Foto Ti-Press
Luganese
11.02.2019 - 19:230

Gestione privata per il casinò di Campione d'Italia?

L'ipotesi, già avanzata, prende sempre più corpo grazie alle dichiarazioni di Massimo Garavaglia, sottosegretario all'Economia, che parla di pubblico-privato

Aspettando la nomina del commissario straordinario del casinò in ritardo di un mese rispetto a quanto previsto da una legge dello Stato (Finanziaria 2019), il sottosegretario all'Economia Massimo Garavaglia, in quota alla Lega - suo l'emendamento che prevede la riapertura della casa da gioco e lo sconto fiscale del 30% per contribuenti e imprese di Campione d'Italia -  dalle colonne del Sole 24 Ore ha parlato di ''nuovo modello pubblico-privato allo studio per Campione d'Italia''.

Un modello pubblico-privato che faccia da apripista

Questo il motivo per cui la nomina del commissario straordinaria tarda ad arrivare? Massimo Garavaglia è il braccio destro di Salvini in materia di economia: ''Credo che l'ipotesi migliore, per rilanciare il casinò, sia quella di guardare a realtà private che già sappiano far funzionare queste queste cose. Immaginare  un ruolo degli investitori privati è ragionevole, si farà una gara e verrà scelto il soggetto migliore, italiano o straniero che sia. Quanto al Comune di Campione d'Italia, credo che debba continuare ad avere un ruolo. Ma è stato sottoposto a una cura drastica di ristrutturazione e ora dovrà evitare gli errori del passato. Bisognerebbe anche fare una riflessione sulle case da gioco in generale, perché se tutte fanno fatica a stare sul mercato, qualche problema c'è. E il nuovo modello pubblico-privato allo studio per Campione d'Italia potrà fare da apripista''.

Campione una zona economica speciale?

Il sottosegretario leghista ha fatto sapere che il governo giallo-verde sta valutando la possibilità di trasformare l'enclave in una Zes (Zona economica speciale) che prevede una serie di misure, soprattutto sul piano fiscale in grado di facilitare l'insediamento di nuove imprese:''L'obiettivo è quello di portare Campione d'Italia, quanto a livelli di tassazione, esattamente pari con i comuni svizzeri che lo circondano''.  Con il riconoscimento di zona economica speciale le imprese con sede fiscale in riva al Ceresio potranno beneficiare di programmi di defiscalizzazione e decontribuzione. Il problema è rappresentato dai tempi, in quanto non sembra possibile attuare un Zes con un disegno di legge governativo, ma dovrà passare al vaglio dei due rami del parlamento, per cui ci vorranno mese e non anni, come conferma l'esperienza.

Una lettera a Conte, Di Maio e Salvini

Tempi che fanno a pugni con l'urgenza di fatti concreti. Lo sottolineano le organizzazioni sindacali che stamane hanno inviato una lettera al premier Giuseppe Conte e ai vice premier Matteo Salvini e Luigi di Maio per chiedere ''un incontro urgentissimo al fine di ottenere spiegazioni sulle reali intenzioni e prospettive future che l'attuale governo intende adottare per la comunità di Campione d'Italia''. Nella lettera, i sindacati scrivono inoltre che ''con la chiusura della casa da gioco è stato arrestato il motore economico del paese, risorsa fondamentale per Campione, con ricadute drastiche sull'occupazione (800 posti di lavoro persi tra dipendenti e indotto) e sull'erogazione dei servizi fondamentali (asilo, mensa scolastica, trasporti, raccolta rifiuti, servizio postale a rischio)''. Ricordano che nell'ambito della Finanziaria 2019 è prevista la nomina di un Commissario straordinario per la riapertura del Casinò. ''Ad oggi tale nomina non risulta ancora essere stata effettuata. Il susseguirsi di giorno in giorno di notizie circa l'imminente nomina, poi sistematicamente disattesa, non fa che accrescere il senso di frustrazione e disperazione tra i lavoratori. La situazione  si presenta intollerabile e sempre più difficile da sostenere, con un acuirsi sempre maggiore di forti situazione di indigenza all'interno dell'intera comunità Campionese''.

Tags
campione
italia
campione italia
nomina
casinò
imprese
massimo garavaglia
garavaglia
commissario
modello
© Regiopress, All rights reserved