Locarnese

Sacre Rappresentazioni, a Locarno una tradizione... più recente

Oltre a quelle di Mendrisio, Coldrerio e Bellinzona da tre anni è attivo un gruppo che tiene vive e porta in scena antiche pratiche devozionali cristiane

21 febbraio 2024
|

Non solo Mendrisio, Coldrerio e Bellinzona. Anche Locarno, da tre anni, ha il suo Gruppo Sacre Rappresentazioni. Claudio Troise, facendo tesoro dell’esperienza cinquantennale nel mondo del Teatro ticinese e del periodo passato con padre Callisto Calderari nel suo gruppo di Bellinzona dal 2010 al 2017, ha pensato bene, in periodo di piena pandemia, nel 2021, di fondare nella Parrocchia di S. Antonio a Locarno, un nuovo gruppo di Sacre Rappresentazioni.
La tradizione di questo tipo di rappresentazioni ha origine con San Francesco d’Assisi, quando mise in atto dal vivo il primo presepio vivente a Greccio, in Italia. Da allora molte parrocchie nei secoli seguenti, hanno utilizzato questa particolare attività (sempre presentata nelle chiese) per diffondere messaggi biblici, evangelici, vite di santi e altro ancora. Una simile attività comprende attori/attrici, musiche, scenografia, trucco, luci, musiche, il tutto coordinato da una regia. Il gruppo di Locarno ha esordito nel 2022 con le parabole del “Padre misericordioso” e quella del “Samaritano”. Nel 2023 ha portato in scena la vita di “S. Antonio Abate”, patrono della Collegiata locarnese e quest’anno si ripresenta con l’attualizzazione della parabola “Il Seminatore”. La “prima” è in programma venerdì 23 febbraio alle 20 nella Collegiata di Locarno. Seguiranno repliche ad Arbedo (3 marzo alle 17), Gordola (15 marzo), Minusio (22 marzo) e Lugano (6 aprile): queste ultime tre sempre a partire dalle 20. Il pubblico sarà coinvolto per quanto riguarda preghiere e canti, l’entrata è libera con offerte a favore del Gruppo.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE