ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 min

Torna il Carnevale di Pedrinate

L’appuntamento è per il prossimo weekend nel salone comunale del paese
Locarnese
1 ora

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
1 ora

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
2 ore

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
3 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
3 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
6 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
6 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
6 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
13 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
15 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
16 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
24.10.2022 - 15:21
Aggiornamento: 16:59

Un ‘manifesto’ per salvare i rustici

Per l’Ente regionale di sviluppo locarnese e per le sue antenne: ‘Un patrimonio da recuperare e un’opportunità per le regioni di montagna’

un-manifesto-per-salvare-i-rustici
Ti-Press
Non lasciarli andare a ramengo

"Rustici ticinesi: salviamoli e recuperiamoli". Per raggiungere l’obiettivo arriva un "manifesto" dell’Ente regionale per lo sviluppo di Locarnese e Vallemaggia. Un testo inviato a tutti i Comuni (e molti lo hanno già pubblicato sui rispettivi siti). Obiettivo: promuovere, sensibilizzare e incentivare il restauro e la valorizzazione dei rustici.

Il tema è di quelli che fanno notizia, soprattutto quando ci sono problemi legati alla pianificazione e alle decisioni, talvolta difficili da digerire, da parte delle autorità di controllo. Meno frequentemente la cronaca si occupa dei restauri di qualità, promossi da enti pubblici o da privati.

L’intento dichiarato del "manifesto" è quello di "favorire un discorso propositivo, che si focalizzi sulle opportunità di restauro dei rustici, per il territorio e per la comunità. L’obiettivo di tutti (Confederazione, Cantone, Comuni, enti pubblici e cittadinanza) dovrebbe essere quello di salvaguardare, con precise regole, questi preziosi beni culturali e questi paesaggi antropizzati: è anche un discorso di qualità diversificata del territorio, rifuggendo la banalizzazione, l’impoverimento e la perdita di tracce preziose del passato".

Il punto di partenza è la costatazione che questo patrimonio, per vari motivi, è seriamente a rischio. Molti edifici sono già crollati. Altri sono abbandonati e rischiano di andare a ramengo. Così nei prossimi anni diversi altri preziosi testimoni della civiltà contadina potrebbero venir cancellati irreversibilmente. L’Ers-Lvm e le quattro antenne regionali (Vallemaggia, Verzasca, Gambarogno e Centovalli-Onsernone-Pedemonte) vogliono ora porre l’accento sul problema e coinvolgere la comunità per promuovere e incentivare il restauro dei rustici. Il "manifesto", in tutti i suoi dettagli, verrà presentato prossimamente alla stampa.

Ma già emergono alcuni dettagli. Tra questi, i consigli ai proprietari dei rustici. Per chi intende restaurare: rivolgersi a progettisti sensibili e di qualità; contattare gli uffici tecnici comunali ed eventualmente i funzionari cantonali; consultare il sito www.ti.ch/rustici, dove vi sono molte informazioni utili; promuovere interventi di qualità.

Vengono pure proposte alcune considerazioni. Prima fra tutte: se un rustico crolla o è fortemente deteriorato nelle sue componenti essenziali la ristrutturazione e il cambio di destinazione in residenza secondaria rischiano di essere giuridicamente impossibili. Lo stesso problema si pone se un rustico oppure i suoi dintorni subiscono delle modifiche che ne alterano l’aspetto originario.

‘Non volete restaurare? Vendete...’

E ancora: "I privati possessori di un rustico che non sono interessati a promuovere un restauro, sono invitati a mettere sul mercato l’edificio. Ciò essenzialmente per scongiurarne l’abbandono e il possibile conseguente crollo. Le comunioni ereditarie ampie e le proprietà eccessivamente frammentate sono sovente un ostacolo per il restauro dei rustici; nel caso in cui nessuno tra membri fosse interessato al restauro, si consiglia di mettere sul mercato le proprietà".

Il "manifesto" ricorda la grande importanza dei rustici per il futuro della montagna, per sviluppare nuove offerte legate al turismo sostenibile e all’economia del settore primario: "La montagna deve essere vista in modo dinamico, unendo tradizione, tutela, valorizzazione ma pure spirito innovativo". Ovviamente è essenziale il sostegno e l’incentivo pubblico a chi tutela questo patrimonio: "Il Cantone, soprattutto, dovrà continuare a promuovere queste ristrutturazioni, sia nei confronti degli enti pubblici (ad esempio con i sussidi destinati ai "progetti paesaggio"), sia nei confronti dei privati (ad esempio con il sussidio per i tetti in piode). Naturalmente anche i Comuni, i Patriziati e le numerose associazioni/fondazioni, pubbliche e private che hanno a cuore il paesaggio costruito sono invitati a essere parte attiva e propositiva". Infatti, quando sono gli enti pubblici a promuovere queste iniziative, "spesso si instaurano nuove opportunità socio-economiche per le regioni discoste, da cogliere e perseguire".

In conclusione, "l’obiettivo è quello di spingere sia il privato cittadino che le istituzioni di diverso genere, a fare il possibile per salvare il salvabile nei prossimi dieci anni, che saranno decisivi nel bene o nel male. Il patrimonio costruito fuori zona edificabile ha infatti ancora molte opportunità da cogliere; tuttavia, senza una consapevolezza e un maggiore impegno corale, il rischio di una sua cancellazione definitiva è reale".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved