27.11.2022 - 15:08
Aggiornamento: 16:23

Cevio, due ‘no’ nel voto referendario per scuole e terreno

Alta la partecipazione al voto: del 71,55%. Bocciate entrambe le risoluzioni che il Consiglio comunale aveva adottato il 20 giugno

a cura di Red.Locarno
cevio-due-no-nel-voto-referendario-per-scuole-e-terreno
Ti-Press
Scuole: non passa l’idea del Comune di insediare una nuova sede a Bignasco

Due "no" sono usciti dalle urne di Cevio sul doppio voto referendario, che ha visto una partecipazione del 71,55% degli aventi diritto. Il che significa due "sì" popolari alle motivazioni dei comitati contrari alle due risoluzioni adottate dal Consiglio comunale il 22 giugno scorso.

La prima, e più importante per peso specifico, riguarda la convenzione con il Patriziato di Bignasco per il progetto e la locazione della nuova sede di Scuola elementare; la seconda, non meno discussa in sede di "campagna", è relativa alla vendita per trattativa diretta di un terreno comunale con cui originariamente il Comune intendeva perseguire scopi di interesse pubblico (ad esempio favorendo chi intendesse stabilirsi a Cevio), ma che più tardi si è deciso di vendere per trattativa diretta, secondo i referendisti "a un’immobiliare che vorrebbe costruirci una palazzina e sette casette monofamiliari con piccolo giardino da vendere a circa 800mila franchi l’una".

Il primo tema (la scuola) si è risolto alle urne a favore dei "no" con un testa a testa decisamente tirato: Su 819 iscritti in catalogo, 586 cittadini hanno espresso la loro preferenza: 294 con un voto negativo e 277 con un voto positivo. Il secondo, allo stesso modo, ha favorito i contrari alla vendita per trattativa diretta del terreno, ma con uno scarto più significativo: 353 "no" contro 217 "sì".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved