Wil
Losanna
20:00
 
SVITOLINA E. (UKR)
1
BENCIC B. (SUI)
2
fine
(2-6 : 6-3 : 6-7)
Berna
Davos
19:45
 
Bienne
Langnau
19:45
 
Friborgo
Ambrì
19:45
 
Lakers
Ginevra
19:45
 
Losanna
Zugo
19:45
 
Zurigo
Lugano
19:45
 
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:45
 
Olten
Visp
19:45
 
Langenthal
Kloten
19:45
 
Ajoie
Turgovia
20:00
 
Wil
CHALLENGE LEAGUE
0 - 0
20:00
Losanna
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
SVITOLINA E. (UKR)
1 - 2
fine
2-6
6-3
6-7
BENCIC B. (SUI)
2-6
6-3
6-7
WTA-S
DUBAI UAE
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Berna
LNA
0 - 0
19:45
Davos
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Bienne
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Friborgo
LNA
0 - 0
19:45
Ambrì
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Lakers
LNA
0 - 0
19:45
Ginevra
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Losanna
LNA
0 - 0
19:45
Zugo
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Zurigo
LNA
0 - 0
19:45
Lugano
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
La Chaux de Fonds
LNB
0 - 0
19:45
Zugo Academy
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Olten
LNB
0 - 0
19:45
Visp
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Langenthal
LNB
0 - 0
19:45
Kloten
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Ajoie
LNB
0 - 0
20:00
Turgovia
Ultimo aggiornamento: 22.02.2019 19:18
Ti-Press
Campione
13.11.2018 - 16:200
Aggiornamento 16:47

Ex-dipendenti Casinò: l'Italia pagherà parte della disoccupazione

È previsto dalla reciprocità negli accordi fra Svizzera e Unione Europea. Al 30 di luglio, per la richiesta d'indennità, si erano annunciati alle casse svizzere in 195

Sarà in parte pagata dall’Italia, tramite l’Inps (istituto nazionale della previdenza sociale), l’indennità di disoccupazione agli ex dipendenti residenti in Svizzera (la quasi totalità in Ticino) del Casinò di Campione d’Italia, chiuso dal 27 luglio. E ciò per una questione di reciprocità prevista negli accordi fra Svizzera e Unione Europea. Gli ex dipendenti della casa da gioco che dal 30 luglio si erano annunciati a una cassa di disoccupazione svizzera sono 195. 
Non tutti coloro che ne hanno diritto sono convinti di compiere il passo; sperano, infatti, che il Casinò possa riaprire al più presto. Gli accordi con l’Ue consentono alla Svizzera di chiedere all’Italia il rimborso totale delle prestazioni versate nei primi 3 e 5 mesi. Anche chi vive in Svizzera e lavora in un Paese dell’Ue è frontaliere e questo vale anche per gli ex dipendenti del Casinò dell’enclave. Un esempio: se un frontaliere residente a Como, dopo essere stato occupato a Lugano, ha perso il lavoro, riceve la disoccupazione dall’Inps e l’Italia chiede il rimborso alla Svizzera.

Due gli scaglioni previsti: i primi tre mesi, per chi ha lavorato meno di un anno, e i primi cinque mesi, se ha lavorato oltre un anno. Lo stesso meccanismo vale anche per i frontalieri svizzeri (come gli ex dipendenti del Casinò) occupati in un Paese dell’Ue. C’è, insomma, la possibilità che la disoccupazione degli ex dipendenti della casa da gioco in riva al Ceresio possa anche non costare un solo centesimo alla Svizzera. Soprattutto se, come tutto lascia supporre, il Casinò dovesse riaprire. Mancano però tempi certi e il numero di lavoratori da riassumere, sicuramente un numero inferiore rispetto agli attuali 482. Una cinquantina sono destinati a essere prepensionati. La conferma viene dalla stima dei costi per l'indennità di disoccupazione del Consiglio federale: una forbice tra 2,8 e 4,6 milioni di franchi.

Tags
dipendenti
disoccupazione
italia
svizzera
ex dipendenti
primi
dipendenti casinò
accordi
indennità
luglio
© Regiopress, All rights reserved