28.11.2022 - 12:03
Aggiornamento: 14:39

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30

vento-di-vita-vera-la-storia-culturale-della-val-bavona

Dopo l’ottimo successo della première, proiettata nella suggestiva piazza di Moghegno nel mese di agosto, la docu-fiction di Kurt Koller con protagonista la Valle Bavona, "Vento di vita vera", è stata proposta a più riprese allo "Stattkino" di Lucerna e a Horw. Considerato il successo e soprattutto l’interesse che questo film-essai ha suscitato, viene ora proposto anche al Cinema Otello di Ascona, martedì 29 novembre alle ore 20.30.

La protagonista, una giovane donna svizzero-tedesca, eredita una casa in Val Bavona, da una prozia che non ha mai conosciuto. In tempi così incerti, molti desiderano un luogo di ritiro, un luogo di pace, soprattutto considerando l’impotenza che si sente di fronte agli sviluppi attuali. Anna vorrebbe sbarazzarsene, ma poi accoglie l’invito del notaio di "andare almeno a vederla" e si trova di fronte alla domanda: partire o restare?

Il regista lucernese Kurt Koller ha raccontato la storia di questa giovane donna (interpretata dall’attrice Nicole Lechmann, anch’essa di Lucerna), ma ha voluto offrire una combinazione molto riuscita di fiction e documentario, di suggestive foto d’archivio e splendidi scatti paesaggistici. Il film è tematicamente e formalmente ricco. Citazioni del pittore Gerhard Richter o dello scrittore Max Frisch riempiono lo schermo. Le persone coinvolte fanno molto di più che raccontare una storia. "Vento di vita vera" è un’esperienza cinematografica insolita che suscita interesse per una valle, presentata e letta con occhi nuovi anche da chi già la conosce. E ci si identifica decisamente con la protagonista: cosa si farebbe al suo posto?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved