ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 min

I Matiröö presentano ‘Quand la toca la taca’

Domenica 29 gennaio la compagnia teatrale si esibirà in uno spettacolo offerto dal Comune di Novazzano
Luganese
22 min

Quale futuro per l’aeroporto di Agno?

Organizzata una serata informativa per discutere del futuro dello scalo. Presenti il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Luganese
25 min

Giovane arrestato mentre trasportava eroina

Il fermo è avvenuto agli inizi di questa settimana, l’ipotesi di reato è d’infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacienti
Mendrisiotto
2 ore

È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito

Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
4 ore

La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale

Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
6 ore

La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa

La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
6 ore

‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’

Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Bellinzonese
11 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
14 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
14 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
15 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
15 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
16 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
22.11.2022 - 05:43
Aggiornamento: 17:04

Ex Polivideo, 20 milioni (e un hotel) per il Poly Trade Park

Avviata nella zona industriale di Riazzino a Locarno la realizzazione di un ampio complesso con uffici, negozi e anche una struttura alberghiera

ex-polivideo-20-milioni-e-un-hotel-per-il-poly-trade-park
laRegione

Spazi amministrativi, commerciali e anche un albergo nuovo di zecca, che per una regione turistica è sempre un’ottima notizia. Sono i contenuti dell’investimento immobiliare già in cantiere sul sedime della ex Polivideo a Riazzino, promosso dalla Montalbano Immobiliare Sa con sede a Bioggio, controllata della Tigestim Sa che fa capo alla famiglia Quadroni.

Luca Quadroni, raggiunto dalla "Regione", facendo riferimento al progetto "Poly Trade Park" di cui avevamo scritto già nel dicembre del 2019 per il "dopo Polivideo", nota che «questo nuovo progetto presenta contenuti equivalenti rispetto a quello precedente, ma è più grande. Una nuova licenza edilizia è stata ottenuta nel maggio del 2022. La prospettiva è quella di un cantiere della durata di 24 mesi, realizzato in due fasi: la prima riguarda la parte commerciale, che sarà pronta per l’inizio dell’estate 2023; la seconda, la parte alberghiera, ultimata entro la primavera del 2024».

Risanamento energetico per gli stabili esistenti

Il cantiere interesserà sia gli stabili ex Polivideo, sia le superfici situate a nord, fronte ferrovia e montagna. I primi saranno oggetto di ingenti opere di risanamento energetico «per raggiungere gli standard più elevati», dice Quadroni. Il che permette agli istanti di far capo a incentivi cantonali.

Fra investimento immobiliare da parte dell’impresa generale e investimento aggiuntivo garantito dai futuri inquilini degli spazi, parliamo di una cifra vicina ai 20 milioni di franchi.

Con le maestranze dell’edilizia dunque già in piena attività, Quadroni rileva che «la maggior parte delle superfici sono già affittate; rimane da trovare una destinazione per circa un quinto di esse». Vige il più stretto riserbo su chi fisicamente occuperà gli spazi di vario tipo e foggia del centro multifunzionale, ma si sa che oltre alle destinazioni amministrative (uffici) e a quelle commerciali, vi sarà un ristorante e sicuramente, come accennato, troverà posto un hotel. Il partner alberghiero è già stato trovato, ma ancora non vengono ufficializzate informazioni sullo standing e sul numero di camere. Di fatto, questo inserimento compenserà da solo quel 35% di superficie utile lorda di contenuti che avrebbe dovuto avere che a fare con formazione, ricerca e cultura, tempo libero, divertimenti e intrattenimenti.

La vecchia descrizione del progetto parlava anche di un centro fitness e una scuola di ballo, nonché di una sala multiuso per rispondere alle esigenze del turismo congressuale. A questo proposito, Luca Quadroni della famiglia promotrice ricorda che «la scuola di ballo e il centro fitness già esistono, mentre la sala multiuso rientra nell’ambito del concetto alberghiero».

Il ‘benvenuto’ di Fabio Bonetti

L’ampia superficie ex Polivideo, più terreni annessi, è di grande importanza strategica e apre nuovi, interessanti scenari per la Zona d’attività e di servizi speciale (ASs), così come sancito dal Piano regolatore. Decisiva è naturalmente la presenza dell’adiacente fermata ferroviaria di Riazzino, che renderà facilmente raggiungibili uffici, negozi, ristorante, albergo e gli altri contenuti del centro multifunzionale. Particolarmente soddisfatto riguardo all’insediamento di un albergo è Fabio Bonetti, direttore dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli: «Per noi come ente turistico, che si installino nuovi alberghi nella regione è un segnale oltremodo positivo che conferma la fiducia nel territorio e nella destinazione dal punto di vista turistico. C’è poi da considerare la posizione, che pur non essendo a lago – quindi in linea con i teorici crismi dell’ubicazione considerata ideale per una struttura alberghiera – è comunque ottima poiché in pratica al centro del Ticino. E questo significa a ridosso delle valli, a pochi chilometri dal lago, vicino a Locarno, Bellinzona e Lugano, che con la galleria di base del Ceneri è raggiungibile, da lì, in una ventina di minuti. Proprio a proposito del servizio ferroviario e della sua capillarità, il futuro albergo sarà situato proprio a ridosso della stazione di Riazzino, quindi in un posto perfetto, in particolare per quella maggioranza di ospiti che arrivano in treno da nord».

Bonetti conclude ricordando non solo l’opportunità, ma anche l’esigenza di nuove strutture alberghiere «che vadano a rafforzare l’offerta legata ai grandi eventi della nostra destinazione, i quali determinano sempre un "sold out" nel centro urbano. Avere delle alternative valide, vicine e ben servite dai mezzi pubblici è un "atout" non da poco, come dimostra, sempre in quella zona, ad esempio la "Bamboo House"».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved