ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
12 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
14 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
18 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
22 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
22 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
22 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
24.11.2022 - 16:05

‘Ggurijnar Schtåmmbömm’, l’albero genealogico di Bosco Gurin

Completata la ricerca promossa dal museo Walserhaus e condotta da Renato Simona con il sostegno della comunità locale. Presentato anche il relativo libro

ggurijnar-schtammbomm-l-albero-genealogico-di-bosco-gurin

Bosco Gurin ha completato gli alberi genealogici delle sue famiglie storiche, grazie alla ricerca promossa dal museo Walserhaus e condotta da Renato Simona (presidente onorario della Società genealogica della Svizzera italiana) con il sostegno della comunità locale. Un lavoro svelato al pubblico proprio nel villaggio della Val Rovana, dove per l’occasione è stato presentato anche il libro "Ggurijnar Schtåmmbömm – Albero genealogico di Bosco" ed è stata inaugurata la mostra temporanea allestita nella torba adiacente al museo. Alla presentazione sono intervenuti gli autori Renato Simona, Fabio Chierichetti, Giorgio Filippini, Enrico Rizzi (per la Valle Formazza) e la presidente della Società genealogica della Svizzera italiana (Sogenesi) Sandra Rossi.

Separato e isolato geograficamente e culturalmente fino a poche generazioni fa, ma con un dinamico rapporto interpersonale tra i residenti e le famiglie originarie spesso ancora ampiamente attive nel tessuto sociale, Bosco Gurin disponeva di tutti i presupposti per permettere una ricerca genealogica coordinata per tutte le famiglie storiche ancora presenti. Sulla base dei differenti registri consultabili, degli studi già condotti e delle informazioni raccolte direttamente, sono stati minuziosamente ricostruiti i sei alberi genealogici (Ggurijnar Schtåmmbömm) a partire dal 1600: Bronz, Della Pietra, Elzi, Janner, Sartori, Tomamichel.

Delle sei famiglie ancora residenti a Bosco Gurin a metà del XX secolo soltanto quattro sono ancora oggi stabilmente presenti: Bronz, Della Pietra, Sartori e Tomamichel. La ricerca ha consentito pure di ricostruire gli alberi delle famiglie storiche Forrer e Rossi nel frattempo estinte. Oltre alle parentele e alle discendenze, lo studio ha inoltre permesso di indagare una moltitudine di argomenti legati alla comunità Walser di Bosco Gurin: l’evoluzione numerica delle differenti famiglie, le alleanze familiari, l’evoluzione demografica della comunità e le sue vicissitudini tra le quali, negli ultimi secoli, le valanghe e le emigrazioni verso Australia e Americhe contribuendo a documentare e salvaguardare un importante aspetto della popolazione Walser di Gurin.

È possibile ordinare il libro scrivendo all’indirizzo postale Walserhaus, 6685 Bosco Gurin, o all’indirizzo e-mail museum@walserhaus.ch al costo di 45 franchi (più spese di spedizione). La mostra sarà nuovamente visitabile negli orari di apertura del Museo (www.walserhaus.ch) a partire dalla Pasqua 2023.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved