniti. Dal 2015, partendo da Torino, l’escape room ha preso piede anche in Italia (e in Ticino) e proprio la vicina Penisola vanta un primato: a Milano si trova la più grande d’Europa. Oggi si tratta di un vero e proprio fenomeno di costume, con migliaia di stanze da cui fuggire disseminate nel mondo, di svariati tipi: prigioni, uffici, laboratori, manicomi e persino monasteri. Stanno diventando sempre più competitive, ma la prima regola non è cambiata: divertirsi, sviluppando le proprie abilità.

L'ATTIVITÀ
‘Sviluppa le competenze trasversali’

«Abbiamo fatto scuola, ma creando». Igor Negrini, docente d’italiano e di classe della 4B che ha realizzato l’escape room, incarna quell’idea di formazione che da anni si fa largo nella Scuola ticinese: le competenze disciplinari incontrano la creatività e l’interdisciplinarità.
A differenza dei propri allievi (cfr. articolo principale), l’insegnante ha una grande esperienza in fatto di escape room: «Ne ho fatte almeno un’ottantina». Dalla passione, l’idea di proporre l’attività ai suoi ragazzi. Ma perché? «Ha una grande funzione didattica e educativa – spiega –. Fa emergere competenze trasversali, diverse da quelle canoniche. Ad esempio, c’è magari il ragazzo poco brillante nelle verifiche di studio mnemonico, ma che responsabilizzato in un contesto del genere ha dimostrato la sua grande abilità al computer. E poi è un’attività utilissima anche per il docente, per capire le dinamiche di gruppo, che sono bellissime da osservare in un contesto completamente diverso rispetto a quello in aula».

È centrale l’interdisciplinarità

E l’aula scelta per l’escape room era in disuso: ospitava le lezioni di ginnastica correttiva. «Hanno fatto tutto i ragazzi – ricorda entusiasta Negrini –. Hanno pulito, ripitturato, siamo andati a comprare i mobili. Hanno fatto un grosso lavoro, sono molto soddisfatto». Arredamento finanziato, altro segno di responsabilità, coi soldi della cassa comune degli allievi. La fase di allestimento è stata preceduta da una teorica «di elaborazione del contesto scenografico e narrativo», iniziata a settembre. Oltre alla produzione scritta e orale, il progetto si caratterizza per una forte interdisciplinarità. «È stato portato avanti con altri docenti (scienze e matematica per esempio, ndr), senza di loro sarebbe stato impossibile». E gli enigmi – adatti in parte al primo ciclo e in parte al secondo – riflettono quest’aspetto: «C’è quello matematico, c’è la comprensione del testo o altri manuali». L’attività è pensata su due ore di lezione, da fare una volta con metà classe e poi con l’altra. E il docente? «Segue dall’interno lo svolgimento, fungendo anche da aiuto in caso di bisogno».

© Regiopress, All rights reserved