ULTIME NOTIZIE Cantone
Centovalli
6 ore

Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare

La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
7 ore

Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera

Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Luganese
7 ore

Una preda nella tana: l’accusa alza la posta in gioco in Appello

Nella seconda giornata di processo parola al procuratore pubblico e all’avvocata della vittima.‘I tre ragazzi hanno creato un clima di terrore’.
Locarnese
8 ore

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
9 ore

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
9 ore

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
9 ore

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
9 ore

Al Festival scacchistico prevalgono Berardi e Patuzzo

Il Memorial Barbero si è tenuto domenica 5 febbraio a Sorengo
Luganese
9 ore

Lugano, un libro sulle aziende a conduzione familiare

L’Unione Cristiana Imprenditori Ticinesi presenterà all’Hotel Dante, una pubblicazione di Alessandro Scaglione
Mendrisiotto
9 ore

Entra in Svizzera nonostante l’espulsione: preso e processato

Per l’uomo vigeva il divieto di entrare nel nostro Paese. La Corte ha optato per l’espulsione immediata senza pena detentiva.
Ticino
9 ore

Blacklist morosi di cassa malati sospesa per tutto il 2023

La conferma arriva dal governo dopo la riunione della Piattaforma Cantone-Comuni: alla riattivazione della procedura, però, cambierà qualcosa
17.05.2018 - 17:13

Lugano, trovato l'accordo per Morel

Il Municipio torna sui suoi passi e concederà ancora permessi speciali purché si rispettino le norme di convivenza, come l’orario di chiusura

di Alfonso Reggiani
lugano-trovato-l-accordo-per-morel

Revocata la revoca intimata una quindicina di giorni fa quando la polizia è intervenuta su segnalazione dei vicini. Dopo l’incontro di stamattina a Palazzo Civico con i giovani del collettivo che gestiscono lo spazio Morel, il Municipio è tornato sui propri passi. Per quali motivi? «Abbiamo ribadito l’importanza e il valore della cultura cosiddetta alternativa che completa le proposte del Lac – ha risposto il sindaco di Lugano Marco Borradori –. Quanto all’eventuale proroga delle attività, avendo in mano i pareri giuridico e dell’Ufficio tecnico, abbiamo chiesto ai giovani (che hanno accettato) di procedere con una domanda di costruzione (o una semplice notifica) per il cambio di destinazione degli spazi».

Dapprima, il sindaco ha ripercorso la vicenda dal dicembre scorso quando c’è stato il primo contatto e l’esecutivo ha fissato i parametri entro i quali Morel poteva muoversi. Grazie all’impegno dei giovani, questioni come la sicurezza, l’impianto elettrico e le vie di fuga sono state risolte nel giro di qualche mese (cfr, ‘laRegione’ del 31 marzo). Visto che l’attività avrebbe dovuto terminare quest’estate, la Città aveva deciso di concedere permessi speciali al collettivo per poter svolgere le attività. Invece, alla luce dei ricorsi inoltrati contro il progetto immobiliare promosso dai proprietari del sedime, questi ultimi hanno permesso al collettivo di restare almeno ancora un anno.

Ora, visto che le attività del pongono problemi di parità di trattamento nei confronti degli altri esercizi pubblici e di quiete pubblica, la via d’uscita “pianificatoria”, spiega il sindaco, «consentirà ai vicini di presentare con eventuali opposizioni che poi potrebbero sfociare in tentativi di conciliazione per trovare un accordo. Noi lo abbiamo ribadito ai giovani: siamo pronti a cercare soluzioni con il vicinato che potremmo anche incontrare, purché il collettivo rispetti le elementari norme di convivenza come l’orario di chiusura».

L’offerta di cultura alternativa è un valore aggiunto e completa quella del Polo culturale

«Nessuno vuole interrompere le attività proposte dal Morel – ha ribadito Roberto Badaracco, titolare del Dicastero cultura, sport e eventi –. Nel rispetto della legalità, faremo di tutto affinché possano continuare. Più di così non possiamo fare». Del resto, il grosso riscontro in termini di affluenza di pubblico, confermano l’esigenza e la richiesta di offerte di questo genere.

E la Città non vuole chiudere gli occhi di fronte all’evidenza e nei confronti delle associazioni che le propongono, senza peraltro ricevere aiuti pubblici. «Proprio perché l’offerta rappresenta un valore aggiunto, saremmo anche disposti a entrare nel merito di eventuali richieste economiche di sostegno per alcune attività – ha proseguito Badaracco –. La richieste di mettersi in regola dal profilo pianificatorio non è una scusa per bloccarli». I permessi verranno concessi nell’eventuale fase ricorsuale.

Permessi simili sono rilasciati anche al Mojito, per il quale però la Città non chiede alla Sotell di procedere con il cambio di destinazione. Come mai? «La recente modifica della legge cantonale sugli esercizi pubblici ha regolato anche la questione dei permessi al Mojito che potrà restare aperto solo al massimo tre mesi (chiuderà a fine luglio)», risponde Badaracco che a proposito del Matt dice che l’eventuale chiusura sarebbe un grosso danno per la Città. La scuola è molto radicata nel territorio, ha collabora con il Lac e il Foce. Dovrà però lasciare la sede di Pregassona ma la Città ha espresso disponibilità di aiuto per trovarne un’altra, come l’ex centrale Ail di Gemmo.

© Regiopress, All rights reserved