ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
3 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
4 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
4 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
4 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
5 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
5 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
5 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
5 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
18.10.2022 - 14:46
Aggiornamento: 17:02

‘Per l’acqua il Locarnese deve fare meglio e di più’

La presa di posizione, con consigli ai Comuni, del comitato dei Cittadini per il territorio

per-l-acqua-il-locarnese-deve-fare-meglio-e-di-piu
Ti-Press
Ogni goccia conta

"Emergenza acqua potabile: i comuni del Locarnese possono e devono fare meglio e di più". Ad affermarlo è il comitato dei "Cittadini per il territorio del Locarnese", composto da Rosanna Camponovo, Francesca Machado, Daniele Polli e Ferruccio D’Ambrogio.

Lo stesso comitato, in una nota stampa, ricorda che "il 2022 è stato marcato da siccità e penuria d’acqua potabile anche nel Locarnese. Per Minusio e Tenero la penuria è stata aggravata dall’inquinamento della falda a seguito dello spurgo del bacino della Verzasca, che ha mandato in tilt il loro approvvigionamento. Per fronteggiare l’emergenza tutti i Comuni hanno emanato raccomandazioni o divieti per indurre la popolazione a ridurre il consumo; altri hanno potuto superare la situazione solo grazie alla fornitura di comuni vicini".

La penuria d’acqua – si legge ancora nella presa di posizione – risulta da un consumo superiore all’approvvigionamento. Per ovviare al problema occorre agire diminuendo i consumi e le perdite delle condotte, ma pure diversificando le fonti d’approvvigionamento. "I dati del Locarnese forniti dalla Società svizzera dell’industria del gas e delle acque (Ssiga), confrontati con la media Svizzera, evidenziano preoccupanti carenze di alcuni Comuni nella diversificazione delle fonti di approvvigionamento, ma soprattutto un eccessivo uso di acqua da parte delle economie domestiche: a fronte della media svizzera di 296 litri/giorno solo Gordola fa meglio (283), seguita da Cugnasco (334). Tutti gli altri segnalano scarti importanti: Locarno (+110), Minusio (+208), Ascona (+451) e Brissago (+642)". Anche per quanto riguarda servizi pubblici e fontane, nel Locarnese si supera la media nazionale, di quasi il 5 per cento.
Senza dimenticare le perdite delle condotte: la regione è del 12,2 per cento sopra il dato svizzero.

"Il ciclo di approvvigionamento, distribuzione, consumo e trattamento di acqua potabile richiede un apporto di energia – prosegue il comitato dei "Cittadini per il territorio del Locarnese" –. A eccezione di Gordola e Cugnasco, che hanno un bilancio energetico globale positivo (non hanno stazioni di pompaggio, sfruttano l’acqua delle sorgenti raccolta in bacini e turbinando l’acqua per produrre elettricità), gli altri Comuni segnalano consumi superiori alla media svizzera. Per affrontare penurie future e diminuire l’esoso consumo energetico per approvvigionamento, distribuzione e trattamento dell’acqua, invitiamo i Comuni ad agire con celerità su diversi livelli". Un elenco in quattro punti:

- Approvvigionamento: recensire e valorizzare tutte le fonti di acqua accessibili (sorgenti, falda, laghi) secondo l’Ordinanza federale sulla garanzia dell’approvvigionamento di acqua potabile (Oaap).

- Uso e distribuzione: limitare sprechi e/o uso sconsiderato degli utenti (fissando quantitativi); eliminare le perdite delle condotte (ammodernare infrastrutture); adottare sistemi di controllo e gestione digitalizzati della rete idrica comunale (rilevatori di perdite, contatori elettronici).

- Bilancio energetico: recuperare energia elettrica tramite turbinaggio; emanare regole per ridurre il fabbisogno pro capite nonché la temperatura dell’acqua sanitaria.

- Infine: informare e coinvolgere attivamente la popolazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved