laRegione
Nuovo abbonamento
tram-treno-ecco-perche-lo-vogliamo-fino-a-taverne
Fermata Bosciorina
ULTIME NOTIZIE Cantone
foto
Luganese
2 ore

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
2 ore

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
4 ore

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
8 ore

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
8 ore

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
8 ore

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
17 ore

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
18 ore

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
19 ore

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Luganese
19 ore

Tram Treno, le associazioni ambientaliste: si deve fare di più

I tre sodalizi chiedono al progetto del Dipartimento del territorio: riassetto dello snodo di Cavezzolo e mantenimento della linea di collina
Luganese
20 ore

I City Angels di Lugano distribuiranno 4000 mascherine gratis

Iniziativa di aiuto per combattere la pandemia, grazie al sostegno di due società ticinesi
Ticino
20 ore

Tutti i controlli radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Luganese
20 ore

Balneabili le acque di Porto Ceresio

Soddisfatta la sindaca, Jenny Santi che negli ultimi mesi era stata presa di mira da minoranza e ambientalisti
Bellinzonese
21 ore

Corbaro ritrova la libertà all'ombra del Castello di Cima

Il gufo, trovato dalla Spab con un'ala spezzata e curato dallo studio medico Keller e Pedretti, è tornato a volare nel bosco sovrastante la Turrita
Bellinzonese
21 ore

Abusò di una minorenne, pena confermata in Appello

Nessuno sconto per il 30enne ricorrente: per la Carp è colpevole di violenza carnale e dovrà scontare quattro anni di carcere
Locarnese
21 ore

Locarno, poveri pianeti dell'Astrovia

Interrogazione al Municipio sul pessimo stato di conservazione di questa proposta didattica voluta dalla Società astronomica ticinese, inaugurata nel 2001
Ticino
21 ore

Operazione 'Imponimento', arresto non convalidato per cinque

'Ndrangheta e infiltrazioni in Svizzera, il Tribunale di Catanzaro conferma il provvedimento per 70 persone
Locarnese
23 ore

Quartiere Rusca-Saleggi, 'via il piede dal gas!'

In arrivo il limite dei 30 km/h in tutto il perimetro. Una misura voluta per tutelare al meglio gli utenti deboli della strada
Ticino
1 gior

Dopo una tregua, torna la canicola

Allerta di grado tre in Ticino da domani pomeriggio fino a mercoledì sera. Previste temperatura fino 34 gradi e alti tassi di umidità.
Locarnese
1 gior

'Villaggio svizzero dell'anno', due finalisti sono ticinesi

Gambarogno e Losone figurano tra le 12 località prescelte dal concorso, che quest'anno premia solidarietà e creatività in ambito Covid-19
Luganese
04.01.2018 - 07:120
Aggiornamento : 07:57

Tram-treno, ecco perché 'lo vogliamo fino a Taverne'

Prolungamento sì, prolungamento no, prolungamento forse. A differenza dei colleghi di Agno, Bioggio e Manno (Abm) – che hanno preso posizione compatta contro la petizione che vorrebbe portare il tram-treno del Luganese fino alla stazione Ffs di Torricella-Taverne (cfr. ‘laRegione’ del 27 dicembre scorso) –, il tema non crea unanimità fra Maurizio Anghileri (sindaco di Gravesano), Dario Fraschina (Bedano) e Tullio Crivelli (Torricella-Taverne). «Non siamo contrari a qualsiasi soluzione: la nostra posizione è quella della Commissione Vedeggio Valley (Cvv), di cui facciamo parte; desideriamo cioè che sia accelerata soprattutto questa prima fase» spiega Fraschina. E la Cvv, a fine novembre, ha diramato un comunicato ribadendo tre suoi pilastri: l’ampliamento della linea da Manno alla stazione Ffs di Lamone-Cadempino per garantire l’interscambio con la rete Tilo; il mantenimento qualitativo di quest’ultima anche dopo l’apertura della galleria di base del Ceneri; due nuove fermate ferroviarie (a Taverne una e tra Bironico e Camignolo l’altra). “In questo contesto – si legge – l’integrazione della linea merci esistente fra Taverne e lo scalo merci di Bioggio, con tecnologia ancora da definire (estensione del sistema ferroviario da Taverne oppure della linea tram da Manno) diventa una conseguenza logica e necessaria dal punto di vista funzionale”.

Nuove fermate del Tilo, mobilità aziendale, potenziamento dei bus: altre idee contro il traffico «Proporre ora una petizione potrebbe voler dire ritardare il progetto, rischiando anche di affossarlo – è la preoccupazione del sindaco di Bedano –, non siamo contrari a un prolungamento fino a Lamone o Taverne, ma fa parte di una seconda fase. Come Municipio abbiamo sottoscritto quanto dichiarato dalla Cvv, firmare ora la petizione non ci sembrerebbe coerente. Cambiare le carte in tavola adesso ci pare tardivo, si sarebbe dovuto fare al momento della prima consultazione». Della Cvv, oltre a Bedano, fanno parte anche Mezzovico-Vira, Monteceneri e... Torricella-Taverne. Un Comune, quest’ultimo, che sostiene però la petizione, conferma il sindaco Tullio Crivelli: «Sì, siamo d’accordo. Secondo noi, fare un P&R a Bioggio è inutile: resterebbe il problema del traffico per arrivarci». Malgrado l’endorsement, per il resto il Municipio è in linea con la Cvv. «Sulle nuove fermate Tilo ci siamo già portati avanti – rivela il sindaco –, comprando i terreni sopra la riseria (dove dovrebbe sorgere la seconda fermata di Taverne, ndr) che appartenevano a Ponte Capriasca; è uno sterrato che già gestivamo noi come parcheggio pubblico». Favorevole alla petizione è anche Gravesano, nonostante si sia schierato con Abm invocando un rapido proseguo dell’iter per la prima fase. «Sosteniamo la petizione per estendere il tram fino a Taverne – conferma Anghileri –, è poco lungimirante escludere questo importante comparto. Non si tratta di bloccare il progetto del Dipartimento del territorio, ma di fare il passo successivo: non è necessario aspettare il 2026 per rendersi conto che serve un prolungamento per completare l’opera». E se Torricella-Taverne si è attivato per le fermate del Tilo, gli altri Comuni non stanno con le mani in mano in attesa del tram-treno. «Abbiamo organizzato trasporti extra alla mattina e alla sera per servire la zona industriale; a un anno dall’introduzione sembrano funzionare. I costi sono suddivisi fra Comune, aziende e utenti» spiega il sindaco di Bedano. «Oltre alla promozione della mobilità aziendale e allo sviluppo del car sharing – fa eco l’omologo di Gravesano –, il nostro Municipio, con Lamone, segue la proposta di Manno di estendere la linea 5 del bus della Tpl». Piccoli passi per un’emergenza che non può attendere.

I promotori della petizione: 'Non vogliamo frenare la prima fase, ma accelerare la seconda' «Non vogliamo frenare nulla». Gerardo Rigozzi, uno dei principali promotori della petizione che vorrebbe il prolungamento del tram-treno fino a Taverne, si difende dalle accuse di voler ‘sabotare’ l’opera. «Non desideriamo mettere in discussione il progetto approvato a livello federale, che ricordo è solo il tratto fino a Manno – spiega –, anzi: la nostra proposta è che si voti il messaggio in Gran Consiglio (cfr. articolo sotto, ndr) e pure l’esigenza di completare la progettazione fino a Taverne, oggetto di un secondo messaggio». Un intento politico quindi, ancor prima che realizzativo, che si scontra contro le insinuazioni dei contrari alla petizione. Fra questi, i sindaci di Agno, Bioggio e Manno (Abm) che – pur esprimendo comprensione per le esigenze dei vicini del Nord – temono che possa frenare l’intero progetto. «Ci siamo informati presso degli uffici della Confederazione in merito – replica Rigozzi –, ci hanno detto che non ci sono dei limiti a questo riguardo. Inoltre, la seconda tappa (dalla galleria in poi, ndr) partirebbe solo nel 2024, quindi il tempo di studiare l’ampliamento c’è. Abm vogliono difendere gli interessi dei loro Comuni senza un minimo di considerazione lungimirante per l’intera regione». L’intenzione quindi è esclusivamente quella di chiedere già la progettazione della seconda fase, senza inficiare la prima. «Al momento c’è solo un’idea di massima, vogliamo che si concretizzi». Secondo il Piano direttore, è prevista anche la variante che collegherebbe il tram alla rete Tilo a Lamone. «Questa sarebbe più costosa rispetto a quella che proponiamo, per la quale si utilizzerebe l’esistente binario industriale». La sottoscrizione si chiude il 15 gennaio, mentre le firme verranno consegnate al Dipartimento del territorio (Dt) ai primi di febbraio. E se i petizionisti sottolineano di non voler bloccare il progetto, per forza di cose è diverso l’intento dei ricorsi giunti al Dt un paio di mesi fa. Preso di mira è il percorso indicato dal Cantone per la realizzazione dell’opera tra Bioggio e Manno, in particolare il fatto che i binari dovrebbero passare sulla strada cantonale. A opporvisi alcuni grandi industriali e proprietari terrieri: Riccardo Quadroni (suoi diversi fondi della zona, fra cui quello che ospita Avaloq), Cesare Agustoni (dell’Immobiliare Vedeggio) e il gruppo Tarchini. Secondo loro, meno accessi alla zona industriale e più semafori provocherebbero un collasso del traffico stradale nel piano del Vedeggio. Nel merito, i prossimi mesi saranno cruciali.

Caverzasio: 'In Gran Consiglio, forse, a febbraio il messaggio da 63 milioni' «No, è molto difficile che si arrivi già a gennaio, piuttosto a febbraio, volendo essere ottimisti». Chi sperava che il Gran Consiglio ticinese si esprimesse già durante le prime sedute del 2018 sul messaggio – firmato dal consigliere di Stato Claudio Zali lo scorso settembre –, contenente la richiesa di credito dei circa 63 milioni di franchi a carico del Cantone per il tram-treno del Luganese, dovrà quasi certamente pazientare ancora un po’. «Non abbiamo ancora fatto le audizioni e c’è un parere di un’altra commissione che stiamo aspettando entro metà gennaio» spiega il II° vicepresidente della Commissione della gestione – nonché uno dei corelatori sul messaggio –, Daniele Caverzasio. In tempo, quindi, per poter prendere eventualmente in considerazione anche la petizione per il prolungamento (cfr. articolo sopra)? «È sicuramente qualcosa che potremmo considerare qualora arrivasse – valuta il granconsigliere –, vedremo in che termini. Quel che è essenziale però è che non si metta in discussione l’intero progetto, che è sovvenzionato da fondi importanti da Berna e ha già ricevuto l’ok a livello federale. Rimetterlo in discussione comporta il rischio che slitti tutto di parecchi anni. E questo sarebbe un peccato, vista la gravità del problema».

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved