tram-treno-ordinati-i-primi-convogli-immagini-in-esclusiva
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
6 ore

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
6 ore

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
9 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
9 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
9 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
10 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
10 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
10 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
10 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
10 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Luganese
24.02.2018 - 06:200

Tram-Treno, ordinati i primi convogli. Immagini in esclusiva

La Ferrovie Luganesi Sa ha ordinati nove mezzi per la tratta Lugano-Ponte Tresa, che dal 2027 serviranno anche la tanto discussa asta fino a Bioggio e Manno

Il Tram-Treno del Luganese ha un ‘volto’ e una mamma. Sarà infatti l’elvetica Stadler Altenrhein Ag a costruire i convogli che rivoluzioneranno la mobilità dell’area più urbanizzata del cantone. I primi nove sono stati ordinati proprio in questi giorni dalla Ferrovie Luganesi Sa (Flp) in vista del pensionamento del trenino che dal 1978 serve la tratta fino a Ponte Tresa. «Il materiale che comperiamo è appositamente compatibile sui due tracciati – specifica però il direttore della Flp Roberto Ferroni –, viaggeranno quindi sia su quello vecchio (Ponte Tresa-Bioggio, ndr), che su quello nuovo (Lugano-Bioggio-Manno, ndr), senza alcuna modifica». Per l’acquisto si è tenuto conto di entrambi i profili d’ingombro, come pure delle lunghezze delle fermate delle linee. In altre parole: quello in foto è l’aspetto che avrà la rete tramviaria che sta facendo discutere tutta la regione.

Aria condizionata e videosorveglianza: comfort e sicurezza

Indipendentemente dal progetto del Tram-Treno, la Flp avrebbe cambiato i propri vagoni: quelli attuali spengono quest’anno quaranta candeline e presentano una serie di problemi che grazie all’importante investimento saranno risolti. Fra questi, l’assenza di aria condizionata che, durante le ondate di calore – come quella potente del giugno scorso, ad esempio –, rende il viaggio disagevole. «I nuovi mezzi saranno dotati di tutti i comfort e di importanti misure di sicurezza per i passeggeri – spiega Ferroni –, in particolare i sistemi legati agli accessi, la videosorveglianza, gli ingressi ribassati per persone con difficoltà motorie. Saranno inoltre convogli silenziosi, a beneficio di chi abita nelle immediate vicinanze della strada ferrata». Il concorso per il nuovo materiale rotabile si è tenuto l’anno scorso e la ditta svizzera ha gareggiato fino all’ultimo con la spagnola Caf per ottenere l’appalto. L’investimento globale è stimato in circa 40 milioni di franchi e garantito da una fideiussione della Confederazione.

Nel 2017 superati i 2,5 milioni di passeggeri sulla Lugano-Ponte Tresa

Motivo dell’acquisto, non è solo la vetustà degli impianti attuali, ma anche il costante aumento di passeggeri sulla linea. Negli ultimi dieci anni sulla Lugano-Ponte Tresa si è registrato infatti un aumento dell’utenza del 60%. E anche il 2017 si è chiuso con un incremento del 7,5%, superando la soglia dei 2,5 milioni di passeggeri trasportati. «Numeri che ci indicano che, soprattutto nelle ore di punta, bisogna potenziare le corse o la capacità per soddisfare la clientela. E questo con il binario attuale non è più possibile». I nuovi convogli potranno trasportare 250 passeggeri l’uno e negli orari di punta circoleranno in doppia composizione. E se l’arrivo dei nuovi tram è previsto nel 2020, bisognerà aspettare il 2027 per l’apertura della nuova rete. Toccando la zona industriale di Manno e Bioggio – dove confluiscono 10’000 lavoratori al giorno –, il centro di Lugano sarà raggiungibile in rispettivamente 13 e 7 minuti.

La Lugano-Bioggio-Manno? 'Sarebbe un enorme autogol lasciarsi scappare questa opportunità unica'

«Sono consapevole che alcune piccole modifiche per soddisfare qua e là esigenze dei privati che hanno interposto ricorso potranno far slittare la messa in esercizio. Tuttavia – valuta Ferroni –, sono convinto che tutti gli attori coinvolti comprendano la necessità di realizzare questo importante progetto, ben finanziato dalla Confederazione, e che il buon senso prevalga. Sarebbe un enorme autogol lasciarci scappare quest’opportunità unica».

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved