terapia-verbale-sagl-la-non-piu-dottoressa-mereu-a-tisana
Un fotogramma del servizio delle Iene dedicato a Gabriella Mereu
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
2 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
12 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
13 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
13 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
13 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
14 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
14 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
14 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
14 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
14 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
14 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Luganese
16.04.2016 - 11:270
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:10

Terapia verbale Sagl – La (non più) dottoressa Mereu a Tisana

È stata radiata dall'ordine dei medici, ma questo ovviamente non le impedisce di continuare a divulgare la sua “terapia verbale”, anche durante eventi in teoria rispettabili come Tisana che il 28 aprile accoglierà Gabriella Mereu.

Vista la delicatezza del tema, che riguarda salute e benessere, prima di parlare di medagliette con l’effige della Madonna inserite della vagina per curare infertilità, cistiti e polipi uterini, di epilettici che in realtà sarebbero solo degli esibizionisti e di calcoli formatisi per il troppo denaro, una premessa. La medicina – quella che spesso chiamiamo “ufficiale” ma che sarebbe meglio chiamare semplicemente “medicina” – ha indubbiamente delle colpe, la prima delle quali è aver trascurato il soggetto, con le sue paure, speranze, aspirazioni, ansie, fantasie e relazioni, occupandosi quasi esclusivamente dell’oggetto, del corpo.
Un approccio metallico, l’ha definito qualcuno, i limiti del quale sono sempre più spesso avvertiti dai medici stessi. Ma oramai la porta, per la “medicina alternativa”, è più che aperta, e insieme a molte cose sagge ed equilibrate – che è un peccato non facciano parte della pratica medica vera e propria –, sono passati anche smargiassi e ciarlatani. E questo è un grosso problema.

È un grosso problema perché se non riusciamo a distinguere il cioccolato dagli escrementi, non stupiamoci se gli ospiti non vogliono più assaggiare il budino. Così, se non riusciamo a distinguere chi giustamente consiglia uno stile di vita più sano ed equilibrato da chi maltratta il simbolismo fino a ridurlo a un surrealismo spacciato per terapia con cui curare ogni malattia, non stupiamoci se uno inizia a diffidare della ventennale “fiera del benessere olistico” che il 28 aprile ospiterà Gabriella Mereu e la sua terapia verbale.
“Terapia verbale” è anche il nome della Sagl che la signora ha aperto a Lugano nel 2014, o meglio era il nome perché negli scorsi mesi ha mutato ragione sociale in “Linguaggio analogico del malessere Sagl”. Forse c’entrano le perplessità espresse, in un’intervista al ‘Caffè’, dal medico cantonale sull’utilizzo del termine ‘terapia’; o forse la radiazione dall’ordine dei medici, avvenuta dopo le proteste dell’Associazione italiana contro l’epilessia e, soprattutto, dopo alcuni servizi di Nadia Toffa delle ‘Iene’ (i cui metodi, bisogna dirlo, non sono il massimo del giornalismo, ma in questo caso hanno fatto un lavoro di tutto rispetto).

Che ha fatto di preciso Gabriella Mereu? Dicevamo del simbolismo maltrattato: la sua “terapia” – ispirata dalla ‘psicomagia’ di Alejandro Jodorowsky – si basa su metafore, analogie, etimologie, tutto preso alla lettera. Insomma, ogni malattia sarebbe un’elaborazione metaforica di un disagio psichico.
Così per guarire dalle emorroidi basta scegliersi una poltrona ed urlare “Questo è il mio trono!”, mentre gli epilettici, come accennato, sono dei semplici esibizionisti ai quali basta dire “che brutto che sei quando fai così”, i malati di Parkinson in realtà tremano per la paura e così via. Interessante il caso dell’infertilità: in molti casi è questione di insicurezza e di oppressione della figura paterna, da curare con un permesso scritto del genitore che autorizzi ad avere rapporti sessuali e un bambolotto da curare come un figlio. Oltre alla già citata medaglietta della Madonna da infilare nella vagina (avvolta da un preservativo), rito che serve – come ha spiegato lei stessa su Facebook – “a togliere lo schema di svalorizzazione nelle donne che è tramandato da millenni […] schema di cui le donne soffrono da millenni inconsapevolmente e che spesso è la causa psicosomatica di varie patologie ginecologiche”.
E ben venga la lotta ai pregiudizi di genere, ma forse una Madonna nella vulva non è il metodo migliore per combattere i preconcetti.

Tutte scene che, in un film comico o in uno spettacolo teatrale, scatenerebbero l’ilarità del pubblico, ottenendo recensioni di elogio per l’inventiva e qualche commento perplesso per l’umorismo politicamente scorretto verso i malati, ad esempio verso il paralitico al quale viene dato del paraculo (lo ha ricordato lei stessa in un’intervista).
Ma tutto questo Gabriella Mereu lo fa seriamente. In “convegni, conferenze, occasioni mondane e culturali”, per citare gli scopi della già ricordata “Terapia verbale Sagl”. E finché son conferenze, finché ci si limita al trono per le emorroidi, uno potrebbe anche dire “ma che male volete che faccia!”.
Il problema, come è emerso dai servizi delle ‘Iene’, è che tutto questo lo propone anche a malati di tumore, invitandoli – nel privato delle sedute riprese da telecamere nascoste, non nelle conferenze – a non sottoporsi ad operazioni e terapie giudicate necessarie da medici veri (“veri”, ribadiamo, non “ufficiali”). E qui il male che può fare – anche a quel benessere che Tisana giustamente sbandiera – è fin troppo evidente.

© Regiopress, All rights reserved