ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
8 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
8 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
8 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
9 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
9 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
9 ore

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
10 ore

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
11 ore

‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’

L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Gordola
11 ore

Aumentare i contributi per gli abbonamenti ai trasporti pubblici

Una mozione per chiedere al Municipio d’introdurre un regolamento con sussidi dal 20 al 50 per cento
Mendrisiotto
11 ore

Torna il corso per giovani tiratori dell’Aurora Stabio

Si svolgerà in marzo a Maroggia, per i ragazzi nati fra il 2003 e il 2008, il 7 febbraio una serata informativa
Bellinzonese
13 ore

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
19.11.2022 - 09:16

‘Senza collegamenti adeguati, ogni sforzo risulta vano’

Centovalli, nelle considerazioni iniziali sul preventivo il Municipio ribadisce la necessità di potenziare l’offerta del trasporto pubblico in valle

senza-collegamenti-adeguati-ogni-sforzo-risulta-vano

Privi di collegamenti pubblici adeguati e sempre più spopolati. Così nei piccoli paesi delle alte Centovalli avanza la desertificazione demografica, che preoccupa il Municipio centovallino e sembra inarrestabile, malgrado le iniziative concrete messe in atto nelle ultime legislature. Le conseguenze, laddove questo fenomeno si è prodotto, si leggono senza fatica nel paesaggio e nelle stesse comunità: si perdono bellezza e peculiarità, viene meno l’unicità, l’anima dei luoghi, la cura del territorio. Anche se qua e là si moltiplicano i segnali di micro-vitalità, con il ritorno di giovani in attività agro-silvo-pastorali o turistiche, e l’arrivo di persone ed energie da fuori. Ma le nuove iniziative, le nuove idee incontrano ostacoli legati in particolar modo alla dislocazione geografica.

Per ora, dunque, non si intravvede ancora la luce in fondo al tunnel. Per l’autorità il calo degli abitanti è fonte di apprensione ma rappresenta, al tempo stesso, una sfida. Se ne parla nell’introduzione al preventivo 2023 dell’ente centovallino, che chiude praticamente a pareggio; l’autorità insiste con misure atte a incentivare l’arrivo di nuove famiglie e progetti mirati a uno sviluppo economico e sociale delle zone discoste.

Altrove sì, qui no

Ne è un esempio la difficile trattativa con l’Ufficio dei trasporti pubblici, la Commissione intercomunale dei trasporti (Cit) e le Fart per ottenere un numero maggiore di corse del treno fino a Camedo. Come è stato fatto altrove, nella vicina Onsernone, ad esempio, in Verzasca, a Muggio o in Capriasca. Realtà che hanno ottenuto, rileva l’esecutivo, orari di trasporto più estesi e fino a tarda notte. La ferrovia che serve le Centovalli, purtroppo, per ragioni legate all’orografia non attraversa tutti i paesi e la spesa del trasporto su rotaia, per il Comune, risulta maggiore rispetto a quella delle valli che sfruttano, invece, collegamenti su gomma (bus).

Le promesse, disattese, del progetto aggregativo

Eppure le rivendicazioni, sin qui inascoltate, del Municipio centovallino erano già contemplate nel progetto aggregativo del 2009, il quale evidenziava fra gli obiettivi primari proprio un miglioramento e un potenziamento delle corse dei mezzi pubblici fino al confine di Camedo. Lo stesso Masterplan Centovalli 2030, quale misura per rallentare lo spopolamento e promuovere la crescita del turismo indicava, chiaramente, questo aspetto. "Purtroppo – osserva il Municipio – quanto postulato dai due Dipartimenti (Istituzioni e Decs) non trova una concretizzazione negli obiettivi del Dipartimento del territorio". La speranza è che, con le elezioni cantonali del prossimo aprile, magari qualche cosa possa cambiare in positivo. Il 2023 sarà pure l’anno conclusivo della mini-legislatura, osserva ancora il Municipio, quando giungerà al termine il mandato quadriennale del Masterplan; occasione per bilanci e riflessioni sulla strategia futura da adottare. E, magari, chissà, per pensare su scala più grande, con un’aggregazione con un polo più forte.

Conti 2023 a pareggio, le prestazioni sociali lasciano il segno

Intanto, a livello di conti, il prossimo anno presenta (con un moltiplicatore all’95%) uscite operative per 5,8 milioni, ricavi per 3,4 e un fabbisogno d’imposta di 2,28 milioni di franchi; con una previsione d’introiti fiscali per 2,27 milioni, le stime portano a un disavanzo insignificante di 6mila franchi. Nelle singole voci del documento contabile si segnala una diminuzione delle spese legate al personale e un incessante aumento dei contributi da versare a enti pubblici. Spicca e preoccupa, una volta ancora, il marcato incremento delle prestazioni complementari Avs, che rappresentano circa il 10% del gettito fiscale comunale. Sull’altro piatto della bilancia, c’è anche una buona notizia: la riduzione dei costi nella gestione dei rifiuti, con conseguente diminuzione del prezzo dei sacchi verdi.

Quanto ai preziosi contributi di localizzazione geografica e di livellamento, il primo prevede una riduzione dell’importo, il secondo dovrebbe aumentare fino a 890mila franchi. Una mano dà e l’altra toglie.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved